Logo del sito BuonaDieta

Oggi ci dedichiamo al mondo femminile. La ritenzione idrica subentra soprattutto in quei soggetti sedentari che hanno superato i 25-30 anni d'età. E' un fenomeno che interessa soprattutto le donne e, in generale, le persone che stanno in piedi o sedute per lungo tempo, con variazioni brusche del peso corporeo.

Menu di navigazione dell'articolo

L'ingrassamento provoca un eccessivo allargamento dei fianchi, che si presentano molli, gonfi e con i contorni arrotondati (aspetto “a buccia d’arancia”) e il gonfiore tende a estendersi anche ai glutei e all’interno delle cosce e delle braccia. Per questo molte donne, per snellire i fianchi si affidano alle diete che promettono un dimagrimento localizzato.

Le diete che promettono dimagrimento localizzato? Una truffa

Sono tantissime le diete che promettono di farvi perdere pancia o snellire i fianchi, o magari tutti e due. Si tratta però di diete che non hanno alcun supporto scientifico, e che nella totalità dei casi si risolvono in un nulla di fatto. Si fanno sacrifici, ci si priva delle gioie della tavola e non si risolve nulla.

Meglio lasciare stare e, se si è già raggiunto il peso forma, interrompere ogni tipo di dieta. Non sarà così che riusciremo a buttare giù il tanto odiato grasso sui fianchi.

La palestra? Potrebbe peggiorare il problema

La palestra, con esercizi localizzati per andare a sciogliere il grasso sui fianchi e sull’addome, potrebbe addirittura peggiorare il problema. Con l’esercizio fisico infatti si vanno ad aumentare i muscoli nella zona, con l’effetto di rendere ancora più visibili i tanti odiati fianchi. Che fare allora? Continuare con l’attività cardio, evitando gli esercizi su fianchi e glutei.

Ecco comunque 5 esercizi che possono aiutare a snellire i fianchi:

  • Squat laterale: in piedi, con i piedi larghi quanto le spalle, fai un passo laterale con una gamba e abbassati in uno squat mantenendo la gamba opposta tesa. Poi torna in piedi e ripeti con l'altra gamba.
  • Affondi laterali: in piedi, fai un passo laterale con una gamba e abbassati in un affondo, mantenendo la gamba opposta tesa. Poi torna in piedi e ripeti con l'altra gamba.
  • Ponte sulle gambe sollevate: sdraiati sulla schiena con le ginocchia piegate e i piedi appoggiati a terra. Solleva una gamba in modo che sia dritta e parallela al pavimento, quindi solleva il bacino in modo che formi una linea retta con la gamba sollevata. Mantieni la posizione per alcuni secondi e poi ripeti con l'altra gamba.
  • Crunch laterale: sdraiati sulla schiena con le ginocchia piegate e le mani dietro la testa. Solleva il busto e piegati lateralmente verso una gamba, mantenendo l'altra gamba appoggiata a terra. Ripeti con l'altra gamba.
  • Rotazioni della caviglia: in piedi, solleva una gamba e ruota la caviglia in senso orario e antiorario per alcuni secondi. Ripeti con l'altra gamba.

È importante notare che l'esercizio fisico da solo potrebbe non essere sufficiente per snellire i fianchi. È importante anche seguire una dieta equilibrata e uno stile di vita sano per vedere i risultati. Consultare un medico o un personal trainer prima di iniziare un nuovo programma di esercizi.

Come snellire i fianchi con regole alimentari ferree

Perdere peso in un punto specifico spesso è difficile e bisogna armarsi di santa pazienza associando alimentazione sana ed esercizi mirati.

Nel caso dei fianchi, la cosa è ancora un po’ più particolare. Infatti, oltre al grasso, in quest’area si accumula anche la cellulite che sembra più evidente a causa della ritenzione idrica. Perciò, oltre alle normali regole alimentari con ingredienti privi di grassi saturi, cereali integrali, proteine magre, grassi buoni (olio extravergine d’oliva e frutta secca) e verdure è meglio evitare i cibi industriali e quelli molto salati.

Per essere sicuri è meglio verificare sempre le etichette alimentari di tutti i cibi per controllare le quantità di sodio presenti. Le stesse cose andrebbero fatte anche per l’acqua e le bibite gassate che comunque andrebbero abolite per gli zuccheri contenuti. Se, però, si è abituati a berle nella versione light, è meglio ricordare che per contrastare la ritenzione idrica è indicato bere acqua semplice che, naturalmente, deve essere assunta in abbondanza.

