Negli ultimi anni, si è particolarmente diffusa tra le persone l'esigenza di una maggior cura del corpo, al fine di migliorare il proprio benessere psico-fisico. Da qui una maggiore attività sportiva da un lato, mentre dall'altro si fa più attenzione alla propria alimentazione, cercando di evitare di mangiare sostanze che potrebbero appesantire il nostro fisico o quantomeno ridurne l'assunzione. Altri, invece, prediligono avviare una dieta alimentare specifica.

A proposito di dimagrimento, spesso si cercano alimenti che possano favorirlo e in questi ultimi tempi di parla tanto di caffé verde. Un prodotto leggermente diverso rispetto a quello classico derivante dalla vendita dei tradizionali negozi di cialde (che ogni giorno milioni di italiani prendono piacevolmente al bar). Ma in cosa consiste quello verde e in che modo permette di dimagrire? Cerchiamo di approfondire meglio l'argomento e saperne di più.

Cos'è questo particolare tipo di alimento

In pratica si tratta di chicchi di caffé verde e che si distingue da quello tradizionale (che poi adeguatamente trattato arriva ad essere consumato nei nostri bar o a casa) per il fatto di non essere tostato e quindi rimane crudo e viene lasciato essiccare al sole, mantenendo un colore particolare, verde smeraldo appunto. Questo tipo di caffè si differenzia da quello più generalmente conosciuto per sapore, aspetto e caratteristiche di tipo nutrizionale. Uno dei pochi elementi comuni ai due prodotti è la presenza della caffeina.

Ed è proprio quest'ultima sostanza che, abbinata ad un regime alimentare equilibrato ed una costante attività fisica, favorisce il dimagrimento. In sintesi, la caffeina tende a ridurre l'assorbimento degli zuccheri da parte dell'organismo, stimolando maggiormente il metabolismo di quest'ultimo. Tuttavia, l'azione svolta da tale sostanza è differente se assunta attraverso caffè tradizionale tostato oppure quello verde.

Infatti, se nel primo la caffeina entra subito in circolazione e poco tempo dopo il suo effetto svanisce, col caffé verde invece il suo rilascio è graduale e lento nell'organismo e, di conseguenza, resta per un tempo maggiore ed ha un effetto più prolungato. Anche se, bisogna dirlo, la quantità di caffeina è complessivamente maggiore nel caffé tostato tradizionale rispetto alla sua versione verde più cruda e non tostata.

Come si prepara questo genere di prodotto e come si può trovarlo in commercio

Il caffè verde si trova, come abbiamo detto, sotto forma di semi di Coffea Arabica (gli stessi che poi generalmente vengono tostati e servono a realizzare la bevanda che tutti conosciamo ed apprezziamo), i quali devono essere pestati e polverizzati all'interno di un mortaio. Ciò che si ottiene, poi, si potrà utilizzare mediante un'infusione.

In particolare, ai chicchi pestati vi si deve aggiungere dell'acqua calda (un 150 ml) e, dopo una decina di minuti, si può filtrare il tutto. L'infuso ottenuto si potrà bere caldo o tiepido, ma non bisogna zuccherarlo. Si badi bene, tuttavia, che l'infusione dovrà essere effettuata a circa 80° C, affinche non si perdano le proprietà nutritive e le caratteristiche qualitative di questa tipologia di caffé.

Per coloro che, invece, lo volessero assumere in altri modi, esistono sul mercato confezioni di prodotto già macinato da 500 grammi e che può essere assunto attraverso l'uso della moka tradizionale oppure di quella francese. Altrimenti, esiste del caffé verde anche sotto forma di integratori alimentari in pillole, il cui contenuto è sempre a base di estratto di Coffea Arabica. In questo caso, si potranno prendere le corrette quantità di prodotto ed ovunque si voglia. Tali confezioni si possono trovare ed acquistare sia in tradizionali erboristerie e farmacie che online.

La sua assunzione e a chi è sconsigliato

Questo genere particolare di caffé è venduto sotto diverse forme: dalle pillole alle bustine solubili o da infusione, passando per il prodotto crudo direttamente utilizzabile con la moka. Tuttavia è importante non eccedere con le dosi consigliate e la sua assunzione è preferibile al mattino o, al massimo, prima dei pasti principali. Resta sconsigliato alle donne in stato di gravidanza o in fase di allattamento e naturalmente ai bambini. Ed è nettamente controindicato a coloro che soffrono di tachicardia ed insonnia.

Distributori di caffè verde

Ovviamente, essendo per ora una bevanda un po’ di nicchia, non si trova ovunque. Se volete ordinare questa particolarità di Internet a farla arrivare comodamente a casa, o se siete venditori al dettaglio e volete mettervi in contatto con dei grossisti che commerciano caffè verde, forniamo di seguito un elenco di commercianti di questa rarità:

  • Cafferri: Cafferri è un’azienda distributrice di caffè in capsule e cialde, vendita e assistenza macchine professionali per il caffè, con sede in provincia di Vercelli. L'azienda, in fase di ampliamento, propone differenti tipologie di prodotti: caffè in capsule e cialde, caffè in grani e macinato. Quest’impresa è presente sia nella zona Torino-Cuneo-Vercelli;
  • Caffè Foschi: Caffè Foschi è una torrefazione della provincia di Pesaro e Urbino attiva nel mercato dei fornitori di caffè sin dal 1950. L'azienda utilizza moderni macchinari per la lavorazione dei chicchi di caffè seguendo però gli antichi segreti tramandati dalla tradizione di famiglia. La gamma di prodotti è molto ampia ed include: tante miscele di caffè in grani, in capsule, in cialde, caffè verde, liquori e confezioni. Oltre a ciò, sono a disposizione macchine da caffè in capsule;
  • GDC Green Coffee: La GDC green coffee con sede a Napoli opera nel settore dei caffè crudi. Si offre alla clientela un vasto assortimento di origini pronte a soddisfare ogni bisogno. Sempre informati sulle situazioni di mercato operando quotidianamente con i più importanti esportatori per garantire ai clienti torrefattori un prezzo vantaggioso. I prodotti forniti, sottoposti a rigidi standard qualitativi sono i seguenti: arabica lavati, arabica naturali, robusta lavati, robusta naturali, decaffeinati, speciali certificati, decaffeinati speciali.
  • Moka Kenya: Moka Kenya è un'azienda produttrice di caffè che opera nel mercato da oltre sessant'anni. Il processo di selezione della materia prima avviene in forma diretta ed è seguito da una fase di tostatura che avviene in modo artigianale, a fuoco lento e fiamma indiretta, per dare risalto ai profumi e gli aromi presenti nei chicchi. Questi fornitori si rivolgono a: horeca, uffici, negozi specializzati, domestico, spa ed export. La gamma di prodotti include: miscele per bar e ristoranti, preparazioni filtro-americano, cialde, capsule, green coffe, attrezzature, servizi e corsi.

Potrebbe interessarti

Dieta per un atleta: qual è la corretta formula da seguire?

Dieta per un atleta

Sappiamo tutti quanto sia importante per un atleta seguire una corretta alimentazione: ma qual è la migliore dieta per un atleta?. Il mangiare in maniera delicata e proporzionata al proprio impegno atletico è molto importante, soprattutto in considerazione del fatto che può essere considerata a tutti gli effetti un arma in più. 

Ansia e alimentazione: tenere sotto controllo lo stress

Oggi, per curare ansia, insonnia e depressione, ci affidiamo spesso a terapie farmacologiche che ci rendono dipendenti; secondo uno studio australiano invece, una specifica dieta per combattere l'ansia, che si basa sul seguire una sana alimentazione può aiutare a combatterle.

Ecco in cosa consiste una dieta Lemme completa

L’avere un fisico sempre tonico e snello è il sogno di tante persone e per questo motivo si tende a cercare di mantenersi in forma svolgendo dell’attività sportiva oppure a seguire una dieta. In quest’ultimo caso, da decenni ormai sono presentati vari regimi alimentari che promettono di fare miracoli. L’ultima novità arriva da un farmacista italiano, il Dott.Lemme, che promette di far perdere 10 kg in un mese. Cerchiamo di scoprire in cosa consista una dieta Lemme completa.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Rimedi per il bruciore di stomaco: contrastare acidità

Uno dei dolori più invasivi e fastidiosi che il corpo umano possa provare è il bruciore di stomaco. Si tratta di un disagio anche piuttosto frequente che può avere diverse cause, sia di natura fisica che psicologica.

Dieta dei tre giorni : dimagrire in poco tempo

La dieta dei tre giorni può essere seguita in modi diversi, sono infatti possibili molte variazioni della stessa. È bene ricordare in primis che questo regime dietetico, pur consentendo di perdere circa 5 kg, va effettuato non tanto per dimagrire, ma per depurare e disintossicare l'organismo, magari dopo periodi di sbagliata alimentazione, allo scopo di eliminare grosse quantità di liquidi dal corpo.

Anziani e alimentazione: buone abitudini contro le malattie cardiovascolari e il diabete

minerali-alimentazione-anziani.jpg

Da sempre si sa come una sana alimentazione aiuta a prevenire una serie di malattie e a migliorare la forma fisica. Ma l'alimentazione è fondamentale anche per aiutare a combattere malattie cardiovascolari e il diabete, soprattutto nel caso degli anziani. I Senior, infatti, dovrebbero porre la massima attenzione a cosa, quanto e quando mangiare per mantenere quanto più sano possibile il proprio organismo.

Leggi anche...

Dieta diabetici: mantenere sotto controllo la glicemia

Il primo passo da fare per mantenere sotto controllo il diabete è eliminare le abitudini alimentari sbagliate, magari seguendo una dieta per diabetici. E’ consigliabile ridurre il più possibile i cibi dolci e salati. I cereali e le fibre sono degli ottimi alleati. E’ utile sapere che le melanzane aiutano a ridurre il bisogno di mangiare cibi dolci e ricchi di carboidrati.

Leggi anche...

Impacchi anticellulite: i migliori rimedi naturali per eliminarla

Impacchi anticellulite

Tutte le donne alla parola “cellulite” assumono un’espressione mista tra disgusto e tristezza, iniziando a visualizzare immagini chiare di gambe e glutei caratterizzati da quest’inestetismo.

Leggi anche...

Quali esercizi fare per ridurre i dolori della lombalgia

Il mal di schiena è uno dei malesseri più ricorrenti nelle popolazioni nord occidentali, ma le tipologie di dolori alla schiena sono molteplici e ognuna ha cause e sintomatologie diverse. La lombalgia, per esempio, è una condizione dolorosa della colonna vertebrale che non è una malattia di per sé, ma sintomo di altre patologie.