La dieta fibre nasce nei primi anni '80 negli USA grazie all'omonimo libro scritto da Audrey Eyton ed è basata sul consumo di fibre (30-35 grammi al giorno circa) nell'alimentazione quotidiana.

Le fibre infatti, contenute in numerosi alimenti e non assimilate dall’intestino umano, sono ottime alleate della dieta per una lunga serie di motivi: anticipano il senso di sazietà senza apportare calorie; svolgono un’azione depurativa dell’intestino; rallentano e riducono l’assorbimento di zuccheri e grassi; abbassano il colesterolo; promuovono lo sviluppo della flora batterica intestinale; riducono il rischio di insorgenza di malattie cronico-degenerative.

Caratteristiche della dieta fibre

Questo particolare regime alimentare consente di perdere 3-4 chili in un mese e il suo obiettivo è proprio quello di limitare la sensazione di fame e di rallentare l’assorbimento intestinale di grassi e zuccheri. Per avere giovamento da questa dieta, è necessario non superare i 30-35 grammi al giorno; un consumo eccessivo di fibre, infatti, potrebbe inibire l’assorbimento di alcuni sali minerali e irritare le mucose di stomaco e intestino.

Fasi del regime dietetico

La dieta consta di: una prima fase, di due settimane, da seguire minuziosamente; una seconda fase, di altre due settimane, nella quale pasta, pane, riso e cereali devono essere di tipo integrale.

Questo regime dietetico prevede inoltre di: bere almeno 1,5 litri di acqua al giorno; non superare i 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva al giorno; usare 2 cucchiaini di zucchero di canna o di miele al giorno, come dolcificante; libero impiego di erbe e spezie; per fare in casa dolci, biscotti, pizza e pane usare farina integrale; mangiare pane integrale invece del pane bianco; bollire e arrostire le patate con la loro pelle; sostituire spesso alla carne lenticchie e fagioli.

Fibre sazianti: il loro magico potere

Il potere saziante dei cibi è una variabile fondamentale per controllare lo stimolo della fame, nemico di tutte le diete. Lo studio della sazietà dei cibi, insieme a quello dell'appetibilità, è importante quanto quello delle calorie o della ripartizione dei macronutrienti. Da importanti studi è emerso che le fibre hanno un alto potere saziante.

Il segreto delle fibre sazianti

La sazietà indotta da un alimento può essere valutata con l'indice di sazietà, introdotto e studiato per la prima volta dalla ricercatrice australiana Suzanna Holt. Analizzando i dati ottenuti sui singoli alimenti, la studiosa ha evidenziato i più importanti fattori dai quali dipende l'indice di sazietà che sono:

Densità calorica - L'indice di sazietà diminuisce quando aumenta la densità calorica (le calorie per 100 g) dell’alimento. Infatti, un maggior peso a parità di calorie significa un maggior riempimento gastrico, che genera una sazietà maggiore.

Macronutrienti - I cibi ricchi di proteine, ma poveri di grassi, come la maggior parte della carne e del pesce (esclusi carni e pesci grassi), hanno indici piuttosto alti, mentre quelli ricchi di carboidrati (la pasta, il pane bianco, i dolci) e/o di grassi (frutta secca, olio, burro) hanno indici di sazietà molto bassi.

Fibre- L'indice di sazietà aumenta all'aumentare della quantità di fibre dell’alimento. Le fibre hanno zero calorie, ma devono transitare nello stomaco e nell’intestino, rallentando così la digestione degli alimenti e prolungando il senso di sazietà.

Una volta ingerite, se associate a un buon consumo di acqua, giungono nello stomaco e nell’intestino, dove si gonfiano e producono un gel che dona sazietà, stimolando l'attività intestinale e facilitando l’eliminazione delle scorie e delle tossine attraverso le feci.

Quali quantità di fibre assumere

Come è stato già in precedenza detto le fibbre hanno un alto potere saziante e quindi sono un ottimo alleato per riuscire a mantenere il peso ideale. E' importante sapere che un soggetto adulto, dovrebbe assumere 25-30 g di fibre al giorno (tra solubili e insolubili); esse si trovano nei seguenti cibi:

  • cereali raffinati e derivati (riso, orzo, pasta, pane ecc.): 1-3 g di fibra per 100 g;
  • cereali integrali e derivati: 6-10 g di fibra per 100 g;
  • frutta secca e oleosa: 5-12 g di fibra per 100 g;
  • frutta fresca (in particolare nella buccia): 1-4 g di fibra per 100 g;
  • legumi: 5-8 g di fibra per 100 g;
  • verdure: 1-8 g di fibra per 100 g.




Potrebbe interessarti

Dieta proteica: un menù da seguire

Molte persone sono insoddisfatte del proprio aspetto fisico, vedono nel loro corpo la presenza di grasso localizzato e di fastidiosi cuscinetti, che nelle donne si localizzano soprattutto nei fianchi e nei glutei.

