Per dimagrire e/o rilassarsi, molte donne scelgono di avvicinarsi a tecniche di respirazione orientali, oppure optano per diete o massaggi orientali. Il metodo Buteyko è una tecnica di respirazione occidentale, che prende il nome dal medico e fisiopatologo russo ideatore della stessa. Molti associano queste tecniche, che prevedono di concentrarsi sulle tre fasi di espirazione, inspirazione e trattenuta del respiro, ad un particolare regime dietetico. Grazie a questa attenzione a queste azioni importanti sul nostro organismo, possiamo ridurre molte allergie e altri problemi legati ad un cattivo bilanciamento di ossigeno e a pessime abitudini alimentari.

Caratteristiche del metodo Buteyko

La regola base da seguire nella tecnica di respirazione Buteyko è la capacità di controllare e regolare il proprio respiro. Il Dr. Buteyko riuscì a capire, durante i suoi studi, che patologie quali: ansia, allergie, asma, raffreddori cronici, pressione altra, bronchiti croniche e malattie respiratorie, venivano provocate da una non corretta respirazione; respirando in un minuto eccessiva aria, si causava infatti un'iperventilazione cronica.

L'iperventilazione cronica è inoltre acuita dai conservanti e dai pesticidi che vengono inseriti all'interno dei cibi, dalle sostanze tossiche contenute nell'aria e dall'inquinamento. Il metodo Buteyko, tenendo in considerazione tutti questi fattori, si basa proprio su tecniche di respirazione mirate, che puntano a diminuire la quantità d'aria immagazzinata nei polmoni in un minuto.

L'importanza di ossigenare nel modo corretto l'organismo

Ad ogni modo, un giusto metodo di respirazione può aiutare a curare diverse patologie fisiche e mentali, ma può svolgere un ruolo importante anche per perdere peso e per evitare l'invecchiamento precoce. Quando si applica una giusta tecnica di respirazione è possibile, infatti, ossigenare meglio l'organismo e i suoi tessuti vitali e agevolare un buon andamento della circolazione; il Buteyko fonda i suoi principi proprio su una corretta respirazione.

Un esercizio previsto da questo metodo è questo: bisogna sedersi su una sedia o uno sgabello, tenendo la schiena dritta. Successivamente si inizia lentamente a svuotare i polmoni, bloccando i diaframma ed espirando. Dopo una pausa di 5/8 secondi, si ripete questa operazione, consentendo così un leggero aumento di anidride carbonica nel sangue e la liberazione dell'Ossigeno dall'emoglobina.

Esercizi di respirazione per il Metodo Buteyko

Fra i vari esercizi che possono essere applicati a questo metodo di respirazione, proviamo a proporne altri grazie ai quali è possibile anche mettere in regola la pressione sanguigna. Uno che si può provare è la cosiddetta respirazione quadrata. Vediamo insieme le varie fasi respiratorie.

Innanzitutto, questo semplice esercizio respiratorio prevede una prima fase in cui è necessario respirare in maniera lenta e costante per un periodo che va dai 3 ai 5 secondi. Dopodichè bisogna trattenere il respiro per un numero di secondi pari a quelli scelti prima, e successivamente andare ad espirare per una lunghezza di tempo di altrettanti secondi.
In tutte queste fasi, bisognerà concentrarsi su una respirazione che sfrutti prevalentemente il diaframma. Si possono variare anche i secondi delle fasi inspirazione ed espirazione, ma l'importante è ricordarsi sempre la fase in cui si va a trattenere il respiro.

Consigli per la corretta alimentazione

Tra le cause indicate nella teoria del Dott. Buteyko riconducibili all’aumento di peso corporeo, c’è proprio la respirazione intensa ed eccessiva di cui a volte non ci rendiamo conto. Un occhio particolare all’alimentazione può aiutare non solo a perdere i kili in eccesso, ma soprattutto a riequilibrare il respiro e di conseguenza il generale benessere. Tra i cibi colpevoli dell’aumento del respiro ci sono principalmente: i prodotti raffinati e confezionati, la carne rossa e in genere tutto ciò che appartiene alla categoria delle proteine animali e le bevande alcoliche. Si consiglia quindi, come nella maggior parte dei piani alimentari corretti, di assumere la giusta quantità giornaliera di frutta e verdura (limitando le cotture), di fibre che possono agevolare la digestione e di mantenere l’organismo sempre idratato bevendo almeno due litri di acqua al giorno.

Come imparare e applicare il metodo

 Metodo Buteyko

Nel corso degli anni e in diversi Paesi il metodo Buteyko ha ricevuto, a seguito di varie sperimentazioni, dei riconoscimenti ufficiali sulla sua efficacia, pur non essendo un trattamento medico a tutti gli effetti.

Imparare ad utilizzarlo nella vita di tutti i giorni, giovando dei numerosi benefici sia fisici che psicologici riscontrabili già dopo poco tempo, è piuttosto semplice e anche i bambini (dai 3 anni in su) possono farlo.

