Le diete vegetariane rappresentano dei modelli alimentari che escludono gli alimenti di origine animale. Non tutti seguono gli stessi dettami: i granivori mangiano solo cereali, i frugivori o fruttariani soltanto frutta e i crudisti mangiano alimenti totalmente crudi.

Vediamo qualche esempio di dieta in cui i vegetali la fanno da protagonista, per capire meglio quale sia quella che fa al caso nostro. Ognuno di noi infatti ha delle preferenze alimentari e sono proprio i gusti a determinare cosa è più complicato eliminare dalla propria dieta e a cosa non si può proprio rinunciare se si desidera portare a termine la dieta iniziata.

Diete vegetariane di transizione

Come abbiamo già detto ci sono alcune diete vegetariane, durante le quali è permesso il consumo di carne e pesce e proprio per questo vengono chiamate di transizione. Di seguito è presente un elenco che illustra diversi regimi alimentari di tipo vegetariano di transizione esistenti al mondo.

  • dieta quasi vegetariana
  • dieta vegetariana a casa, che limita l'apporto di cibi animali a contesti eccezionali
  • dieta pesce-pollo-vegetariana, che esclude le carni rosse e che ammette quindi solo carne bianca e pesce
  • dieta pesco-lacto-ovo-vegetariana, che esclude il solo consumo di carne, sia rossa che bianca; ammettendo le altre proteine (latticini, uova, ecc...)
  • dieta pesco-vegetariana, che esclude tutti i prodotti di derivazione animale tranne il pesce

Vegetariani a tutti gli effetti

La caratteristica principale dell'alimentazione a base di vegetali è la totale esclusione di tutti gli alimenti che hanno origine animale, ad esempio la carne, gli affettati ecc. Di seguito sono elencate alcune tra le tipologie esistenti.

  • dieta vegetaliana che non prevede l'assunzione di alcun derivato animale
  • dieta crudista, composta da soli alimenti vegetali
  • dieta fruttariana, composta da soli fruttida semi

I cibi biologici

Ovviamente, per quel che concerne l'origine dei vegetali della dieta, si preferiscono cibi provenienti da coltivazioni biologiche (si fa utilizzo estensivo di prodotti ricavati dalla soia). Da sottolineare che si cura anche il tipo e il tempo di cottura, l'uso della fiamma, della pressione o del sale. Il vegetarismo è dunque una forma di alimentazione che esclude il consumo di alcuni o tutti gli alimenti di origine animale.

Solo una minoranza di persone segue un tale regime dietetico per motivi salutistici e la posizione ufficiale dell'OMS e dell'Unicef sconsiglia le diete che escludono il latte animale durante l'allattamento e lo svezzamento. Per i minerali occorre infatti prestare attenzione alla minor disponibilità biologica di quelli contenuti in alimenti vegetali. Per le vitamine, è necessario porre attenzione alla totale assenza di vitamina B12 in tutti gli alimenti vegetali.

I sintomi da carenza di B12 potrebbero essere difficili da riconoscere in quantole riserve organiche ne pospongono ad alcuni anni la comparsa dall'introduzione della dieta. Secondo l'OMS, nell'infanzia e nell'età dello sviluppo una dieta vegetariana presentano il rischio di deficienze di ferro, zinco, riboflavina, cobalamina, vitamina D e calcio.

Cibi concessi nella dieta crudista

La dieta crudista prevede l'assunzione di cibi non cotti, dunque da consumare crudi, per evitare che gli alimenti con la cottura perdano i principi nutritivi ed sostanze essenziali quali vitamine e sali minerali. Questo regime dietetico si basa quindi sulla preparazione di piatti semplici e se seguita con costanza vi permette di ritrovare il vostro peso forma.

I principali alimenti contemplati dalla dieta crudista sono: frutta di vario genere (fresca, tropicale, secca), verdura, legumi freschi, alghe, semi, cereali, erbe, funghi, noci, determinati tipi di formaggi. Molto spesso si esclude il consumo di latticini e uova. Solitamente chi pratica questa dieta è definito vegetariano, ma può essere anche effettuata da un normale consumatore aggiungendovi inoltre carne e pesce crudi o parzialmente cotti.

Il consumo di alimenti crudi agevola inoltre una masticazione più lenta, favorendo così i processi di digestione e il senso di sazietà.
Questa dieta aiuta anche a: purificare l'intestino; favorisce l'apporto di grandi quantità di acqua; consente di evitare la formazione di acidi urici.

Chi non deve seguire la dietra crudista

La dieta crudista è assolutamente sconsigliata ai soggetti che soffrono di seri problemi a livello grastrico e intestinale; agli anemici; ai cardiopatici. È da evitare anche per i bambini, gli anziani e per le donne in stato interessante oppure in fase di allattamento. L'apporto calorico di questo regime alimentare dovrebbe infine essere composto dal 75-80% di frutta, 10-20% di verdure, 8 % di cereali, 5% di noci e semi vari, 2% di miele e melassa.