Leggi tutto...

Scopriamo i benefici della riflessologia plantare

La vita quotidiana frenetica e stressante tende, nel corso del tempo, ad avere ripercussioni sulla salute e benessere delle persone. Queste, per fronteggiare tali problematiche fisiche, cercano di incrementare le attività salutari per l'organismo, come lo sport ad esempio, o di porre maggiore attenzione all'alimentazione. Altre, invece, si rivolgono direttamente a terapie mediche, sia tradizionali che cosiddette alternative. Di queste ultime, alcuni ne diffidano, mentre altri si dichiarano estimatori dei benefici della riflessologia plantare ad esempio o di altre pratiche.

Leggi tutto...

Depilazione con filo orientale: il segreto del filo di cotone

La tecnica della depilazione mediate l’utilizzo di un particolare filo di cotone è una pratica che, in Italia, si è diffusa solo da pochi anni. Questo miracoloso filo però non fa magie: il segreto è semplicemente l’uso di un filo di cotone di buona qualità tessuto molto finemente.

Leggi tutto...

Trattamento Scrub Detossinante: ecco i benefici

Per riuscire ad eliminare tutte le cellule morte del nostro corpo ed aiutare il processo di rinnovamento della pelle, spesso, può essere necessario un trattamento scrub detossinante conosciuto anche come gommage oppure con il termine peeling.

Leggi tutto...

Dimagrire in modo sano: i segreti

Quando si decide di intraprendere una dieta, è importante dimagrire in modo sano e graduale, in modo tale da ottenere un dimagrimento efficace e duraturo. Alcune diete promettono dimagrimenti facili e veloci, am spesso al termine del regime dietetico, i chili persi vengono riacquistati con altrettanta facilità e velocità.

Leggi tutto...

I più condivisi

Ridurre l'appetito naturalmente: 18 cibi per tenere a freno la fame

Io non sono una grande fan del prendere pillole per la dieta o di quegli inserimenti suppletivi chimici che servono per la perdita di peso o per sopprimere l'appetito.

Leggi tutto...

Elettroporazione: lotta contro la cellulite

Uno dei nemici più agguerriti e odiati dalle donne è senza ombra di dubbio la cellulite, che spesso non le fa sentire a proprio agio, soprattutto quando arriva l’estate ed è arrivato il momento della prova costume. Grazie all’elettroporazione è possibile combattere l’effetto buccia d’arancia.

Leggi tutto...

Dieta fibre: i segreti per dimagrire

La dieta fibre nasce nei primi anni '80 negli USA grazie all'omonimo libro scritto da Audrey Eyton ed è basata sul consumo di fibre (30-35 grammi al giorno circa) nell'alimentazione quotidiana.

Leggi tutto...

Peso ideale: alimentazione bilanciata e attività fisica

Il peso ideale di un individuo varia in base a fattori differenti, che sono età, sesso, corporatura, altezza, massa corporea ecc. La stragrande maggioranza delle persone desidera raggiungere il proprio peso forma, per motivi essenzialmente estetici, magari per togliere quella fastidiosa pancetta che non gli permette più di indossare quel paio di jeans tanto amati.

Leggi tutto...

La dieta e gli alimenti senza lieviti: i segreti

La dieta senza lieviti è ideale per tutti coloro che avvertono dei disturbi quando mangiano dei cibi, ad esempio la pizza, che al loro interno contengono lieviti. Il consumo di alimenti contenenti lieviti, può spesso provocare senso di pesantezza, mancanza di energie e gonfiore alla pancia. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Dieta Plank: perdere 9 kg in due settimane

Le origini della dieta Plank non sono ancora conosciute, erroneamente la si associa alla Max Planck Society, l’istituto dedicato al progresso delle scienze che prende il nome dal fondatore Max Karl Ernst Ludwig Planck, pilastro della fisica contemporanea, ma è solo un legame privo di fondamenta.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Snellire i fianchi dalla ritenzione idrica

La ritenzione idrica subentra soprattutto in quei soggetti sedentari che hanno superato i 25-30 anni d'età. E' un fenomeno che interessa soprattutto le donne e, in generale, le persone che stanno in piedi o sedute per lungo tempo, con variazioni brusche del peso corporeo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Quali esercizi fare per ridurre i dolori della lombalgia

Il mal di schiena è uno dei malesseri più ricorrenti nelle popolazioni nord occidentali, ma le tipologie di dolori alla schiena sono molteplici e ognuna ha cause e sintomatologie diverse. La lombalgia, per esempio, è una condizione dolorosa della colonna vertebrale che non è una malattia di per sé, ma sintomo di altre patologie.

Leggi tutto...
Go to Top