Per dimagrire e/o rilassarsi, molte donne scelgono di avvicinarsi a tecniche di respirazione orientali, oppure optano per diete o massaggi orientali. Il metodo Buteyko è una tecnica di respirazione occidentale, che prende il nome dal medico e fisiopatologo russo ideatore della stessa. Molti associano queste tecniche, che prevedono di concentrarsi sulle tre fasi di espirazione, inspirazione e trattenuta del respiro, ad un particolare regime dietetico. Grazie a questa attenzione a queste azioni importanti sul nostro organismo, possiamo ridurre molte allergie e altri problemi legati ad un cattivo bilanciamento di ossigeno e a pessime abitudini alimentari.

Caratteristiche del metodo Buteyko

La regola base da seguire nella tecnica di respirazione Buteyko è la capacità di controllare e regolare il proprio respiro. Il Dr. Buteyko riuscì a capire, durante i suoi studi, che patologie quali: ansia, allergie, asma, raffreddori cronici, pressione altra, bronchiti croniche e malattie respiratorie, venivano provocate da una non corretta respirazione; respirando in un minuto eccessiva aria, si causava infatti un'iperventilazione cronica.

L'iperventilazione cronica è inoltre acuita dai conservanti e dai pesticidi che vengono inseriti all'interno dei cibi, dalle sostanze tossiche contenute nell'aria e dall'inquinamento. Il metodo Buteyko, tenendo in considerazione tutti questi fattori, si basa proprio su tecniche di respirazione mirate, che puntano a diminuire la quantità d'aria immagazzinata nei polmoni in un minuto.

L'importanza di ossigenare nel modo corretto l'organismo

Ad ogni modo, un giusto metodo di respirazione può aiutare a curare diverse patologie fisiche e mentali, ma può svolgere un ruolo importante anche per perdere peso e per evitare l'invecchiamento precoce. Quando si applica una giusta tecnica di respirazione è possibile, infatti, ossigenare meglio l'organismo e i suoi tessuti vitali e agevolare un buon andamento della circolazione; il Buteyko fonda i suoi principi proprio su una corretta respirazione.

Un esercizio previsto da questo metodo è questo: bisogna sedersi su una sedia o uno sgabello, tenendo la schiena dritta. Successivamente si inizia lentamente a svuotare i polmoni, bloccando i diaframma ed espirando. Dopo una pausa di 5/8 secondi, si ripete questa operazione, consentendo così un leggero aumento di anidride carbonica nel sangue e la liberazione dell'Ossigeno dall'emoglobina.

Esercizi di respirazione Buteyko

Fra i vari esercizi che possono essere applicati a questo metodo di respirazione, proviamo a proporne altri grazie ai quali è possibile anche mettere in regola la pressione sanguigna. Uno che si può provare è la cosiddetta respirazione quadrata. Vediamo insieme le varie fasi respiratorie.

Innanzitutto, questo semplice esercizio respiratorio prevede una prima fase in cui è necessario respirare in maniera lenta e costante per un periodo che va dai 3 ai 5 secondi. Dopodichè bisogna trattenere il respiro per un numero di secondi pari a quelli scelti prima, e successivamente andare ad espirare per una lunghezza di tempo di altrettanti secondi.
In tutte queste fasi, bisognerà concentrarsi su una respirazione che sfrutti prevalentemente il diaframma. Si possono variare anche i secondi delle fasi inspirazione ed espirazione, ma l'importante è ricordarsi sempre la fase in cui si va a trattenere il respiro.

Consigli per la corretta alimentazione

Tra le cause indicate nella teoria del Dott. Buteyko riconducibili all’aumento di peso corporeo, c’è proprio la respirazione intensa ed eccessiva di cui a volte non ci rendiamo conto. Un occhio particolare all’alimentazione può aiutare non solo a perdere i kili in eccesso, ma soprattutto a riequilibrare il respiro e di conseguenza il generale benessere. Tra i cibi colpevoli dell’aumento del respiro ci sono principalmente: i prodotti raffinati e confezionati, la carne rossa e in genere tutto ciò che appartiene alla categoria delle proteine animali e le bevande alcoliche. Si consiglia quindi, come nella maggior parte dei piani alimentari corretti, di assumere la giusta quantità giornaliera di frutta e verdura (limitando le cotture), di fibre che possono agevolare la digestione e di mantenere l’organismo sempre idratato bevendo almeno due litri di acqua al giorno.

Come imparare e applicare il metodo

Nel corso degli anni e in diversi Paesi il metodo Buteyko ha ricevuto, a seguito di varie sperimentazioni, dei riconoscimenti ufficiali sulla sua efficacia, pur non essendo un trattamento medico a tutti gli effetti.

Imparare ad utilizzarlo nella vita di tutti i giorni, giovando dei numerosi benefici sia fisici che psicologici riscontrabili già dopo poco tempo, è piuttosto semplice e anche i bambini (dai 3 anni in su) possono farlo.

