Si sa che il nostro corpo è composto dalla maggior parte di liquidi; ed è anche certo che bere molto fa discretamente bene al nostro organismo. Quella che presentiamo oggi è una dieta che prende questi principi e li radicalizza in un percorso pratico, volto a favorire il corretto funzionamento del nostro corpo. La dieta liquidi è una dieta consigliata a chi soffre di ritenzione idrica e ha difficoltà circolatorie. Pensate che questa dieta aiuta a perdere fino a 3 chili in 7 giorni; oltre a tutto ciò, come se non bastasse, migliora la cute e i processi digestivi, controllando i disordini metabolici. Riteniamo comunque che non sia da sconsigliare, soprattutto per chi soffre di ritenzione idrica, utilizzare anche delle creme anticellulitedurante il regime dietetico in questione.

Caratteristiche della dieta liquidi

La dieta liquidi è povera di sale e ricca di cibi freschi e poco elaborati come la frutta e la verdura. Nel seguire la dieta dei liquidi, vanno dunque privilegiati i carboidrati complessi come pasta e pane, limitando il consumo degli zuccheri semplici; i grassi devono essere assunti con moderazione dando la preferenza ai grassi vegetali; per quel che concerne le proteine da preferire? Sono senza dubbio quelle vegetali o del pesce.

Il programma dietetico (che lo ricordiamo si dipana in 7 giorni) prevede due giornate iniziali ad apporto calorico basso, a base di frullati e centrifugati di frutta e verdura (questo per depurare l’organismo, favorendone il drenaggio); gli altri 5 giorni, invece, prevedono una scelta di alimenti completa, così come descritto sopra.

Consigli utili

Per ottenere i risultati prefissati è necessario adottare dei semplici comportamenti (da seguire tuttavia con molta attenzione) che aumentano le potenzialità della dieta liquidi e sono elencati di seguito.

  • bere almeno 1,5 litri di acqua al giorno (lontano dai pasti per non favorire il gonfiore di stomaco)
  • evitare bevande alcoliche, gassate o zuccherate (che comunque fanno male per altre mille ragioni)
  • bere succhi di frutta non confezionati (occhio ai quantitativi di zucchero presenti in queste confezioni)
  • per condire non superare i due cucchiai di olio extravergine d’oliva al giorno (meglio a crudo ovviamente, evitando i soffritti)
  • nella minestra utilizzare 1 dado da brodo vegetale (molto meglio se senza conservanti)
  • per dolcificare usare il fruttosio, un dolcificante naturale;
  • fare largo uso di erbe aromatiche.

Esempio menù dieta dei liquidi

Com’è stato già detto in precedenza questo particolare regime alimentare aiuta il corpo a depurarsi, a combattere l’inestetismo della cellulite e ad eliminare qualche chilo di troppo. Di seguito è illustrato un esempio di menù dieta dei liquidi, che deve essere seguito per una settimana e può permettere di perdere fino a tre chili.

Lunedì
Colazione: 200 g di frullato di ananas e kiwi o una spremuta di pompelmo con 50 g di fette biscottate integrali.
Spuntino metà mattinata: 125 g di yogurt magro.
Pranzo: frullato con 50 ml di latte parzialmente scremato, 100 g di banane, 100 g di frutta di stagione e 100 g di uva.
Merenda pomeridiana: un frullato con 50 g di yogurt magro, 100 g di mele, 100 g d i pere e 50 g di arancia.
Cena: un frullato di 100 g di latte parzialmente scremato, 200 g di pere, 50 g di arancia, 200 g di kiwi
Prima di andare a dormire: un vasetto di yogurt magro o mousse magra.

Martedì
Colazione: 200 g di frullato di ananas e kiwi o una spremuta di pompelmo con 50 g di fette biscottate integrali.
Spuntino metà mattinata: 125 g di yogurt magro.
Pranzo: frullato di 50 ml di latte parzialmente scremato, 100 g kiwi, 100 g di banane, 100 g di mele.
Merenda pomeridiana: un frullato con 50 g di yogurt magro, 100 g di mele, 100 g d i pere e 50 g di arancia.
Cena: un frullato di 100 g di latte parzialmente scremato, 30 g di prugne secche, 30 g di fichi secchi e 100 g di uva.
Prima di andare a dormire: un vasetto di yogurt magro o mousse magra.

Mercoledì
Colazione: 200 g di frullato di ananas e kiwi o una spremuta di pompelmo con 30 g di fette biscottate integrali.
Spuntino metà mattinata: 125 g di yogurt magro.
Pranzo: 50 g di pasta al pomodoro con basilico e 5 g di formaggio grattugiato; 200 g di insalata a base di lattuga e ravanelli; 200 di frutta di stagione.
Merenda pomeridiana: 150 g di pera.
Cena: 100 g di petto di pollo arrosto con contorno di 200 g di insalata verde mista; 50 g di pane integrale; 200 g di macedonia di kiwi e mele.

Giovedì
Colazione: 200 g di frullato di ananas e kiwi o una spremuta di pompelmo con 30 g di fette biscottate integrali.
Spuntino metà mattinata: 125 g di yogurt magro.
Pranzo: 100 g di scaloppine di vitello al limone con contorno di 200 g di insalata di patate e prezzemolo, 200 g di pera.
Merenda pomeridiana: 150 g di pera.
Cena: 100 g di ricotta con 200 g di insalata verde, 50 g di pane integrale, 200 g di frutta di stagione.

