Il mondo delle diete è un mondo che definire vulcanico significa dir poco, dal momento che ne nascono di continue, ogni anno c’è la tanto annunciata “dieta rivoluzionaria”. Detto ciò, aggiungiamo anche che ogni dieta professa delle cose buone e delle cose che lo sono meno. Ultimamente sempre più spesso si sente parlare di una dieta liberamente ispirata alla dieta, al regime alimentare e allo stile di vita dei cacciatori-raccoglitori del Paleolitico.

Tutto bene, molto affascinante anche, ma è effettivamente possibile, adesso, portare avanti una dieta del genere? Come fare nei ristoranti o, più semplicemente, dove procurarsi gli alimenti?

Ad ogni buon modo lasciamo la “moda” della Paleo Diet, e occupiamoci di un tipo di dieta differente, già da un po’ presente in giro per il mondo, possiamo dire in tal senso che ha superato il collaudo del tempo. Sto parlando della famosa dieta definita ipocalorica, che se seguita con costanza vi permetterà di ottenere di nuovo il vostro peso forma.

Vantaggi della dieta

Più in particolare andiamo a vedere i limiti del regime dietetico ipocalorico, la quale però reca con sé l’indubbio vantaggio di essere una dieta facile da seguire, senza troppe rinunce e che consiste essenzialmente nel limitare di circa un terzo il fabbisogno calorico.

In tal senso, infatti, si possono perdere alcune decine di grammi al giorno: se il fabbisogno calorico è di 1800 calorie la dieta ipocalorica bilanciata sarà di circa 1200 cal, perchè (1800 x 2 : 3 = 1200). Con 600 cal assunte in meno, che significano, stante una media di 13 g ogni 100 cal, un dimagrimento di 78 g al giorno. Che significano circa 2,4 Kg al mese. Senza fare troppe rinunce, solo riducendo l’apporto calorico.

Ci sono però delle cose che, sempre a proposito della dieta ipocalorica, vanno dette.

Limiti del regime alimentare ipocalorico

La dieta ipocalorica non fa male, ma non è una soluzione ottimale per chi vuole dimagrire. Perché? Perché il corpo ha la capacità di adattarsi ai cambiamenti, cosa che rende, sul lungo periodo, la dieta ipocalorica non più adatta. Infatti, chi segue una dieta ipocaloria per 4-6 mesi, e poi ritorna a mangiare normalmente per altri 6 mesi, ottiene, come risultato finale, dopo i 12 mesi, un peso maggiore di quello precedente alla dieta.

Per quale motivo? Semplice! Il corpo umano consuma, ogni giorno un certo quantitativo di calorie, dato dalla somma del metabolismo basale (il consumo giornaliero di calorie del corpo a riposo) che va sommato con le calorie spese per le azioni compiute durante la giornata. Ergo, se ingeriamo un quantitativo minore di calorie rispetto a quello consumato, l’organismo va a prendere l’energia dalle scorte di grasso corporeo.

Il ragionamento non fa una grinza, ma sino a un certo punto. L’organismo quando gli forniamo meno calorie di quello che necessita va a cercare il nutrimento da altre parti, ma non sempre prende solo dal grasso, ma anche dai muscoli. Come già detto, il corpo è adattogeno, il che sta a significare che è capace di abituarsi al nuovo quantitativo di calorie, e lo fa abbassando anche il suo metabolismo basale, vale a dire che, per la legge di conservazione, impiega meno calorie per espletare le sue funzioni.

Cosa succede quando si termina il mantenimento della dieta

Tutto ciò porta il corpo ad esporsi a un problema importante: infatti, dopo aver completato la dieta, e aver finito, nel migliore dei casi, la dieta di transizione, quando si torna a mangiare normalmente si tende ad ingrassare molto più di prima.

Al fine di sfruttare al meglio i principi del regfime dietetici ipocalorico, bisognerebbe evitare di abbassare troppo l’ingerimento delle calorie, bensì cercare di alzare il metabolismo basale, aumentando in tal modo anche la massa muscolare (ovviamente le massa magra).

Dieta ipocalorica: conosci questi consigli?

