Il limone ha molteplici proprietà curative; in primis è un naturale antiacido gastrico. Il suo gusto è dato da acidi organici che non restano allo stato acido nelle cellule e il suo uso favorisce la produzione di Carbonato di potassa (o Carbonato di potassio). La cura del limone è utile nella cura delle gastriti. E' adatta come prevenzione delle epidemie influenzali, nelle convalescenze e per favorire la crescita dei bambini.

A chi è sconsigliata la cura del limone

E' sconsigliato qualora il soggetto sia affetto da insufficienze epatiche e problemi ai reni, altre affezioni che compromettono la capacità dell'organismo di trasformare l'acido citrico: gli effetti collaterali della cura a base di limone sono abbastanza fastidiosi, se non pericolosi. È dunque una cura che non va applicata né ai bambini né alle persone molto anziane e neppure a chi ha una salute molto delicata.

Questa terapia consiste solitamente nel bere ogni mattina, rigorosamente a digiuno, una spremuta di limone puro, non diluita in acqua; è necessario poi attendere almeno 30 minuti prima di fare colazione o assumere altre bevande o cibi.

La terapia ha una durata massima di 30 giorni, compresi 6 giorni di mantenimento con la dose minima, e va seguita attenendosi rigorosamente al calendario e alle dosi indicate. Può essere ripetuta dopo minimo cinque-sei mesi, meglio ancora un anno, soprattutto dopo la seconda volta.

Quali cibi evitare

Durante la cura del limone bisognerebbe evitare altri alimenti molto ricchi di vitamina C come kiwi o arance, né caramelle o pasticche o altri integratori contenenti vitamina C. I limoni, freschi e maturi, devono essere spremuti e bevuti subito.

Prima di intraprendere questo genere di cura è comunque necessario consultare il medico, per evitare effetti indesiderati o nocivi sull'organismo.

Chiarimenti utili

Questa particolare terapia può essere utilizzata per disintossicare il corpo grazie ai limoni, per i suoi effetti dimagranti, per diminuire il livello di colesterolo cattivo nel sangue e infine per contrastare il nemico numero uno delle donne, vale a dire la cellulite. Com’è stato già detto in precedenza bisogna bere acqua tiepida e succo di limone diluito ina stomaco vuoto, preferibilmente mezz’ora prima della colazione.

Si deve iniziare con il bere il succo, poi la quantità aumenterà sempre di uno, fini ad arrivare a bere, dopo 15 giorni, esattamente il succo di 15 limoni. Dal sedicesimo giorno al trentesimo si dovrà diminuire la quantità di un limone ogni giorno, la durata totale della cura è di trenta giorni. E’consigliabile prima di iniziare una qualsiasi cura o un regime dietetico di consultare il proprio medico curante.

Caratteristiche dei limoni

I maggiori produttori al mondo di limoni sono gli Stati Uniti d’America, l’Italia, la spagna, Israele e la Turchia. La scorza del limone è generalmente gialla, ma esistono anche delle specie che hanno la buccia sfumata di verde e bianco, questo agrume ha 15 Kcal ogni 100 gr e contiene citrati, sali minerali, vitamine e diversi oli essenziali.

Il limone e il pomodoro sono due degli alimenti che contengono una notevole quantità di acido citrico, sostanza che interviene nella produzione del ricambio cellulare dei tessuti. Numerosi studi medici hanno dimostrato che questo agrume è in grado di rendere più fluido il sangue e migliorare la circolazione, aumenta i tassi di colesterolo buono, chiamato anche HDD e diminuisce il livello di colesterolo LDL, considerato cattivo.

E’in grado inoltre di diminuire il livello dell’omocisteina, una sostanza che se presente in dosi molto elevate in un individuo, può essere la causa dell’infarto del miocardio. Il succo può essere anche utilizzato per curare affezioni della pelle, trattare verruche, afte, vesciche e accellerare il processo di cicatrizzazione di una ferita. Per riuscire a godere in pieno delle molteplici qualità di questo prodotto è importante usarlo al naturale, quindi è preferibile evitare bibite gassate al limone, è consigliabile inoltre cercare di consumare agrumi che provengono da coltivazioni biologiche, che sono stati quindi coltivati senza l’utilizzo di pesticidi.

