Il massaggio sportivo, di solito, viene utilizzato prima, durante o dopo degli avvenimenti sportivi. Obiettivo di questo massaggio è quello di indurre l’atleta alle massime prestazioni, alleviando tensioni e gonfiori muscolari, prevenendo infortuni e stanchezza e favorendo la flessibilità muscolare.

Tecniche e scopi

A seconda dello sport che si pratica, l’atlelta utilizza un gruppo di muscoli preciso. Il massaggio sportivo si utilizza per affrontare i diversi problemi muscolari in base allo sport in cui l’atleta di applica, con l’obiettivo di far raggiungere ai muscoli sani le massime prestazioni e a guarire i muscoli tesi. In questo modo il pericolo di avere lesioni si riduce drasticamente. Esistono svariati tipi di massaggio sportivo, il più comune è un misto tra il massaggio tradizionale e quello Shiatsu, ideato per la manipolazione muscolare di atleti professionisti.

Questo tipo di massaggio viene svolto principalmente in pre-gara e post-gara.

  • Il massaggio sportivo pre-gara ha il compito di prevenire i traumi decontrando la muscolatura, migliorare l’articolazione e ridurre lo stress dell’atleta. In questa fase, infatti, l’atleta risulta con una esaltazione nervosa dovuta dalla tensione della gara e con una muscolatura contratta causata dallo stato adrenalitico.
  • Il massaggio post-gara invece, serve per ridurre la sensazione di pesantezza e stanchezza fisica dell’atleta. Il trattamento deve aiutare il drenaggio e la decongestione dei muscoli; deve essere svolto con movimenti lenti e delicati.

Lo scopo del massaggio sportivo è quello di aiutare ad abbattere lesioni a causa di sforzi eccessivi in gara o in fase di allenamento. Aiuta anche a prevenire diversi tipi di infortuni che di solito ostacolano l’allenamento dell’alteta, contribuendo ad alleviare tensioni e stress muscolari che si accumulano durante le varie attività fisiche.

Benefici del massaggio sportivo

Oltre a lavorare sui muscoli, i benefici del massaggio si ritrovano anche nell’apparato circolatorio. Questo infatti aiuta a ridurre la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna, aumentandone la circolazione, in tal modo si ottiene un alleviamento del dolore e un immediata sensazione di benessere.

Come si diventa massaggiatore sportivo

Per diventare massaggiatori sportivi occorre seguire un corso professionale riconosciuto, infatti, i corsi di massaggio sportivo devono poter essere convertiti nel Diploma Nazionale CSEN per poter lavorare legalmente nei centri sportivi nazionali, nelle palestre, nei centri benessere, hotel, villaggi turistici, club sportivi o aprire un prorpio centro di massaggi.

I corsi insegnano a trattare gli atleti amatoriali o professionisti per aiutare e velocizzare i tempi di recupero in caso di infortuni. Le materie di studio sono, principalmente, anatomia e tecniche e manovre di massaggio in base anche alle diverse discipline sportive, e inoltre, postura, manovre complementari, analisi delle funzioni e delle tecniche di stretching, le varie tipologie di massaggio pre-infra, post-gara, defatigante e decongestionante.

Il massaggiatore sportivo professionista è una figura di riferimento importante per l’atleta, sia in fase di preparazione e allenamento che in fase di gara. Fin dall’antichità era nota e riconosciuta l’importanza del massaggio muscolare per agevolare il recupero dopo un intenso sforzo fisico. Nella cultura cinese e indiana, il massaggio sportivo, oltra ad una finalità pratica, ha anche un’importante valenza filosofica e psicologica per indurre l’atleta nelle migliori condizioni di benessere psico-fisico per approntare la gara.

Il massaggiatore professionista è spesso richiesto come membro dello staff medico o di preparazione atletica all’interno delle squadre sportive e oltre a intervenire per risanare un affaticamento muscolare, drenare i liquidi o rilassare l’atleta, viene impiegato nella regolare preparazione agonistica per migliorare le prestazioni sportive. Nasce, così,l’esigenza di un bravo massaggiatore sportivo in grado di utilizzare tutte le tecniche dallo sfioramento al frizionamento, dalla vibrazione allo stretching all’impastamento che sono tutte manovre utili a migliorare e preparare  muscoli in vista di una gara.

In fase di allenamento, il massaggiatore sportivo viene chiamato per preparare i muscoli a sforzi intensivi tramite massaggi periodici e costanti nel tempo. Al termine di uno sforzo fisico, invece, il massaggio serve a sciogliere la tensione acculata e liberare le tossine grazie agli effetti decontratturanti e rilassanti del massaggio sportivo. Vi sono, inoltre, azioni antiinfiammatorie e analgesiche del massaggio che stimolano la rigenerazione dei tessuti.

Diventare, quindi, massaggiatore sportivo significa aprirsi a un’opportunità di lavoro in forte richiesta, ma prima occorre prepararsi adeguatamente e coscienziosamente, perché si ha letteralmente tra le mani il futuro e la carriera di un atleta.