In generale le quantità consigliate sono di circa tre litri al giorno in base alla tipologia di vita che si fa e all’eventuale attività fisica svolta. La cosa importante è di non scendere mai al di sotto dei due litri ed evitare, al contempo, di berne in eccedenza se non se ne sente la necessità.

Vi sono degli alimenti, poi, che chi desidera snellire i fianchi può consumare nella propria alimentazione, allo scopo di trarne maggiori benefici. Fra questi abbiamo: ananas, kiwi, finocchi, cipolle, carciofi e the verde. Di quest’ultimo è consigliato di berne una tazza almeno una volta al giorno. Questi, sono alimenti con un grande potere drenante che garantiscono i giusti sali minerali e non creano ritenzione idrica. Il finocchio, poi, è l’ideale per sgranocchiarlo fra un pasto e l’altro con lo scopo di evitare di lasciarsi andare a cibi meno salutari. Naturalmente i finocchi non si devono salare ma possono essere insaporiti con spezie dal gusto deciso come paprika e peperoncino.

Snellire i Fianchi Velocemente

Ecco un esempio di dieta settimanale per snellire i fianchi con "rimedi naturali"

Lunedì:

  • Colazione: Porridge di avena con frutta fresca e latte di mandorle
  • Spuntino: Yogurt greco con frutta secca
  • Pranzo: Insalata di pollo con verdure a foglia verde e olio d'oliva
  • Spuntino: Una mela con burro di mandorle
  • Cena: Salmone alla griglia con asparagi e zucchine

Martedì:

  • Colazione: Uova strapazzate con avocado e pane integrale tostato
  • Spuntino: Carote crude con hummus
  • Pranzo: Salmone affumicato con insalata di quinoa e verdure a foglia verde
  • Spuntino: Un bicchiere di latte di mandorle con una banana
  • Cena: Pollo alla griglia con broccoli al vapore

Mercoledì:

  • Colazione: Smoothie di frutta con latte di cocco e semi di chia
  • Spuntino: Un'arancia e un pugno di mandorle
  • Pranzo: Insalata di tonno con verdure a foglia verde e avocado
  • Spuntino: Yogurt greco con frutta fresca
  • Cena: Bistecca alla griglia con patate dolci e asparagi

Giovedì:

  • Colazione: Frittata con verdure miste e pane integrale tostato
  • Spuntino: Una mela con burro di mandorle
  • Pranzo: Insalata di pollo con verdure a foglia verde e olio d'oliva
  • Spuntino: Carote crude con hummus
  • Cena: Filetto di merluzzo al vapore con spinaci e patate al forno

Venerdì:

  • Colazione: Porridge di quinoa con frutta fresca e latte di cocco
  • Spuntino: Yogurt greco con frutta secca
  • Pranzo: Insalata di salmone affumicato con verdure a foglia verde e avocado
  • Spuntino: Un bicchiere di latte di mandorle con una banana
  • Cena: Pollo alla griglia con zucchine e pomodori al forno

Sabato:

  • Colazione: Uova alla Benedict con avocado e pane integrale tostato
  • Spuntino: Carote crude con hummus
  • Pranzo: Insalata di pollo con verdure a foglia verde e olio d'oliva
  • Spuntino: Una mela con burro di mandorle
  • Cena: Bistecca alla griglia con patate dolci e asparagi

Domenica:

  • Colazione: Pancakes di banana con sciroppo d'acero e frutta fresca
  • Spuntino: Un'arancia e un pugno di mandorle
  • Pranzo: Insalata di tonno con verdure a foglia verde e avocado
  • Spuntino: Yogurt greco con frutta fresca
  • Cena: Salmone alla griglia con asparagi e zucchine

Si raccomanda di bere almeno 8 bicchieri d'acqua al giorno e di limitare il consumo di alcolici e bevande zuccherate.

Come snellire i fianchi con la chirurgia? La via più efficace

La chirurgia estetica è, dati scientifici alla mano, la via più efficace per rimuovere l’adipe e snellire i fianchi. Interventi come quello di liposuzione e quello di liposcultura sono infatti in grado di andare a rimuovere il grasso che si è concentrato in determinate parti del nostro corpo, senza andare ad intaccare l’equilibrio delle parti del nostro corpo che, magari, hanno già raggiunto la forma e il tono che desideriamo.