Se si decide di intraprendere questo tipo di alimentazione è comunque consigliabile chiedere prima il parere di un dietologo o di un nutrizionista.

Diete vegetariane: Informazioni utili per il regime crudista

Com’è stato già detto in precedenza le Diete vegetariane si basano sul consumo essenzialmente di frutta e verdura, che possono essere assunti anche sotto forma di frullati, centrifughe e spremute. E’possibile mangiare anche il riso Gaba, una speciale qualità che si ottiene facendolo germinare in acqua calda per almeno venti minuti.

La germinazione ha un ruolo molto importante, perchè consente all’alimento di apportare al corpo una maggiore produzione di alcuni enzimi e aminoacidi. E’ generalmente sconsigliato l’apporto al corpo di cereali grezzi, perchè contengono delle tossine vegetali che sono difficili da digerire.

E’possibile consumare la frutta secca, quella con il guscio, il latte di cocco e le alghe. I crudisti definiti onnivori mangiano il pesce, crudo come il sashimi e la carne, come la tartare e il carpaccio, si cibano anche di tutti i prodotti caseari che non hanno subito il processo di pastorizzazione. Sono permessi anche i cibi stagionati, ad esempio il pesce e la carne frollati o fermentati.

In un regime alimentare crudista possono essere consumate anche le uova, ma non devono essere cotte ad una temperatura superiore ai 46°C e le uova fermentate, che hanno subito una particolare lavorazione, al termine delle quale l’albume ha assunto un colore marroncino e il tuorlo è diventato verde. Questo particolare genere di uova è tipico della cucina cinese e può essere di gallina, quaglia e anatra.

I cibi con maggior apporto di vitamine e sali minerali nelle Diete vegetariane

Durante un regime alimentare del genere è importante consumare quei cibi che contengono molte vitamine e sali minerali, che sono molto utili nella prevenzione di diverse malattie a carico dell’apparato cardio-circolatorio e sono riportati nell’elenco che segue.

  • Il grano germinato, che possiede molte proteine, vitamine e sali minerali ed è ricco di enzimi.
  • Il cioccolato grezzo, che si ottiene dalla lavorazione dei semi di cacao non tostati e contiene magnesio e antiossidanti.
  • I semi di canapa, che sono ricchi di Omega 6, Omega 3 e proteine.
  • La Maca, una tipica pianta del Perù.
  • Il polline ricco di proteine e una stimolatore naturale delle difese immunitarie.
  • Le bacche Goji, che contengono molte vitamine, fibre, proteine e antiossidanti.
  • Il rejuvelac, una bibita che si prepara con cereali germinati ed aiuta la digestione.

E’ importante sapere che per dolcificare le bevande è possibili utilizzare lo zucchero di dattero. Il regime crudista si basa sul consumo di alcuni alimenti che non è semplice trovare nei suopermercati tradizionali, quindi è consigliabile recarsi nei negozi specializzati.

I segreti della dieta dell'orto

Diete vegetariane

La primavera è ormai arrivata e sono molti quelli che sentono il bisogno di depurarsi, iniziare a perdere peso ed eliminare tossine e chili di troppo. Per riuscire a recuperare il proprio peso forma, la dieta dell'orto è un ottimo rimedio che vi permette di essere così in forma già durante i primi giorni d'estate.

La dieta dell'orto è sostanzialmente una dieta di natura vegetariana, che prevede, infatti, il consumo di molta frutta e verdura e l'assunzione quindi di molti sali minerali e vitamine.

Il primo vantaggio di questo regime dietetico è quello legato alla possibilità di recuperare la corretta dose di acqua, che serve all'organismo e che viene spesso a mancare quando iniziano i primi caldi primaverili; con gli alimenti previsti da tale dieta è dunque possibile reintegrare le riserve di acqua.

L'importanza di assumere le vitamine nelle Diete vegetariane

La dieta dell'orto agevola inoltre un ottimo apporto di vitamine, alcune delle quali sono riportate nell'elenco che segue:

  • la vitamina C, per il sistema immunitario;
  • la vitamina E, per il sistema immunitario;
  • la vitamina A, per rendere liscia e idratata la pelle e per proteggere la vista;
  • la vitamina PP, per le arterie e per acquisire più energia.

La dieta ti consente di ridurre il tempo trascorso a cucinare, anche se sono previsti minestroni o tortini di zucchine; è necessario però che la frutta e verdura comprata al supermercato sia fresca e di stagione.

Prima di intraprendere qualunque tipo di regime dietetico, compresa la dieta dell'orto, è comunque necessario consultare un medico specialista o un nutrizionista per avere ulteriori e validi consigli per perdere peso in modo adeguato.