Potrebbe interessarti

Dieta diabetici: mantenere sotto controllo la glicemia

Il primo passo da fare per mantenere sotto controllo il diabete è eliminare le abitudini alimentari sbagliate, magari seguendo una dieta per diabetici. E’ consigliabile ridurre il più possibile i cibi dolci e salati. I cereali e le fibre sono degli ottimi alleati. E’ utile sapere che le melanzane aiutano a ridurre il bisogno di mangiare cibi dolci e ricchi di carboidrati.

Leggi tutto...

Centro dimagrimento Milano: dimagrire e rassodare

Sono diverse le persone che desiderano perdere i chili di troppo e riacquistare così il proprio peso ideale, ma non sempre le diete riescono a far raggiungere questo obiettivo. Molte donne devono combattere anche contro il grasso localizzato e la cellulite e spesso le creme apposite non riescono ad eliminare del tutto questi problemi estetici.

Leggi tutto...

Omeopatia per dimagrire: perder peso secondo natura

Negli ultimi anni il tasso di persone che soffrono di obesità e che sono in sovrappeso è aumentato notevolmente rispetto al passato. Questo è dovuto in gran parte alle cattive abitudini alimentari e allo stile di vita stressante e sedentario, che la maggior parte delle persone conduce.

Leggi tutto...

Disturbi alimentari: quali sono le cause principali

Purtroppo sono sempre più numerose le persone che soffrono di disturbi alimentari, soprattutto i giovani, che non si sentono a proprio agio con il proprio corpo. Le persone che soffrono di disturbi alimentari generalmente hanno dei problemi emotivi e sentono il bisogno di tenere costantemente sotto controllo il proprio peso forma.

Leggi tutto...

Fanghi anti-cellulite: tipologie e consigli per applicarli

Il nemico numero uno delle bellezza delle donne è sicuramente la cellulite, un antipatico inestetismo delle pellle che provoca l'antiestetico effetto a buccia d'arancia. Fortunatamente è possibile combattere questo problema grazie all'uso dei fanghi anticellulite, di specifici trattamenti come il linfodrenaggio, creme apposite ecc.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Maschera Osmotica: eliminare le tossine cutanee

Molto spesso il nostro viso può risultare spento e teso; questo è dovuto principalmente allo smog che la nostra pelle assorbe, agli agenti atmosferici e alle cellule morte che si trovano sull’epidermide. Tutto ciò rende il nostro aspetto poco attraente. Niente paura però! Infatti esiste un trattamento, detto maschera osmotica, che consente di donare nuovamente alla pella quella luminosità e quello splendore che con il tempo si è perso.

Leggi tutto...

Dieta 5 giorni: per riequilibrare le funzionalità dell' intestino

L'intestino viene considerato il nostro "secondo cervello" e ha un ruolo nell'organismo di notevole importanza. Cervello e intestino infatti si allenano per svolgere delle importanti funzioni che hanno ripercussioni sull'intero organismo: per questo è importante garantire il benessere intestinale e mentale.

Leggi tutto...

Cottura wok: tanti segreti, tanta salute

Che siano o meno appassionati di cucina orientale, ormai questo strumento si è imposto nelle cucine di tutti: parliamo della wok, una padella, sì, ma anche un metodo di cottura efficace che vi permetterà di raggiungere temperature molto alte in pochissimo tempo, aiutandovi nella preparazione di moltissime ricette, adatta ai più disparati metodi (potrete friggere, saltare, cuocere a vapore, sfumare o brasare e questo strumento sarà sempre perfetto!) e comoda, soprattutto nella sua versione antiaderente. Un vero jolly in cucina, da possedere senza ombra di dubbio, per svoltare tutte le ricette.

Leggi tutto...

Esempio di dieta per aumentare la massa muscolare

Una dieta che riguardi la massa muscolare rappresenta un regime alimentare nel quale sono assunti in prevalenza cibi che aiutano appunto lo sviluppo e la crescita della massa del nostro corpo. La dieta per la massa è dunque composta da un’alimentazione ricca di proteine e carboidrati: le proteine servono a far crescere i muscoli mentre i carboidrati forniscono energia al corpo.

Leggi tutto...

La dieta last minute: perdere velocemente peso

La dieta last minute (o dieta dell'ultimo minuto) è una dieta ipocalorica che consente di perdere al massimo 2-3 chili ed è consigliabile seguirla al massimo per cinque giorni. Durante questo periodo bisogna evitare l’allenamento troppo duro, preferendo esercizi di stretching o pilates per rilassare e allungare la muscolatura.

Leggi tutto...

Leggi anche...

La dieta last minute: perdere velocemente peso

La dieta last minute (o dieta dell'ultimo minuto) è una dieta ipocalorica che consente di perdere al massimo 2-3 chili ed è consigliabile seguirla al massimo per cinque giorni. Durante questo periodo bisogna evitare l’allenamento troppo duro, preferendo esercizi di stretching o pilates per rilassare e allungare la muscolatura.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Quali esercizi fare per ridurre i dolori della lombalgia

Il mal di schiena è uno dei malesseri più ricorrenti nelle popolazioni nord occidentali, ma le tipologie di dolori alla schiena sono molteplici e ognuna ha cause e sintomatologie diverse. La lombalgia, per esempio, è una condizione dolorosa della colonna vertebrale che non è una malattia di per sé, ma sintomo di altre patologie.

Leggi tutto...
Go to Top