Interventi ormai per tutti

Si tratta di interventi ormai per tutti, sia sotto il profilo economico, sia sotto quello della convalescenza. Si tratta in realtà di due cose che procedono di pari passo: l’avanzare della tecnica ha abbattuto i tempi di convalescenza, e non essendo più necessaria una lunga ospedalizzazione dopo l’intervento, i costi si sono ridotti a punto tale da rendere la liposcultura una possibilità per tutti. Una visita preliminare può rimuovere tutti i vostri dubbi. Avete ancora dubbi? Ogni chirurgo mette a disposizione il proprio studio per visite preliminari che servono, oltre che ad individuare le specificità del paziente, ad offrire possibili soluzioni. Provare non costa nulla ed è il primo passo verso la nostra liberazione dai fianchi troppo larghi.

I vantaggi del linfodrenaggio delle gambe

Uno dei principali benefici del linfodrenaggio delle gambe è l'eliminazione dell'edema (gonfiore) grazie alla stimolazione della circolazione sanguigna. Ciò a sua volta aumenterà l'apporto di ossigeno alle cellule, migliorando così la salute generale negli arti inferiori. Il linfodrenaggio può anche avere effetti benefici sulla pelle, favorendo un aspetto più tonico e sano. Per gli atleti, il trattamento può contribuire ad accelerare il recupero dopo un infortunio o un allenamento intenso. Inoltre, moltissime persone riferiscono di sentirsi più rilassate dopo aver ricevuto questa terapia.

Come eseguire il Linfodrenaggio delle gambe?

Il linfodrenaggio delle gambe è un processo relativamente semplice da mettere in pratica ed è generalmente eseguito da professionisti certificati come fisioterapisti o massofisioterapisti qualificati con esperienza nel settore della terapia manuale. La procedura consiste nell'utilizzare movimenti delicati attraverso l'uso specificatamente progettato di manovre manualmente applicate che consentono al liquido in eccesso nelle zone problematiche di passare attraverso i canali linfatici di scarico presenti nel corpo umano e venire eliminato attraverso la sudorazione. Durante la procedura, sono permessi massaggi dettagliati per facilitare il flusso del liquido e la pressione deve essere applicata con molta attenzione per garantire che il paziente non provi alcun disagio.

È importante notare che il drenaggio linfatico deve essere eseguito solo da un professionista qualificato ed è consigliabile consultare un medico prima di sottoporsi a questo trattamento. Inoltre, dopo una sessione di linfodrenaggio alle gambe, si raccomanda di bere molti liquidi per reintegrare quelli persi durante la procedura. Tenendo conto di tutti questi fattori, il linfodrenaggio delle gambe può essere uno strumento efficace per ridurre il gonfiore e migliorare la circolazione generale dell'organismo.

A chi è destinato questo tipo di massaggio drenante?

 Il massaggio linfodrenante alle gambe è adatto a tutti coloro che hanno bisogno di ridurre il gonfiore delle caviglie e delle gambe, oltre che alle persone affette da vene varicose, linfedema (edema cronico), trombosi venosa profonda o flebite. Questa terapia può essere utile anche per chi soffre di stanchezza cronica, cattive condizioni fisiche e stress emotivo.

Se eseguito correttamente, questo tipo di massaggio può offrire molti benefici per la salute senza alcun effetto collaterale. Pertanto, se hai problemi di circolazione agli arti inferiori, ti consigliamo di prendere in considerazione il drenaggio linfatico delle gambe come parte del tuo piano di trattamento.

Sebbene il drenaggio linfatico delle gambe sia generalmente considerato una terapia sicura ed efficace, dovrebbe essere evitato dalle donne in gravidanza o dalle persone con pressione alta, problemi cardiaci, disturbi emorragici o malattie renali. È inoltre sconsigliato ai pazienti oncologici sottoposti a trattamenti di chemioterapia o radioterapia. Prima di iniziare la sessione di massaggio, il medico dovrebbe valutare le tue condizioni fisiche per stabilire se questo tipo di trattamento è adatto a te.

Il massaggio drenante si può eseguire in abbinamento a creme o olii specifici?

Alcune creme e oli possono essere utilizzati insieme al massaggio drenante per migliorare l'efficacia del trattamento. Ad esempio, vengono spesso utilizzate speciali creme tonificanti contenenti ingredienti naturali come l'estratto di ippocastano o l'olio di semi d'uva per aiutare a ridurre il gonfiore e migliorare la circolazione. Inoltre, alcuni terapisti possono utilizzare oli essenziali come la lavanda o l'eucalipto per le loro proprietà terapeutiche durante la sessione di massaggio.