Fare una dieta ipocalorica significa mangiare dei cibi che apportano un giusto equilibrio nutrizionale ed hanno poche calorie. Se bisogna perdere molti chili è preferibile fare una dieta che non scenda sotto le mille calorie giornaliere, altrimenti si rischia di sentirsi stanchi e portare a termine la dieta risulterà ancora più difficile. Una dieta ipocalorica bilanciata non è molto impegnativa ma di lunga durata.

Come suddividere i pasti

In una regime dietetico ipocalorico, per colazione, che è il pasto più importante della giornata, in genere è preferibile mangiare uno yogurt o latte scremato, accompagnato da fette biscottate o pane integrale. E’ preferibile utilizzare un dolcificante al posto dello zucchero, che contiene più calorie rispetto al primo. Il nostro corpo, soprattutto al mattino ha bisogno di energia per affrontare la giornata, perciò è importante fare anche un piccolo spuntino a metà mattina. Uno spuntino ideale può essere un frutto o una bella spremuta di frutta fresca.

Quando si segue un regime dietetico del genere, il pranzo può essere costituito da un piatto di pasta o riso, oppure da un secondo, ad esempio una fetta di petto di pollo con una fetta di pane integrale.
La cena deve essere un pasto leggero, è preferibile quindi mangiare carne o pesce con un contorno di verdure.

Consigli utili

In un regime alimentare ipocalorico bisogna prestare particolare attenzione alla scelta dei condimenti che si usano, bisogna utilizzare un cucchiaio di olio extra vergine di oliva al giorno e condire i cibi con poco sale. Per colorare e insaporire un po’ i cibi è possibile utilizzare le spezie, il limone e la salsa di pomodoro fresco.

Questo genere di dieta è generalmente costituito da un regime alimentare che apporta circa 1200 calorie dieta al giorno. Quando si segue una dieta, di qualsiasi genere essa sia, è importante fare anche una moderata attività fisica, che aiuterà a bruciare un quantità maggiore di calorie e rinforzerà la massa muscolare.

Menù dieta ipocalorica

Di seguito proponiamo un esempio di menù dieta ipocalorica, che se seguito con costanza, vi permetterà di ottenere senza grandi sforzi il vostro peso ideale. Ecco il menu di questo tipo di dieta:

Lunedì
Pranzo: 120 g di carpaccio di carne con la rucola condito con un cucchiaio di olio, con contorno di 200 g di melanzane alla piastra e 30 g di pane.
Cena: 60 g di pasta con pomodoro e basilico, seguita da 200 g di fagiolini conditi con un cucchiaino di olio e 30 g di pane integrale.

Martedì
Pranzo: 50 g di riso integrale condito con 100 g di funghi, accompagnato da 150 g di insalata mista con un cucchiaino d’olio e 30 g di pane.
Cena: 150 g di pesce spada ai ferri, 200 g di verdure alla griglia condite con aglio, prezzemolo e un cucchiaino di olio e 30 g di pane.

Mercoledì
Pranzo: un’insalatona preparata con un uovo sodo, 100 g di patate lessate, lattuga a piacere, un pomodoro fresco e condita con due cucchiaini di olio, accompagnata da 30 g di pane integrale.
Cena: 150 g di petto di pollo alla piastra con 200 g di spinaci lessati e 30 g di pane integrale.

Giovedì
Pranzo: 80 g di prosciutto crudo sgrassato, 200 g di cavolo crudocondito con due cucchiaini di olio e 30 g di pane integrale.
Cena: 150 g di insalata di fagioli condita con due cucchiaini di olio, 150 g di pesce al vapore e 30 g di pane integrale.

Venerdì

Pranzo: 50 g di spaghetti con 100 g di cozze, 150 g di carote alla julienne condite con un cucchiaino di olio e 30 g di pane integrale.
Cena: 200 g di insalata di polpo condita con un cucchiaino di olio, con contorno di 200 g di patate lessate e condite con un cucchiaino di olio.

Sabato
Pranzo: 70 g di bresaola, scagliette di parmigiano e rucola, 150 g di verdure grigliate e 30 g di pane integrale.
Cena: 50 g di riso condito con zucchine o verdure a piacere e un cucchiaino d’olio, 100 g di formaggio magro in fiocchi e 30 g di pane integrale.