L’importante è cominciare a fare gli esercizi di base quando si è in una situazione di tranquillità e concentrazione, essendo necessario il passaggio da un’iperventilazione (spesso non percepita) ad una respirazione regolare. Tra le regole principali c’è quella di imparare a respirare con il naso durante tutta giornata, anche quando parliamo con gli altri, e mai dalla bocca. La corretta respirazione nasale permette di fare delle naturali pause e di incamerare meno aria rispetto a quando utilizziamo la bocca che rende i nostri respiri più rumorosi e troppo vicini tra loro (iperventilazione), senza dimenticare che in questo modo l’aria non è filtrata come invece succede grazie alle narici. Anche per il riposo notturno vale la stessa regola, inoltre è consigliato il coricamento su di un fianco e l’utilizzo di un cuscino abbastanza alto per mantenere una posizione corretta.

I corsi dedicati all’apprendimento del metodo Buteyko

Oltre agli esercizi di base che è possibile fare in autonomia, esistono anche numerosi corsi ufficiali tenuti da “istruttori” del metodo Buteyko. Durante le lezioni, che si svolgono periodicamente in varie regioni, vengono illustrati i fondamenti e le regole di base per imparare fin da subito a riconoscere e correggere il proprio respiro, nonché una serie di esercizi pratici per applicare quanto appreso.


Potrebbe interessarti

Afte in bocca: curarle con l'alimentazione

Le afte in bocca sono tra i disturbi più frequenti e fastidiosi per il nostro organismo, possono presentarsi a qualsiasi età e possono interessare circa il 50% della popolazione. Fortunatamente esistono molti rimedi per curare il problema, che si basano sul consumo di alcuni alimenti ricchi di vitamine e sali minerali.

I migliori rimedi antietà da mettere in pratica per una pelle giovane…a dispetto degli anni!

Sappiamo bene quanto sia sconfortante quella sensazione di guardarsi allo specchio e veder spuntare sempre più lineette, segni e rughe laddove non ce n’erano giusto un giorno o una settimana prima. Così, col passare del tempo, si vede la pelle invecchiare senza sosta. Scopriamo allora quali sono i rimedi per riportare indietro le lancette e far tornare il viso a splendere, per donargli un aspetto più elastico e giovane a dispetto del numero di candeline che si sono già spente!

Dieta della minestra: sveliamone le caratteristiche

La dieta a base di minestra è ideale da seguire soprattutto l'inverno. Le minestre e le zuppe sono una delle pietanze più consumate durante il periodo invernale. Oltre a essere piatti caldi e facili da preparare, le minestre e le zuppe concedono al nostro organismo importanti benefici, sia dal punto di vista nutrizionale che dietetico, offrendo un buon apporto di liquidi e contribuendo a raggiungere più velocemente il livello di sazietà.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Omeopatia per dimagrire: scopri come perder peso secondo natura

omeopatia per dimagrire

L'omeopatia per dimagrire nasce dal fatto che negli ultimi anni il tasso di persone che soffrono di obesità e che sono in sovrappeso è aumentato notevolmente rispetto al passato. 

Menù dieta mediterranea: scopri il perfetto regime alimentare

menù dieta mediterranea

Il menù dieta mediterranea è un importante regime alimentare conosciuto in tutto il mondo e consigliato da svariati nutrizionisti.

Torboterapia per il corpo: come curare artrosi ed inestetismi in modo naturale

Torboterapia per il corpo

La torboterapia per il corpo è un metodo usato fin dall’antichità per contrastare diversi tipi di patologie. Grazie a degli specifici principi attivi estratti da alcuni vegetali, è stato possibile trovare un trattamento di prevenzione di diversi disturbi reumatologici e del dolore.

Leggi anche...

Dieta del pollo: sveliamone i segreti

La dieta del pollo è un ottimo e facile rimedio per perdere i chili di troppo e tornare al proprio peso forma. Il pollo è un alimento ottimo da consumare in estate, quando il nostro organismo richiede alimenti più leggeri e digeribili.

Leggi anche...

Centro dimagrimento a Milano: ecco come dimagrire e rassodare

Centro dimagrimento a Milano

Sono diverse le persone che desiderano perdere i chili di troppo e riacquistare così il proprio peso ideale, ma non sempre le diete riescono a far raggiungere questo obiettivo. Molte donne devono combattere anche contro il grasso localizzato e la cellulite e spesso le creme apposite non riescono ad eliminare del tutto questi problemi estetici.

Leggi anche...

Quali esercizi fare per ridurre i dolori della lombalgia

Il mal di schiena è uno dei malesseri più ricorrenti nelle popolazioni nord occidentali, ma le tipologie di dolori alla schiena sono molteplici e ognuna ha cause e sintomatologie diverse. La lombalgia, per esempio, è una condizione dolorosa della colonna vertebrale che non è una malattia di per sé, ma sintomo di altre patologie.