La dieta del minestrone fu inventata da un cardiochirurgo del Sacred Memorial Hospital di St. Louis, per soggetti obesi cardiopatici che dovevano essere sottoposti a interventi di cardiochirurgia. Essa è infatti adatta esclusivamente a chi è in sovrappeso di almeno 7-8 kg; non è perciò consigliabile a chi ha solo qualche chilo di troppo. Questo tipo di dieta permette il raggiungimento del peso ideale in breve tempo e, grazie al suo programma di mantenimento, consente di conservare il peso raggiunto.

Caratteristiche della dieta a base di minestrone

La dieta a base di minestrone si basa sulla qualità dei cibi assunti e non prevede la riduzione delle quantità e il calcolo delle calorie dei cibi; è inoltre incentrata sull'eliminazione dal proprio regime alimentare di pane, pasta e riso, in modo da costringereil corpo a prelevare energia dai grassi in deposito.

Generalmente, questo regime alimentare prevede una settimana a base di minestrone di verdura, tè, succhi di frutta non zuccherati e frutta; al quarto giorno si aggiunge latte o yogurt scremato, al quinto carne di manzo e al settimo riso integrale. Gli ultimi due giorni sono dedicati al consumo di almeno due litri di acqua, perché sono quei giorni in cui il consumo di proteine e grassi è elevato e bisogna prevenire la formazione e l’accumulo di tossine nell’organismo. Può eventualmente essere ripetuta per la seconda settimana, ma non oltre.

Prima di intraprende questa dieta, è comunque consigliato chiedere un parere al proprio medico o dietista di fiducia. Per rendere la dieta del minestrone più efficace è opportuno infine abbinare una moderata attività fisica: corsa leggera, bicicletta, nuoto (almeno 3 volte alla settimana), oppure una passeggiata di 30 minuti (tutti i giorni).

Menù della dieta: due settimane per depurarsi grazie al minestrone

Il menù deve essere seguito per una settimana e deve comunque essere abbinato a un'attività fisica moderata e costante, ad esempio la bicicletta, una passeggiata a passo svelto nel parco ecc.

Questa dieta si basa principalmente sul consumo del minestrone di verdure e sulla capacità di quest'ultime di depurare l'organismo. Di seguito è illustrato un menù che, se seguito con costanza, vi permetterà di perdere circa sette chili in una settimana.

Esempio dieta settimanale

Lunedì

  • Colazione: una tazza di tè o un caffè; pere e mele.
  • Spuntino metà mattinata: un succo o centrifugato di frutta senza zucchero.
  • Pranzo: una porzione di minestrone e frutta.
  • Merenda metà pomeriggio: un succo di frutta o una spremuta senza zucchero.
  • Cena: una porzione di minestrone e frutta.

Martedì

  • Colazione: un caffè.
  • Spuntino metà mattinata: una tazza di tè.
  • Pranzo: una porzione di minestrone con contorno di bietola, indivia, broccoletti, cicoria o radicchio verde .
  • Merenda metà pomeriggio: una tazza di tè o un caffè.
  • Cena: una porzione di minestrone e 200 g di patate lesse o al vapore condite con 10 grammi di burro.

Mercoledì

  • Colazione: una tazzadi tè o caffè, pere e ananas.
  • Spuntino metà mattinata: un succo di frutta o una spremuta senza zucchero.
  • Pranzo: una porzione di minestrone con contorno di carote e carciofi cotti o crudi.
  • Merenda metà pomeriggio: un succo di frutta senza zucchero.
  • Cena: una porzione di minestrone e melanzane, zucchine e peperoni alla griglia.

Giovedì

  • Colazione : un cappuccino con 200 ml di latte scremato e banane.
  • Spuntino metà mattinata: un tè o un caffè.
  • Pranzo: una porzione di 200 g di yogurt magro e una banana.
  • Merenda metà pomeriggio: una tazza di tè.
  • Cena: Minestrone e un frappèa base di una banana e 200 ml di latte.

Venerdì

  • Colazione: un caffè.
  • Spuntino metà mattinata: un tè.
  • Pranzo: 300 g di pesce cotto al vapore a scelta tra merluzzo, nasello e sogliola con contorno di pomodori.
  • Merenda metà pomeriggio: un tè.
  • Cena: Minestrone e 200 g di pesce cotto alla griglia a scelta tra orata, spigola e rombo.
  • Dal giovedì è importante iniziare a bere almeno 1,5 litri di acqua al giorno.

Sabato

  • Colazione: un caffè.
  • Spuntino metà mattinata: un tè.
  • Pranzo: una o due bistecche di manzo o vitellone cotto alla griglia, zucchine e finocchi al vapore.
  • Merenda metà pomeriggio: un tè.
  • Cena: minestrone e 300-400 g di pollo arrosto senza la pelle.

Domenica

  • Colazione: un caffè.
  • Spuntino metà mattinata: un succo di frutta senza zucchero o una spremuta.
  • Pranzo: 150 g di riso integrale condito con verdure a piacere e una porzione di asparagi, cipolle e carote al vapore.
  • Merenda metà pomeriggio: un succo di frutta senza zucchero.
  • Cena: Minestrone e barbabietole e cetrioli

La dieta del minestrone, come abbiamo già detto, è molto efficace per depurarci, sgonfiarci e perdere i chili di troppo in maniera piuttosto veloce. Uno dei principali vantaggi di questo regime alimentare, infatti, è proprio costituito dalla rapidità con cui si riesce a scendere di peso come desiderato. Un altro vantaggio davvero non trascurabile è che con questo tipo di alimentazione, difficilmente si ha fame o si avverte la sensazione di avere la pancia vuota. Le verdure, infatti, contenendo moltissima acqua e tante fibre, hanno la capacità di saziarci e contengono pochissime calorie. Proprio per tutte queste ragioni, la dieta del minestrone è consigliata soprattutto a tutti coloro che devono o vogliono dimagrire a stretto giro e per le donne che vogliono depurarsi e disintossicarsi magari dopo qualche stravizio di troppo. Con questa dieta, infatti, si riesce a eliminare scorie e tossine in eccesso in modo efficace e veloce, così da combattere la tanto temuta ritenzione idrica.

