Uno dei maggiori sostenitori della dieta macrobiotica è stato Nyioti Sakurazawa, un medico e filosofo, attratto della filosofia orientale. Secondo il dottor Sakurazawa, noto anche sotto il nome di George Ohsawa, un alimentazione corretta è l’unico modo per poter mantenere il proprio peso ideale e ridurre il rischio di contrarre alcune particolari patologie.

In una dieta macrobiotica l’assunzione di liquidi ha particolare importanza e possono essere assunti anche grazie a delle bevande come il tè e le tisane.

Il principio della dieta macrobiotica

Secondo il principio sul quale si fonda la dieta macrobiotica l’uomo dovrebbe consumare solo alcune categorie di alimenti, esattamente due. La prima è detta Yin e comprende cibi come latte, yogurt, spezie, tè, frutta ecc, mentre la seconda è detta Yang e comprende cibi come la carne, le uova, il sale ecc. Questo regime dietetico inoltre prevede anche il consumo di cereali, semi oleosi e legumi.

Gli alimenti più consumati

Come è stato già detto la dieta macrobiotica si basa sul consumo principale di alcuni alimenti, che devono però avere delle specifiche caratteristiche, che sono riportate di seguito.

  • Cereali, è necessario consumare cereali che non hanno subito un processo di raffinazione, come il miglio, il riso, il grano saraceno, il frumento, il mais e la segale. Può essere utilizzato anche il Kokoh, un insieme di farine mischiate con soia e sesamo e l’Arrowroot, un fecola molto particolare.
  • Grassi come il Tahin, che è un burro che si ottiene dalla lavorazione del sesamo, il Gomasio, che invece si ottiene lavorando il sale marino con il sesamo, l’olio extra vergine di oliva, il burro e la margarina.
  • Legumi come ceci, soia, Azuki e lenticchie.

Caratteristiche della dieta macrobiotica

La dieta macrobiotica è ricca di liquidi, perché prevede un eccessivo consumo di frutta, verdura, legumi e cereali cotti in abbondante acqua; inoltre predilige bevande quali tè e surrogati del caffè, avvertendo così anche un minor bisogno di bere acqua.

Questo regime alimentare può essere percentualmente schematizzato nel seguente modo: il pasto sarà equilibrato se conterrà il 50% di cereali integrali, il 25% di proteine di cui il 10% di origine animale e il 15% di origine vegetale, il 25% tra verdure (cotte e crude) e frutta.

Quali cibi eliminare

Chi intende praticare questo genere di dieta, deve attenersi a regole ben precise.

Tra i cibi da eliminare ci sono: lo zucchero, i dolci, le caramelle, il miele, le spezie, le patate, i pomodori, le melanzane, latte e suoi derivati.

Vanno invece consumate frutta e verdura di stagione, evitando frutti esotici e verdure congelate, e si deve prediligere il pesce alla carne.

Esempio menù con cibi yang

Di seguito è illustrato un esempio di menù dieta a base di cibi yang e yin, che vi permetterà di riequilibrare il vostro corpo e tornare in forma perfetta. Questo regime dietetico cinese prevede infine il consumo, lontano dai pasta, di almeno due litri di acqua al giorno. Ricordiamo che i cibi yang sono quelli caldi.

Lunedì

  • Colazione: 150ml yogurt magro + 20g di fiocchi di avena
  • Spuntino: 1 frutto fresco di stagione
  • Pranzo: minestra di verdure con riso integrale + cipolline in agrodolce + 200g kiwi
  • Spuntino: 1 tazza di tè verde 
  • Cena: insalata con crescione e gambi al vapore conditi con una olio, yogurt bianco e la salsa di soia + 1 fetta di pane di segale + 1 arancia

Martedì

  • Colazione: 150ml yogurt magro + 20g di fiocchi di avena
  • Spuntino: 1 frutto fresco di stagione
  • Pranzo: 130g di salmone al cartoccio + patate al forno + cavoletti di Bruxelles al vapore, conditi con una salsa preparata con olio, yogurt e aceto + 1 pera
  • Spuntino: 1 tazza di tè verdeCena: insalata di lattuga e tofu condita con olio e limone + 1 fetta di pane di segale + 1 pompelmo

Mercoledì

  • Colazione: 150ml yogurt magro + 20g di fiocchi di avena
  • Spuntino: 1 frutto fresco di stagione
  • Pranzo: minestra con orzo e lenticchie + cavolfiore al vapore condito con olio e salsa di soia + 2 mandarini
  • Spuntino: 1 tazza di tè verde
  • Cena: pollo in agrodolce + 1 fetta di pane di segale + macedonia di frutta mista di stagione + 1 yogurt bianco magro

Giovedì

  • Colazione: 150ml yogurt magro + 20g di fiocchi di avena
  • Spuntino: 1 frutto fresco di stagione
  • Pranzo: 130 g di pesce spada alla griglia + patate lesse + carotine cotte al vapore + insalata + 200g kiwi
  • Spuntino: 1 tazza di tè verde
  • Cena: minestra di ceci + verdure grigliate + 1 fetta di pane di segale + 1 arancia

Venerdì con Cibi Yang

  • Colazione: 150ml yogurt magro + 20g di fiocchi di avena
  • Spuntino: 1 frutto fresco di stagione
  • Pranzo: risotto con i funghi porcini + insalata di indivia condita con olio extravergine d'oliva e aceto + 1 yogurtmagro + 1 mela
  • Spuntino: 1 tazza di tè verde
  • Cena: salmone al vapore condito con un succo di limone + verdure in agrodolce + 1 fetta di pane di segale + 1 mela

