Al giorno d'oggi, la maggior parte delle persone vive una vita frenetica e spesso stressante sotto diversi punti di vista, da quello lavorativo a quello familiare. E per riuscire a reggere tale stress che si accumula nel corso del tempo, alcuni svolgono attività sportive oppure cercano di ritagliarsi momenti di relax, magari sottoponendosi a trattamenti o massaggi in Spa o centri specializzati. Negli ultimi anni particolare successo hanno ottenuto, ad esempio, i massaggi cosiddetti Ayurveda. Cerchiamo di capire di cosa si tratti in particolare.

Ayurveda è un termine di origine indiana che sta a significare “scienza della vita”, Ayus “vita”, Veda “conoscenza”. In generale L’Ayurveda è un sistema di medicina nato in India più di 5000 anni fa, con lo scopo di controllare la nostra via senza l’ostacolo della vecchiaia o della malattia.

L’Ayurveda è un massaggio che appartiene alla tradizione indiana e nelle case di Vaidya, ovvero i medici della tradizione di questo tipo di massaggio, hanno l’abitudine di tramandare antiche abitudini alimentari e ricette a base di erbe per curare i malanni che la vita ci procura.
Per noi occidentali, ovviamente, si tratta di una nuova filosofia che ci siamo limitati a riesumare e riscoprire ma in realtà data la sua antichità, risulta vasta e difficile da scoprire specie se ci si limita a considerarla un modo come un altro per sentirsi meglio fisicamente in quel frangente di tempo e non come ciò che è: filosofia e scienza insieme.

E proprio il massaggio Ayurveda rappresenta uno degli strumenti a disposizione dell'omonima medicina alternativa per ripristinare il giusto equilibrio, come scopriremo poi, tra corpo e mente e all'interno di essi, col fine ultimo di ottenere il benessere psicofisico di una persona. Tuttavia, comunque, è bene ricordare che tali pratiche non sono universalmente accettate dalla medicina tradizionale e che, secondo alcuni studiosi, potrebbero risultare inefficaci. Comunque, andiamo a scoprire di più su tutto questo.

Cos’è l’Ayurveda?

L’antica filosofia indiana dell’Ayurveda ha un principio fondamentale: “la mente influenza il corpo”. Infatti il massaggio Ayurveda, oltre a rinforzare, rinvigorire i muscoli e drenare la linfa, viene praticato anche per ritrovare e rigenerare un integrità ed una spiritualità sia fisica che energetica.

Per comprendere al meglio l’importanza di quanto affermato e di quanto affermeremo vi basti pensare che, secondo la tradizione, i santoni indiani che si privarono di ogni bene e che raggiunsero l’illuminazione dissero che l’Ayurveda venne insegnata all’uomo direttamente dagli dei e che se la si abbraccia allora ci si ammalerà molto meno e si sarà, inevitabilmente, più energici permettendoci di essere più sani e più consapevoli del nostro corpo e della nostra mente.

Secondo la fisolofia dell’Ayurveda, ogni persona possiede tre distinti caratteri energetici, chiamati Dosha che si dividono in Vata, Kapha e Pitta, in cui si sviluppano all’interno tutti gli squilibri possibili. A seconda dello squilibrio del Dosha viene applicato un determinato tipo di massaggio Ayurveda, spesso associato con olii particolari e specifici, con l’obiettivo di far ritrovare all’individuo un equilibrio nell’organismo, una bellezza estetica ed un armonia spirituale.

Questo tipo di trattamento viene consigliato per nutrire i tessuti del corpo, chiamati secondo la filosofia indiana Dhatu, per eliminare la fatica emotiva e fisica; ha dei benefici sui vari apparati del nostro organismo, tra cui, apparato digerente, linfatico, circolatorio, nervoso ed energetico. Facilità il sonno e i sogni, rinforza il corpo e migliora la vista.

In particolare, questo genere di massaggio permette, secondo i loro fautori e seguaci di tale filosofia, di combattere alcuni fastidiosi disturbi, tra cui dolori cervicali e articolari; mal di testa; tensioni emotive, ansie e stress; insonnia; tensioni di natura muscolare e gonfiori agli arti inferiori e disturbi generali relativi al sistema circolatorio e linfatico. Naturalmente, il tutto deve essere praticato da massaggiatori specializzati in questo particolare ambito e, possibilmente, di comprovata esperienza, al fine di ottenere i massimi benefici dal trattamento.

Tecniche del trattamento indiano

Il massaggio Ayurveda dura tra i 30 e i 45 minuti. Il trattamento e la durata variano da persona a persona, secondo la condizione fisica e i benefici che l’individuo sottoposto al trattamento vuole ottenere. Il massaggio si effettua con le tre tecniche principali: impastamenti, frizionamenti e palpazioni dei tessuti molli del corpo, esercitando diverse pressioni in base alla parte del corpo interessata. Il massaggio sarà veramente efficace se la persona sottoposta si rilassa completamente in modo tale da eliminare i blocchi fisici dovuti da tensioni accumulate.

Il massaggiatore può utilizzare sia semplicemente le mani oppure può abbinarvi anche gomiti e braccia o, addirittura, soltanto i piedi, tuttavia con soggetti corpulenti oppure atleti. In altri casi, invece, è possibile anche un trattamento a quattro mani, cioè con la presenza contemporanea di due massaggiatori, che lavorino in sincronia. Il paziente viene fatto distendere su un tavolo in legno (anche scavato nel caso) oppure sdraiato a terra, così come alcune antiche tradizioni indicano. Lo stesso viene fatto sedere, invece, per i massaggi alla testa o al collo.