Quali sono gli svantaggi e a chi non è consigliata

La dieta del minestrone consiste, dunque, in un’alimentazione a basso contenuto di calorie e proteine. Proprio per questo va considerata una dieta da seguire per periodi di tempo molto limitati e come strategia per combattere qualche chilo di troppo in modo veloce e mirato. Questo vuol dire che non è un’alimentazione da seguire per lunghi periodi, perché si rischia di stressare più del dovuto il nostro organismo. Tra gli svantaggi, infatti, oltre alla carenza proteica e calorica, porta con sé alcune “reazioni” come mal di testa, stanchezza, perdita del tono muscolare. E, naturalmente, come tutte le diete molto veloci, va poi accompagnata da un ritorno alla normalità molto graduale e controllato, per non rischiare di riprendere i chili eliminati con la stessa velocità.

In particolar modo, la dieta del minestrone non è adatta se: 

  • si hanno intolleranze alimentari;
  • si pratica sport a livello agonistico o si svolge un lavoro molto dispendioso a livello energetico;
  • si hanno patologie cardio-circolatorie;
  • si ha la pressione molto bassa;
  • si ha il diabete o insufficienza;
  • si ha il colon irritabile

Quando seguire la dieta del minestrone

La stagione migliore per seguire la dieta del minestrone è ovviamente l’inverno, grazie alle moltissime verdure a nostra disposizione. Ma non bisogna desistere neppure nel resto dell’anno. Il nostro organismo, anche nei momenti di cambio stagionale, ad esempio, potrebbe aver bisogno di qualche giorno di detox così da depurarsi in profondità.


Potrebbe interessarti

Benessere psicologico: i cibi che incidono sulla salute mentale

Perché quando si è di cattivo umore spesso si avverte il desiderio di mangiare la cioccolata? 
Oppure perché quando si vuole conciliare il sonno ci si coccola con un bicchiere di latte e biscotti? E ancora, come mai durante il ciclo mestruale alcune donne sentono il bisogno di mangiare i dolci? C’è una risposta scientifica a tutto questo e risiede nella produzione di una sostanza chiamata serotonina.

Calorie da assumere in una dieta: ecco la giusta dose!

Le calorie che si assumono durante la dieta, chiamate anche calorie alimentari, sono indicate dalla sigla Cal o kcal, e indicano l’apporto energetico che ogni alimento offre al nostro corpo.

Dieta scarsdale: dimagrire in 14 giorni di fuoco

La dieta Scarsdale è una dieta ipocalorica nata negli Stati Uniti nota anche come SMD (Scarsdale Medical Diet). Essa prevede un programma di due settimane dallo scarso apporto calorico, intorno alle 1000 kcal al giorno, costituito da un'alimentazione a base di carne, pesce magro e verdure poco caloriche.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Dieta Miami: meglio perdere pochi chili ma in pochi giorni

Immagine esemplificativa usata nell'articolo Dieta Miami: meglio perdere pochi chili ma in pochi giorni

Con la Dieta Miami non ci fa paura l'’estate è sempre più vicina. Proprio in questo periodo, infatti, la maggior parte delle persone si accorge di aver preso qualche chilo di troppo e di aver perso il proprio peso forma

Maschera Osmotica: eliminare le tossine cutanee

Molto spesso il nostro viso può risultare spento e teso; questo è dovuto principalmente allo smog che la nostra pelle assorbe, agli agenti atmosferici e alle cellule morte che si trovano sull’epidermide. Tutto ciò rende il nostro aspetto poco attraente. Niente paura però! Infatti esiste un trattamento, detto maschera osmotica, che consente di donare nuovamente alla pella quella luminosità e quello splendore che con il tempo si è perso.

Dieta Montignac: conosciamone i trucchi

La dieta Montignac, che si avvale di un testimonial d'eccezione, l'attore Gerard Depardieu, si basa sull'indice glicemico degli alimenti e sul metabolismo insulinico. Questo tipo di dieta punta da un lato a far perdere peso, e dall'altro a tenere sotto controllo la fame eccessiva e il desiderio di cibo.

Leggi anche...

Dieta ricca di fibre: i segreti per dimagrire

La dieta fibre nasce nei primi anni '80 negli USA grazie all'omonimo libro scritto da Audrey Eyton ed è basata sul consumo di fibre (30-35 grammi al giorno circa) nell'alimentazione quotidiana.

Leggi anche...

L'endermologia nel trattamento contro la cellulite

L'Endermologia (nota anche come LPG Endermologie) è una tecnica non invasiva, molto efficace come terapia contro la cellulite, che evidenzia a livello del tessuto cutaneo un miglioramento del flusso linfatico e vascolare oltre che del metabolismo delle cellule adipose e dei fibroblasti.

Leggi anche...

Quali esercizi fare per ridurre i dolori della lombalgia

Il mal di schiena è uno dei malesseri più ricorrenti nelle popolazioni nord occidentali, ma le tipologie di dolori alla schiena sono molteplici e ognuna ha cause e sintomatologie diverse. La lombalgia, per esempio, è una condizione dolorosa della colonna vertebrale che non è una malattia di per sé, ma sintomo di altre patologie.