La domenica il menù dieta ipocalorica è libero.

Durante metà mattina, è consigliabile per evitare di arrivare all’ora di pranzo troppo affamati, mangiare un frutto o una spremuta.


Potrebbe interessarti

Sostituti del pane: quali scegliere

A chi non piace mangiare accompagnando il tutto con un bel pezzo di pane. Stiamo ovviamente parlando di un alimento che è assolutamente al centro della nostra dieta da "italiani"; tuttavia, è innegabile... in certi casi abusarne fa davvero male; soprattutto durante l'estate, per rimanere più leggeri, si consiglia di consumarne poco o addirittura di sostituirlo con altri alimenti.

Dieta Glicemia: ecco qual è l'alimentazione consigliata

L'innalzamento del tasso di glicemia (livelli poco al di sopra di 90 mg/dl sono già un campanello di allarme) può provocare danni alla salute, anche in casi di assenza di diabete

Dieta liquidi: combattere la ritenzione idrica

Si sa che il nostro corpo è composto dalla maggior parte di liquidi; ed è anche certo che bere molto fa discretamente bene al nostro organismo. Quella che presentiamo oggi è una dieta che prende questi principi e li radicalizza in un percorso pratico, volto a favorire il corretto funzionamento del nostro corpo. 

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Extension ciglia 3D: come avere uno sguardo seducente in poche mosse

la foto mostra quanto sia semplice avere uno sguardo più intenso grazie alle extension per ciglia

Per le donne avere uno sguardo profondo e seducente è importantissimo, tanto che il trucco degli occhi è quello a cui si presta maggiore tempo e attenzione. Le ciglia in particolare giocano un ruolo fondamentale, più sono lunghe, folte e incurvate e più conferiscono all'occhio un'effetto magnetico.

Dieta del pomodoro: i segreti per dimagrire

La dieta del pomodoro è un ottimo rimedio per perdere peso e ottenere di nuovo il proprio peso ideale, il pomodoro ha infatti un basso contenuto calorico (19 kcal ogni 100 g), è ricco di acqua, vitamina C e sali minerali, in particolare potassio (circa 297 mg ogni 100 g), indispensabile per mantenere l’equilibrio idrico all’interno dell’organismo, contrastando la ritenzione.

Integratori alimentari per dimagrire: cosa sono e come si usano

5 GIORNI

Per chi fa sport ma anche per chi lavora duro e per chi studia. Gli integratori alimentari vengono incontro alle esigenze di chi si trova di fronte a degli impegni che necessitano sforzi e concentrazione fuor dal comune, oppure vuole semplicemente dimagrire.

Leggi anche...

La dieta per rinforzare le ossa: prendiamocene cura

In presenza di un clima freddo e umido, è bene seguire un'alimentazione corretta ed equilibrata in modo da tenere lontani i mali di stagione e seguire una vera e propria dieta per rinforzare le ossa, rendere i muscoli più flessibili, prevenire l’osteoporosi e l’indebolimento tipico da influenza stagionale e mantenere il proprio peso ideale.

Leggi anche...

Rimedi naturali per ridurre la cellulite

La cellulite, oltre ad essere un mero problema estetico, è una disfunzione della microcircolazione sanguigna le cui cause possono essere diverse dalla sedentarietà alla ritenzione idrica, da fattori costituzionali, ormonali o vascolari, motivo per cui ne soffrono anche persone molto magre. L’inestetismo a livello epidermico si manifesta con la cellulite quando una cattiva microcircolazione sanguigna stressa il tessuto adiposo sottocutaneo. Esistono diversi tipi di cellulite, a seconda del grado di gravità del disturbo.

Leggi anche...

Quali esercizi fare per ridurre i dolori della lombalgia

Il mal di schiena è uno dei malesseri più ricorrenti nelle popolazioni nord occidentali, ma le tipologie di dolori alla schiena sono molteplici e ognuna ha cause e sintomatologie diverse. La lombalgia, per esempio, è una condizione dolorosa della colonna vertebrale che non è una malattia di per sé, ma sintomo di altre patologie.