La dieta Mayo prende il nome da una clinica americana molto famosa negli anni ’80, anni in cui questa dieta andò particolarmente di moda. È basata su un principio di una semplicità impressionante: si mangia talmente poco che per forza di cose si dimagrisce.

Vantaggi della dieta Mayo

I vantaggi di questo regime alimentare dietetico partono dalle allettanti aspettative: la perdita da 5 a 7 kg in 14 giorni. È una dieta economica e non richiede una particolare abilità culinaria. Inoltre se consumate i pasti in ufficio, è possibile portarli tranquillamente da casa.

Rischi

D’altro canto la dieta Mayo se viene seguita superficialmente e per più delle due settimane previste, rischia di provocare gravi complicazioni metaboliche. Può favorire l’arteriosclerosi, l’osteoporosi e seri problemi a livello cardiovascolare. Provoca gravi carenze proteiche, di vitamine e si sali minerali. Inoltre la Dieta Mayo oltre a far perdere peso istantaneamente, è capace di far riprendere i chili persi con altrettanta velocità.
Malgrado i rischi siano decisamente più rilevanti rispetto ai vantaggi, la Dieta Mayo è ancora molto popolare, quindi se si decide si seguirla è raccomandabile essere seguiti dal proprio medico o da un dietista.

L'altra dieta Mayo

Molto spesso la dieta che prende il nome dalla clinica viene confusa con una dieta chetogenica omonima: si tratta di un regime alimentare che ha più di settant'anni di età, e che fu poi ottimizzata durante gli anno '80. Si tratta di una strategia molto molto dura per perdere perso, che si basa su circa due settimane di riduzione ferrea delle calorie, e due giorni in cui invece è possibile mangiare in maniera “normale”. L'obiettivo è quello di perdere velocemente chili di adipe, ma a causa della carenza di particolari alimenti, si perdono anche molti grammi di massa muscolare, ossea e cutanea.

Durante i tre pasti quotidiani, non vengono garantite più di 1000 calorie! Durante i 14 giorni, fra le varie pietanze che sono da abolire del tutto, rientrano tutti i latticini, tranne lo yogurt, gli zuccheri, i cereali ed i legumi; anche la frutta è praticamente bandita, ad eccezione del pompelmo.

Il piatto forte di questo regime alimentare sono le uova, che vanno consumate nella misura che va dalle 12 alle 72 per tutto il periodo! Una fetta di pane al giorno è consentita.
Questo è lo schema generale del regime Mayo, suddivisi fra pranzi e cene durante i 14 giorni.

  • 11 pasti a base di uova
  • 10 pasti a base di carne
  • 3 pasti a base di pesce
  • 2 pasti a base di frutta
  • 1 pasto a base di yogurt

Menù settimanale

Riportiamo un esempio di menù settimanale della dieta Mayo, che ricordiamo va seguito con particolare attenzione essendo ricco di proteine. Questo programma dovrà essere seguito per due settimane. I pasti previsti da questa dieta sono esclusivamente a base di uova, carne bianca, pesce azzurro, yogurt magro e frutta tra le quali è consentito solo il pompelmo.

Lunedì

Colazione:

  • 1 Pompelmo
  • 2 uova sode
  • 30 gr di pane di segale
  • Tè oppure caffè non zuccherati

Pranzo:

  • 2 uova all’occhio di bue o sode
  • 1 Pompelmo
  • Caffè o tè non zuccherati

Cena:

  • 90 gr di carne bianca cotta alla piastra
  • Verdura: pomodoro, sedano, spinaci o insalata

Martedì

Colazione:

  • 1 Pompelmo
  • 2 uova
  • 1 fetta biscottata
  • Tè oppure caffè non zuccherati

Pranzo:

  • 90 gr di tacchino cotto ai ferri
  • Verdura, pomodori o insalata
  • Tè oppure caffè non zuccherati

Cena:

  • 2 uova
  • Verdura o insalata

Mercoledì

Colazione:

  • 1 Pompelmo
  • 2 uova
  • 30 gr di pane integrale
  • Tè oppure caffè non zuccherati

Pranzo:

  • 2 uova sode
  • 1 yogurt magro
  • Tè oppure caffè non zuccherati

Cena:

  • 100 gr di pesce azzurro
  • Verdura o insalata
  • 1 Pompelmo

Giovedì

Colazione:

  • 1 Pompelmo
  • 2 uova
  • 1 fetta biscottata
  • Tè oppure caffè non zuccherati

Pranzo:

  • 90 gr di petti di pollo cotto in padella senza condimento
  • Verdura, pomodori o insalata
  • Tè oppure caffè non zuccherati

Cena:

  • 2 uova
  • Verdura o insalata
  • 1 yogurt magro

Venerdì

Colazione:

  • 1 Pompelmo
  • 2 uova
  • 30 gr di pane di segale
  • Tè oppure caffè non zuccherati

Pranzo:

  • 2 uova all’occhio di bue senza condimento
  • Verdura, pomodori o insalata
  • 1 Pompelmo
  • Tè oppure caffè non zuccherati

Cena:

  • 100 gr di pesce azzurro non condito
  • 1 Pompelmo

Sabato

Colazione:

  • 1 Pompelmo
  • 2 uova
  • 30 gr di pane integrale
  • Tè oppure caffè non zuccherati

Pranzo:

  • 90 gr di tacchino bollito
  • Verdura, pomodori o insalata
  • 1 pompelmo
  • Tè oppure caffè non zuccherati

Cena:

  • 2 uova
  • Verdura o insalata
Autore: Enrico Mainero
Immagine di Enrico Mainero

Dal 2011 Direttore Responsabile e Amministratore unico di ElaMedia Group SRLS. Mi dedico prevalentemente all'analisi dei siti web e alla loro ottimizzazione SEO, con particolare attenzione allo studio della semantica e al loro posizionamento organico sui motori di ricerca. Sono il principale curatore dei contenuti di questo Blog (assieme alla Redazione di ElaMedia).

Altri articoli che potrebbero interessarti

Il menù settimanale della Dieta estiva: come depurare il corpo dopo l'inverno

La primavera è alle porte e si respira già un’aria diversa, le giornate sono più lunghe e l’umore di molte persone è più allegro. La primavera è la stagione che porta la natura e risvegliarsi e a rinascere dopo il lungo e freddo inverno, purtroppo però è proprio grazie alle temperature più miti che la maggior parte delle persone si accorge, togliendo dall’armadio i pesanti e larghi maglioni, di aver preso qualche chilo.