Sabato

  • Colazione: 150ml yogurt magro + 20g di fiocchi di avena
  • Spuntino: 1 frutto fresco di stagione
  • Pranzo: sogliola al vapore condita con salsa di soia + patate al forno + spinaci lessi + 1 pera
  • Spuntino: 1 tazza di tè verde
  • Cena: 130 g di arrosto di tacchino + rape al vapore condite con olio extravergine d'oliva ed aceto + 1 fetta di pane integrale + 1 pompelmo

Domenica

  • Colazione: 150ml yogurt magro + 20g di fiocchi di avena
  • Spuntino: 1 frutto fresco di stagione
  • Pranzo: 60 g di riso basmati in bianco condito solo con un filo di olio extravergine + 2 uova sode + 1 barbabietola lessata + 1 kiwi
  • Spuntino: 1 tazza di tè verde
  • Cena: insalata di radicchio con100g di tofu condita con una salsina preparata con yogurt bianco magro, olio e limone + 1 fetta di pane integrale + 1 kiwi

Soia e Cibi Yang: la grande “amica” degli sportivi e delle donne

immagine esemplificativa per l'articolo Cibi Yang: unire cibi freddi ai cibi caldi

Dopo aver parlato di cibi yang e cibi yin, ecco tutti i benefici di un regime alimentare a base di soia, perfetto per le donne e gli sportivi in generale. Duro allenamento, tanta fatica, sudore, forza di volontà e un’alimentazione che prevede il consumo di soia: ecco la perfetta vita dello sportivo. La soia, proprio così. È stato dimostrato che questo alimento, con altissime doti di digeribilità, è perfetto per chi è abituato a sostenere ripetuti sforzi e a testare costantemente il proprio stato di efficienza fisica. Non solo: la soia è un alimento ideale da inserire in precise diete dimagranti anche a base di cibi yang ed è stato etichettato come alimento amico del gentil sesso.

Un legume che, quindi, strizza l’occhio non solo agli sportivi, i quali devono seguire una corretta alimentazione per garantire al proprio corpo gli essenziali nutrienti per contrastare la fatica, ma anche alle donne, che mai rinunciano ad una guardatina allo specchio per mantenere sotto controllo la silhouette.

Un alimento perfetto per tenere a bada l’aumento del peso: una cosa che sanno bene in tantissimi Paesi asiatici, dove la soia rappresenta l’alimento che sta alla base della piramide della salute. Quindi, per coloro che amano mangiare in maniera salutare e non vuole lasciarsi andare ai chili di troppo, è utile integrare l'alimentazione, oltre che con cibi yang e yin, anche con cibi contenenti la soia e può aiutarsi anche con qualche integratore alimentare, come pillole dimagranti efficaci. Così sarà possibile dire addio ai chili in eccesso e ritrovare se stessi dinanzi allo specchio, in maniera molto più semplice.

Le grandi proprietà della soia: fonte di energia per i runners

La soia si differenzia dalla maggior parte degli altri legumi, non solo perché è facilmente digeribile, ma anche per il fatto che contiene una grandissima concertazione di proteine e amminoacidi: circa il 35% del peso secco del piccolo seme.

Ma, perché è utile per dimagrire, ovvero mantere costante il peso? Le proteine della soia garantiscono un effetto saziante molto più ampio, rispetto a qualsiasi altro alimento ricco di proteine, svolgendo un’azione stimolante per la colecistochinina, cioè il cosiddetto ormone della sazietà.

Inoltre, rappresentano un vero e proprio scrigno di gioielli alimentari per coloro che amano correre: gli alimenti a base di soia sono perfetti per i runners, ma anche per chi pratica sport in generale, dato che presentano un elevato profilo di amminoacidi ad altissima biodisponibilità. I muscoli potranno contare su di un valido aiuto per rigenerarsi dopo lo sforzo e mantenersi sempre in forma perfetta.

A seguito di una corsa si ha sempre un’abbondante perdita di liquidi e sali minerali che vanno reintegrati attraverso l’assunzione di magnesio e potassio. Tra i più noti integratori di queste due sostanze citiamo massigen magnesio e potassio e supradin.

Cibi Yang: la soia amica delle donne

Cibi Yang: unire cibi freddi ai cibi caldi

Già il fatto che tale legume riesce a favorire il senso di sazietà, permettendo un indiretto controllo del peso, con conseguente riduzione della massa grassa, piace tanto alle donne che amano essere sempre in perfetta forma.

Ma, i vantaggi per le donne sono molteplici: infatti, la soia migliora anche i disturbi legati al ciclo mestruale e alla menopausa, riequilibrando i livelli di estrogeni.

In un unico alimento sono racchiuse tantissime proprietà benefiche per l’organismo, ma mai esagerare: si consiglia di integrare la propria alimentazione con alimenti a base di soia, ma mai di seguire un regime alimentare che si basa solo sul consumo di tale alimento.

Autore: Enrico Mainero
Immagine di Enrico Mainero

Dal 2011 Direttore Responsabile e Amministratore unico di ElaMedia Group SRLS. Mi dedico prevalentemente all'analisi dei siti web e alla loro ottimizzazione SEO, con particolare attenzione allo studio della semantica e al loro posizionamento organico sui motori di ricerca. Sono il principale curatore dei contenuti di questo Blog (assieme alla Redazione di ElaMedia).

Altri articoli che potrebbero interessarti

Dieta per la candida: come curare il disturbo?

dieta candida

Esiste uno stretto legame tra funghi e batteri, ecco perché curare la candida vuol dire anche curare la cistite. Ma alla base del problema non c’e’ il batterio o il fungo ma l’equilibrio della persona e gli alimenti che l’aiutano a ritrovarlo.