In conclusione, il linfodrenaggio delle gambe è una terapia semplice e sicura che può apportare numerosi benefici alla salute. Con l'uso di creme e oli appropriati, può essere ancora più efficace per ridurre il gonfiore e migliorare la circolazione.

In quali altre parti del corpo si può effettuare il linfodrenaggio?

Il linfodrenaggio può essere utilizzato anche in altre parti del corpo come braccia, collo e viso per aiutare a ridurre l'accumulo di liquidi e migliorare la circolazione linfatica. È importante notare che questo tipo di massaggio, pur offrendo molti potenziali benefici, deve essere eseguito solo da un terapeuta esperto. Inoltre, le creme o gli oli utilizzati durante la seduta devono essere formulati specificamente per l'uso su aree sensibili come il viso e il collo.

Nel complesso, il linfodrenaggio delle gambe può offrire numerosi benefici per la salute con rischi o effetti collaterali minimi se somministrato correttamente. È quindi consigliato a chi soffre di gonfiore cronico agli arti inferiori o di vene varicose. Inoltre, il suo utilizzo può aiutare a ridurre i livelli di stress e a migliorare le condizioni fisiche se abbinato ad altri trattamenti. 

Tuttavia, è importante ricordare che questo tipo di massaggio deve essere eseguito solo da un terapeuta qualificato e con creme o oli appositamente studiati per l'uso su aree sensibili come il viso e il collo. Prendendo in considerazione queste precauzioni, potrai assicurarti che la tua sessione di massaggio linfodrenante sia sicura ed efficace.

Drenaggio linfatico e Massaggi: come possono diminuire la ritenzione idrica?

Possono aiutare a diminuire la ritenzione idrica in diverse maniere:

  1. possono migliorare la circolazione sanguigna, favorendo il drenaggio dei liquidi accumulati nei tessuti e riducendo la ritenzione idrica.

  2. Riducono il gonfiore causato dalla ritenzione idrica, poiché favoriscono il deflusso dei liquidi in eccesso attraverso i vasi linfatici.

  3. il drenaggio linfatico stimola il sistema linfatico, che è responsabile della rimozione dei rifiuti e dei liquidi in eccesso dal corpo. Questo può aiutare a prevenire la ritenzione idrica e migliorare la salute generale del sistema immunitario.

  4. imassaggi possono aiutare a rilassare i muscoli e ridurre la tensione, migliorando la circolazione sanguigna e linfatica e favorendo il deflusso dei liquidi.

FAQ

Cos'è la ritenzione idrica e come può causare gonfiore ai fianchi?

La ritenzione idrica è un accumulo di liquidi nel tessuto sottocutaneo che può causare gonfiore e fastidio. Questo può accadere quando il corpo trattiene troppa acqua, che può essere causata da una varietà di fattori, tra cui disidratazione, squilibri ormonali, cattiva circolazione sanguigna e una dieta ricca di sodio.

Quali sono i sintomi della ritenzione idrica ai fianchi?

La ritenzione idrica ai fianchi può causare gonfiore, pesantezza e rigidità. In alcuni casi, la pelle può apparire tesa e lucida, e potrebbe esserci dolore o sensazione di calore nella zona.

Quali esercizi possono aiutare a snellire i fianchi dalla ritenzione idrica?

Gli esercizi che mirano alle gambe e alle cosce, come gli affondi, lo step-up, il ponte gluteo e la camminata laterale, possono aiutare a stimolare la circolazione sanguigna e ridurre il gonfiore dei fianchi causato dalla ritenzione idrica.

Quali alimenti possono aiutare a ridurre la ritenzione idrica ai fianchi?

Alcuni alimenti che possono aiutare a ridurre la ritenzione idrica ai fianchi includono frutta e verdura fresca, alimenti ricchi di potassio come banane e patate dolci, e bevande come tè verde e tisane.

Cosa si può fare per prevenire la ritenzione idrica ai fianchi?

Alcuni modi per prevenire la ritenzione idrica ai fianchi includono bere molta acqua, evitare cibi salati e ricchi di sodio, fare regolarmente esercizio fisico, indossare abiti comodi e non stretti, e assumere integratori di magnesio o altri nutrienti utili per la salute del sistema circolatorio.