L’importante è cominciare a fare gli esercizi di base quando si è in una situazione di tranquillità e concentrazione, essendo necessario il passaggio da un’iperventilazione (spesso non percepita) ad una respirazione regolare. Tra le regole principali c’è quella di imparare a respirare con il naso durante tutta giornata, anche quando parliamo con gli altri, e mai dalla bocca. La corretta respirazione nasale permette di fare delle naturali pause e di incamerare meno aria rispetto a quando utilizziamo la bocca che rende i nostri respiri più rumorosi e troppo vicini tra loro (iperventilazione), senza dimenticare che in questo modo l’aria non è filtrata come invece succede grazie alle narici. Anche per il riposo notturno vale la stessa regola, inoltre è consigliato il coricamento su di un fianco e l’utilizzo di un cuscino abbastanza alto per mantenere una posizione corretta.

I corsi dedicati all’apprendimento del metodo Buteyko

Oltre agli esercizi di base che è possibile fare in autonomia, esistono anche numerosi corsi ufficiali tenuti da “istruttori” del metodo Buteyko. Durante le lezioni, che si svolgono periodicamente in varie regioni, vengono illustrati i fondamenti e le regole di base per imparare fin da subito a riconoscere e correggere il proprio respiro, nonché una serie di esercizi pratici per applicare quanto appreso.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

I più condivisi

Cervicale e pressione alta: scopriamo perché sono collegate

cervicale e pressione alta

Per comprendere come cervicale e pressione alta possano essere collegate occorre sapere che la vertebra atlante, la prima della colonna vertebrale, non è fissata come le altre ossa nella colonna, ma si trova sui tessuti molli ed è quindi vulnerabile o comunque soggetta a disallineamento.

Peso ideale: alimentazione bilanciata e attività fisica

Con l'arrivo della bella stagione, si cerca di migliorare il proprio aspetto fisico ed il proprio stile di vita. Basilare pertanto è adottare una più sana alimentazione, consigliata soprattutto per coloro che hanno preso qualche chilo di troppo.

Sono numerose le persone che si mettono a dieta prima dell'estate, anche in vista della tradizionale prova costume. In realtà non bisogna osservare diete eccessivamente rigide, ma è possibile dimagrire e rimettersi in forma soltanto seguendo una serie di semplici consigli.

Dieta Glicemia: ecco qual è l'alimentazione consigliata

L'innalzamento del tasso di glicemia (livelli poco al di sopra di 90 mg/dl sono già un campanello di allarme) può provocare danni alla salute, anche in casi di assenza di diabete

Potrebbe interessarti

Peso ideale: alimentazione bilanciata e attività fisica

Con l'arrivo della bella stagione, si cerca di migliorare il proprio aspetto fisico ed il proprio stile di vita. Basilare pertanto è adottare una più sana alimentazione, consigliata soprattutto per coloro che hanno preso qualche chilo di troppo.

Sono numerose le persone che si mettono a dieta prima dell'estate, anche in vista della tradizionale prova costume. In realtà non bisogna osservare diete eccessivamente rigide, ma è possibile dimagrire e rimettersi in forma soltanto seguendo una serie di semplici consigli.

La farina, protagonista dell’impasto: scopriamo le migliori farine per preparare ottimi dolci

L’ingrediente base per preparare un ottimo dolce è sicuramente la farina, che vanta un ruolo di primo piano nella predisposizione dell’impasto. Si fa presto a dire farina, perché alcune di loro vantano caratteristiche straordinarie, e risultati davvero sorprendenti, come quelli che ci regalano le Farine Magiche Lo Conte, autentiche fuoriclasse di categoria.

Centro dimagrimento a Milano: ecco come dimagrire e rassodare

Centro dimagrimento a Milano

Sono diverse le persone che desiderano perdere i chili di troppo e riacquistare così il proprio peso ideale, ma non sempre le diete riescono a far raggiungere questo obiettivo. Molte donne devono combattere anche contro il grasso localizzato e la cellulite e spesso le creme apposite non riescono ad eliminare del tutto questi problemi estetici.

Leggi anche...

Funghi: dieta di cui vi sveliamo il segreto

Esistono delle specie di funghi che prevengono e aiutano a combattere il cancro, aumentano il lavoro del sistema immunitario, aiutano a diminuire il colesterolo cattivo e sono molto utili anche per mantenere sotto controllo la pressione arteriosa. Questo alimento inoltre contiene una buona dose di vitamina B e di fibre, che sono ottime alleate per combattere l’intestino pigro e aiutare il corpo ad eliminare le tossine, gli zuccheri e i grassi. All’interno di questo gustoso alimento ci sono anche i betacaroteni, il fosforo, il calcio, il ferro, il rame, lo zolfo e l’acido folico.

Leggi anche...

Rimedi contro la cellulite: sconfiggere la ritenzione idrica

Il lungo inverno ci sta finalmente salutando e la primavera con l’estate sono alle porte. E’ proprio in questo periodo che la maggior parte delle persone si accorge di aver perso il proprio peso forma, a causa anche delle lunghe e fredde giornate trascorse in casa a sgranocchiare snack vari e di dover correre ai rimedi contro la cellulite.

Leggi anche...

Quali esercizi fare per ridurre i dolori della lombalgia

Il mal di schiena è uno dei malesseri più ricorrenti nelle popolazioni nord occidentali, ma le tipologie di dolori alla schiena sono molteplici e ognuna ha cause e sintomatologie diverse. La lombalgia, per esempio, è una condizione dolorosa della colonna vertebrale che non è una malattia di per sé, ma sintomo di altre patologie.