Il massaggio Ayurveda viene eseguito in due modi differenti:

  • il massaggio freddo aiuta nello scioglimento dei grassi e viene eseguita una pressione che parte dal cuore verso la zona esterna del corpo
  • il massaggio caldo, è quello più utilizzato, aiuta a stimolare la circolazione venosa, purificando il sangue che arriva al cuore e migliorando la circolazione. Al contrario del massaggio freddo, questo avviene partendo dai piedi fino ad arrivare alla testa.

L’Abhyangam

Come è semplice immaginare, l’Ayurveda non è l’unico protagonista della tradizione indiana ma vi è un suo “derivato”, se così possiamo definirlo, che prende il nome di Abhyangam che ha un principale obiettivo: il benessere.
Esso infatti si occupa di prevenire i malanni, rafforzare il sistema immunitario e rilassare, risultando come un vero e proprio antidoto presente nel sistema dottrinale medico, nonostante vada sempre accompagnato ad altre cure esso viene consigliato per la cura del 90% delle patologie.
Se praticato con regolarità e costanza, completo di olii, esso nutre la pelle e i tessuti donando una pace fisiologica e un benessere che crea energia, soprattutto perché in grado di procurare piacere ed un sonno di qualità.
Tradizionalmente è consigliato compiere il massaggio la mattina, prima del bagno o della doccia facilitando la liberazione di tossine che spesso si accumulano durante la notte.
Anche se può apparire strano a rendere un massaggio davvero efficace è non solo l’atto in sé, ma tutto ciò che lo precede ovvero la scelta dell’olio e l’accuratezza con cui si prepara la stanza che deve essere in grado di creare la giusta atmosfera affinché il cliente possa rilassarsi e prendersi cura di sé liberandosi da pensieri e pesantezza quotidiana.
Una volta terminato il massaggio vi basterà attendere che l’olio scelto faccia il suo corso attendendo quindi 10-15 minuti (anche di più) e poi scegliere di fare un bagno caldo o concedersi una sauna laddove possibile per rendere massimo il risultato.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Smagliature uomo: quali sono rimedi e soluzioni migliori?

Smagliature uomo

Smagliature uomo? La bellezza fisica delle donne ha diversi nemici contro di cui combattere e tra i più antipatici ci sono  la cellulite e le smagliature

Massaggio Ayurveda: l'antico trattamento indiano

Ayurveda è un termine di origine indiana che sta a significare “scienza della vita”, Ayus “vita”, Veda “conoscenza”. In generale L’Ayurveda è un sistema di medicina nato in India più di 5000 anni fa, con lo scopo di controllare la nostra via senza l’ostacolo della vecchiaia o della malattia.

Massaggio mani e piedi: come prendersi cura dei propri arti

Le mani sono la parte del nostro corpo che ci consentono di entrare in contatto con tutto ciò che ci circonda, i piedi invece, sono il nostro sostegno quotidiano e rappresentano il nostro mezzo di trasporto, ed è per questo che è importante dargli le adeguate attenzioni tramite un massaggio rilassante mani e piedi.

I più condivisi

L'endermologia nel trattamento contro la cellulite

L'Endermologia (nota anche come LPG Endermologie) è una tecnica non invasiva, molto efficace come terapia contro la cellulite, che evidenzia a livello del tessuto cutaneo un miglioramento del flusso linfatico e vascolare oltre che del metabolismo delle cellule adipose e dei fibroblasti.

La dieta last minute: perdere velocemente peso

alimenti a base di semi di soia perche evitarli 1200x704 min

La dieta last minute (o dieta dell'ultimo minuto) è una dieta ipocalorica che consente di perdere al massimo 2-3 chili ed è consigliabile seguirla al massimo per cinque giorni. Durante questo periodo bisogna evitare l’allenamento troppo duro, preferendo esercizi di stretching o pilates per rilassare e allungare la muscolatura.

Dieta diabetici: mantenere sotto controllo la glicemia

Il primo passo da fare per mantenere sotto controllo il diabete è eliminare le abitudini alimentari sbagliate, magari seguendo una dieta per diabetici. E’ consigliabile ridurre il più possibile i cibi dolci e salati. I cereali e le fibre sono degli ottimi alleati. E’ utile sapere che le melanzane aiutano a ridurre il bisogno di mangiare cibi dolci e ricchi di carboidrati.

Leggi anche...

Dieta 5 giorni: per riequilibrare le funzionalità dell' intestino

L'intestino viene considerato il nostro "secondo cervello" e ha un ruolo nell'organismo di notevole importanza. Cervello e intestino infatti si allenano per svolgere delle importanti funzioni che hanno ripercussioni sull'intero organismo: per questo è importante garantire il benessere intestinale e mentale.

Leggi anche...

Impacchi anticellulite: i migliori rimedi naturali per eliminarla

Impacchi anticellulite

Tutte le donne alla parola “cellulite” assumono un’espressione mista tra disgusto e tristezza, iniziando a visualizzare immagini chiare di gambe e glutei caratterizzati da quest’inestetismo.

Leggi anche...

Elettrostimolatore Cervicale: Tutto ciò che devi sapere

Il dolore cervicale, detto anche cervicalgia, è un’infiammazione della zona vicina al collo, molto frequente nelle persone adulte. 

In Italia colpisce circa il 60% della popolazione over 30, con maggior frequenza nelle donne.