Caratteristiche della dieta contro la gastrite cronica

La gastrite è un processo infiammatorio acuto o cronico della parete gastrica. I sintomi classici del disturbo sono acidità, bruciori e crampi allo stomaco, vomito e nausea e chi ne soffre deve seguire con costanza una dieta anti gastrite cronica. Se per i casi cronici sono necessarie approfondite indagini diagnostiche e terapie farmacologiche mirate, per le forme più lievi e sporadiche è sufficiente un pò di riposo associato a una dieta leggera e adeguata.

Spesso è infatti causata da cattive abitudini alimentari quali l'abuso di alcol, spezie, alcuni condimenti e cibi irritanti per la mucosa gastrica. Anche l'abuso di tabacco e di alcuni farmaci di utilizzo comune con proprietà gastrolesive (aspirina e simili) possono favorire la comparsa della gastrite.

Il regime alimentare per combattere i disturbi gastrici anche cronici si basa innanzitutto sull'osservanza di alcune norme comportamentali molto semplici.

Oltre a masticare lentamente è importante farlo in un'atmosfera rilassante, rimanendo seduti per qualche decina di minuti al termine del pasto. Si sconsiglia invece di mangiare nei momenti in cui si è particolarmente nervosi o stanchi.

Non appesantire lo stomaco con cibi grassi

In una dieta contro la gastrite cronica è inoltre necessario evitare pasti abbondanti e ripartire correttamente i pasti nell'arco della giornata. Bisogna sforzarsi di mangiare a orari regolari senza mai saltare un pasto o ritardarlo eccessivamente.

Per non affaticare troppo lo stomaco, sarebbe utile evitare i pasti troppo abbondanti e calorici durante le ore serali. Uno spuntino a metà mattina e uno nel pomeriggio contribuiscono invece a tamponare l'acidità di stomaco, evitando che questa salga eccessivamente a causa del digiuno prolungato.

Gli alimenti indicati a chi soffre di disturbi allo stomaco

Seguire una dieta, per chi soffre di questo problema a livello di stomaco, significa proteggere questo organo contro ulteriori infiammazioni ed irritazioni. Una volta individuate le cause del problema, che possono essere peggiorate da un cattivo stile di vita, poco sano e poco avvezzo al movimento, bisognerà facilitare il processo digestivo e dunque ricorrere ad una alimentazione equilibrata, contenente particolari cibi.

A livello di consigli alimentari generali, è importante scegliere cibi facili da digerire e poco conditi, specialmente evitare spezie e altri alimenti piccanti. Bisogna poi cercare di mangiare in maniera regolare ogni giorno, evitando di dividere la dieta in piccoli pasti frequenti, poiché questo porterebbe ad aumentare l'acidità di stomaco necessaria per le varie fasi digestive.

A livello di cibi da evitare, oltre naturalmente all'alcol, lasciare da parte le bevande a base di caffeina come tè, caffè, cioccolato, coca cola. Per quanto riguarda latte e derivati, meglio non abbondare e fermarsi sulle due porzioni al giorno, e possibilmente evitare quelli con alto contenuto di grassi.

Altri alimenti che è meglio evitare, o comunque ridurre in quantità, sono i pomodori, i succhi di agrumi vari, condimenti pesanti a base di aglio e cipolla, cibi eccessivamente grassi. È possibile mangiare tranquillamente cibi contenenti fibra, come i cereali, frutta e verdura e fagioli.

Attenzione ad alimentarsi con broccoli, cavoli, particolari frutti e legumi che possono contribuire al gonfiore dello stomaco. In ogni caso, è sempre opportuno rivolgersi ad uno specialista che potrà consigliarvi la dieta più adatta contro la gastrite.





Potrebbe interessarti

Massaggi per la Cervicale: quali sono i benefici

Uno dei malanni fisici più comuni, che magari non ci riguarda in maniera diretta ma che comunque colpisce un’altissima quantità di persone in tutto il mondo, è sicuramente la cervicalgia che tutti noi siamo più propensi a chiamare con il riduttivo ‘cervicale’.

Leggi tutto...

Integratori alimentari per dimagrire: cosa sono e come si usano

Per chi fa sport ma anche per chi lavora duro e per chi studia. Gli integratori alimentari vengono incontro alle esigenze di chi si trova di fronte a degli impegni che necessitano sforzi e concentrazione fuor dal comune, oppure vuole semplicemente dimagrire.

Leggi tutto...