Venerdì
Colazione: 200 g di frullato di ananas e kiwi o una spremuta di pompelmo con 30 g di fette biscottate integrali.
Spuntino metà mattinata: 125 g di yogurt magro.
Pranzo: 50 g di pasta condita con 40 g di tonno; 200 g di insalata verde; 200 g di kiwi.
Merenda pomeridiana: 150 g di pera.
Cena: 200 g di insalata di gamberetti con contorno di 250 g di carciofi; 150 g di cavolo cappuccio saltato in padella; 50 g di pane integrale, 200 g di macedonia di arance e mele.

Sabato
Colazione: 200 g di frullato di ananas e kiwi o una spremuta di pompelmo con 30 g di fette biscottate integrali.
Spuntino metà mattinata: 125 g di yogurt magro.
Pranzo: 50 g di spaghetti con aglio, olio, peperoncino e 5 g di formaggio grattugiato; 200 g di insalata di lattuga; 200 g di frutta di stagione.
Merenda pomeridiana: 150 g di pera.
Cena: 60 g di bresaola con contorno di 200 g di insalata mista verde; 50 g di pane integrale; 150 g di frutta si stagione.

Domenica
Colazione: 200 g di frullato di ananas e kiwi o una spremuta di pompelmo con 30 g di fette biscottate integrali.
Spuntino metà mattinata: 125 g di yogurt magro.
Pranzo: 100 g di filetto ai ferri con contorno di 100 g di patate arrosto; 100 g di frutta di stagione.
Merenda pomeridiana: 150 g di pera.
Cena: 150 g di nasello al pomodoro con contorno di 200 g di insalata verde mista; 50 g di pane integrale; 200 g di macedonia di mele e pere.

 


Potrebbe interessarti

La dieta per rinforzare le ossa: prendiamocene cura

In presenza di un clima freddo e umido, è bene seguire un'alimentazione corretta ed equilibrata in modo da tenere lontani i mali di stagione e seguire una vera e propria dieta per rinforzare le ossa, rendere i muscoli più flessibili, prevenire l’osteoporosi e l’indebolimento tipico da influenza stagionale e mantenere il proprio peso ideale.

Dieta Birmingham: i segreti per tornare in forma

La dieta Birmingham, conosciuta anche con il nome di “Birmingham Heart Hospital Diet” e "Cardiac Unit of UAB Hospital Diet", è un tipo di regime alimentare molto in voga in America e utilizzato principalmente nei pazienti obesi che soffrono di problemi cardiaci.

Alimenti senza lievito: scopriamo i segreti di questa dieta

La dieta senza lieviti è ideale per tutti coloro che avvertono dei disturbi quando mangiano dei cibi, ad esempio la pizza, che al loro interno contengono lieviti. Il consumo di alimenti contenenti lieviti, può spesso provocare senso di pesantezza, mancanza di energie e gonfiore alla pancia. 

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Massaggio schiena: come alleviare il mal di schiena

Il più diffuso tra i massaggi, allevia il dolore e ridona vigore alla schiena. Il mal di schiena è una delle zona del corpo più sensibile a dolori dovuti da posizioni non corrette o da uno stile di vita sbagliato. Il massaggio alla schiena è un ottimo rimedio ai dolori muscolari.

Diabete mellito tipo 2: cosa mangiare per una vita sana

diabete

Il diabete mellito tipo 2 è una tipologia di diabete, ovvero una patologia della quale soffrono molte persone e che si può manifestare in età giovanile o in età adulta. Le persone affette da diabete devono necessariamente seguire una dieta diabete particolare ma non faticosa e spesso hanno bisogno di assumere farmaci specifici.

Massaggio alla nuca antistress: come liberarsi dallo stress e dalle tensioni quotidiane

Il mal di testa è una situazione comune a tantissime persone e molto spesso, esso, è provocato da una postura sbagliata mantenuta per un tempo prolungato o dallo stress a cui quotidianamente siamo sottoposti. Un massaggio nuca antistress può aiutare a rilassarsi, liberando tutto il corpo da ogni tipo di tensione e da tutti gli stress alleviando, quando è presente, il mal di testa.

Leggi anche...

Dieta macrobiotica: alimentazione Yin e Yang

Uno dei maggiori sostenitori della dieta macrobiotica è stato Nyioti Sakurazawa, un medico e filosofo, attratto della filosofia orientale. Secondo il dottor Sakurazawa, noto anche sotto il nome di George Ohsawa, un alimentazione corretta è l’unico modo per poter mantenere il proprio peso ideale e ridurre il rischio di contrarre alcune particolari patologie.

Leggi anche...

Dimagrimento localizzato: perdere i cm su fianchi, pancia e glutei

Dimagrimento localizzato: perdere i cm su fianchi, pancia e glutei

Il dimagrimento localizzato ricorda che l'estate è vicina ed è proprio in questo momento che le persone percepiscono il bisogno di perdere il peso in eccesso accumulato durante l’inverno per superare la prova costume.

Leggi anche...

Quali esercizi fare per ridurre i dolori della lombalgia

Il mal di schiena è uno dei malesseri più ricorrenti nelle popolazioni nord occidentali, ma le tipologie di dolori alla schiena sono molteplici e ognuna ha cause e sintomatologie diverse. La lombalgia, per esempio, è una condizione dolorosa della colonna vertebrale che non è una malattia di per sé, ma sintomo di altre patologie.