Dieta localizzata: dimagrimento mirato

Dimagrire in zone come la pancia e i fianchi è uno degli obiettivo principali per molte donne; una dieta localizzata su tali punti critici potrebbe aiutare a snellire maggiormente queste zone.

Leggi tutto...

App per la dieta: alimentazione per dimagrire su iPhone e Android

I chili in eccesso non sono sempre facili da gestire e con l'estate oramai in corso la necessità di perdere peso si fa più incalzante, tanto da indurre alla sperimentazione di vari metodi dimagranti, non sempre benefici per la salute. Da oggi però, un aiuto concreto e sicuro nella lotta ai chili in eccesso lo si può ottenere dalle app per dimagrire.

Leggi tutto...

Dieta mestruazioni: quali cibi mangiare

Uno dei periodi più critici per tutte le donne, è quello del ciclo; durante la fase mestruale infatti ci si sente gonfie e pesanti, si ha spesso fame e sale la voglia di dolci, pane, focacce e pasta.

Leggi tutto...

I più condivisi

Qual è la corretta dieta per un atleta?

Sappiamo tutti quanto sia importante per un atleta seguire una corretta alimentazione: ma qual è la migliore dieta per un atleta?. Il mangiare in maniera delicata e proporzionata al proprio impegno atletico è molto importante, soprattutto in considerazione del fatto che può essere considerata a tutti gli effetti un arma in più. 

Leggi tutto...

Dieta 1300 calorie: dimagrire velocemente

Una dieta che consente di perdere peso in modo veloce prevede un regime alimentare con un apporto calorico di circa 1300 calorie giornaliere. E' importante al termine della dieta 1300 calorie, continuare a seguire un regime alimentare corretto ed equilibrato, per non riprendere i chili persi.

Leggi tutto...

Dieta ipocalorica: scopri come funziona

 

Il mondo delle diete è un mondo che definire vulcanico significa dir poco, dal momento che ne nascono di continue, ogni anno c’è la tanto annunciata “dieta rivoluzionaria”. Detto ciò, aggiungiamo anche che ogni dieta professa delle cose buone e delle cose che lo sono meno. Ultimamente sempre più spesso si sente parlare di una dieta liberamente ispirata alla dieta, al regime alimentare e allo stile di vita dei cacciatori-raccoglitori del Paleolitico.

Leggi tutto...

La fase d'attacco della dieta Dukan: imparare a mangiare le giuste porzioni

Pierre Dukan è il nutrizionista (esperto in comportamento alimentare) più conosciuto in Francia (ma anche in Italia non scherza). Il punto di forza della dieta che ha messo a punto questo studioso è quello di seguire un’alimentazione il più possibile naturale, che combatta la tendenza che quasi tutte le persone hanno, a mangiare porzioni di cibo molto più abbondanti di quelle che sono in realtà necessarie. Il metodo che analizzeremo di seguito permette dunque di ottenere il proprio peso forma senza grandi sforzi.

Leggi tutto...

Trattamento Scrub Detossinante: ecco i benefici

Per riuscire ad eliminare tutte le cellule morte del nostro corpo ed aiutare il processo di rinnovamento della pelle, spesso, può essere necessario un trattamento scrub detossinante conosciuto anche come gommage oppure con il termine peeling.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Dieta macrobiotica: alimentazione Yin e Yang

Uno dei maggiori sostenitori della dieta macrobiotica è stato Nyioti Sakurazawa, un medico e filosofo, attratto della filosofia orientale. Secondo il dottor Sakurazawa, noto anche sotto il nome di George Ohsawa, un alimentazione corretta è l’unico modo per poter mantenere il proprio peso ideale e ridurre il rischio di contrarre alcune particolari patologie.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Agopuntura cervicale: ottimo rimedio contro le infiammazioni

L'agopuntura è un metodo di cura cinese che consiste nell'inserire dei sottili aghi non forati nei tessuti del corpo; si utilizzano solitamente 9 modelli diversi di aghi a seconda del tipo di problema da trattare. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Quali esercizi fare per ridurre i dolori della lombalgia

Il mal di schiena è uno dei malesseri più ricorrenti nelle popolazioni nord occidentali, ma le tipologie di dolori alla schiena sono molteplici e ognuna ha cause e sintomatologie diverse. La lombalgia, per esempio, è una condizione dolorosa della colonna vertebrale che non è una malattia di per sé, ma sintomo di altre patologie.

Leggi tutto...
Go to Top