Chiarimenti utili per le Diete vegetariane

Questo genere di regime dietetico si basa sul consumo di circa 1300 calorie giornaliere e prevede un grande apporto vitaminico al corpo, i vari cibi concessi, in particolar modo verdure, contengono vitamina A che aiuta occhi e pelle, vitamina C che rinforza le difese immunitarie e la vitamina E, che ha il compito di stimolare il sistema nervoso. E’di fondamentale importanza variare il più possibile i cibi e cercare di consumarli quando sono ancora freschi e di stagione, altrimenti si rischia di mangiare prodotti che hanno perso le loro proprietà. E’consigliabile evitare di bollire le verdure, che rischiano di perdere così tutti i nutrienti nell’acqua, ma prediligere la cottura al vapore o con la pentola a pressione. Uno delle verdure più adatte quando si segue la dieta dell’orto è l’insalata, in tutte le sue varianti, come la lattuga, la scarola, la riccia, l’indivia, la cappuccina ecc., ha un basso contenuto di calorie, solamente 20 ogni 100 grammi e contiene molta acqua.

Le varietà d’insalate che hanno un sapore un pò amaro, come la cicoria e il tarassaco, sono ottime alleate per migliorare il funzionamento del fegato, mentre la lattuga aiuta la digestione. L’insalata è anche ricca di fibre, che aiutano il compito dell’intestino. Nella dieta dell’orto la verdura deve essere mangiata sia a pranzo sia a cena, invece un ottimo spuntino mattutino o pomeridiano, può essere rappresentato da un frullato di frutta fresca o un centrifugato di verdure. La colazione deve essere composta da un vasetto di yogurt con cereali, preferibilmente integrali, oppure un bicchiere di latte parzialmente scremato.

Possono essere utilizzati quattro cucchiai di olio extra vergine d’oliva il giorno e due cucchiaini di parmigiano. Quando si segue un regime dietetico di qualsiasi genere, è di fondamentale importanza bere almeno due litri di acqua naturale il giorno, che può essere sostituita anche dal tè e tisane varie, non zuccherate e praticare una moderata attività fisica. Lo sport ha un ruolo fondamentale perchè permette di bruciare una parte delle calorie assunte con il cibo, allena il cuore e i muscoli e migliora la generale elasticità e tonicità del corpo. Inoltre è un ottimo alleato per scaricare la tensione quotidiana e lo stress, che possono aumentare quando si segue un regime alimentare dietetico.


Potrebbe interessarti

Eliminare la pancia di un uomo: come perdere i cm di troppo

Le donne tendono ad ingrassare soprattutto a livello dei fianchi, cosce e glutei mentre gli uomini ingrassano a livello dell’addome, la famosa pancetta con le maniglie dell’amore. Quando si avvicina l’estate e si ripongono negli armadi i pesanti maglioni, ci si rende conto dei chili accumulati durante l’inverno e si corre ai ripari.

Extension ciglia 3D: come avere uno sguardo seducente in poche mosse

extension ciglia 3D

Per le donne avere uno sguardo profondo e seducente è importantissimo, tanto che il trucco degli occhi è quello a cui si presta maggiore tempo e attenzione. Le ciglia in particolare giocano un ruolo fondamentale, più sono lunghe, folte e incurvate e più conferiscono all'occhio un'effetto magnetico.

Maschera Osmotica: eliminare le tossine cutanee

Molto spesso il nostro viso può risultare spento e teso; questo è dovuto principalmente allo smog che la nostra pelle assorbe, agli agenti atmosferici e alle cellule morte che si trovano sull’epidermide. Tutto ciò rende il nostro aspetto poco attraente. Niente paura però! Infatti esiste un trattamento, detto maschera osmotica, che consente di donare nuovamente alla pella quella luminosità e quello splendore che con il tempo si è perso.

I più condivisi

Dieta diabetici: mantenere sotto controllo la glicemia

Il primo passo da fare per mantenere sotto controllo il diabete è eliminare le abitudini alimentari sbagliate, magari seguendo una dieta per diabetici. E’ consigliabile ridurre il più possibile i cibi dolci e salati. I cereali e le fibre sono degli ottimi alleati. E’ utile sapere che le melanzane aiutano a ridurre il bisogno di mangiare cibi dolci e ricchi di carboidrati.

Dieta di primavera: rinascere con la natura

L'avvento della primavera è considerato un periodo di rinnovamento in diversi ambiti della vita quotidiana. Grazie alla dieta di primavera il vostro organismo ha la possibilità di depurarsi, allontanando lo stress accumulato durante la stagione invernale e perdere quei chili di troppo che minacciano il nostro peso forma.

Trattamento viso e occhi Hydradermie Guinot: per una pelle più luminosa e ossigenata

Uno dei trattamenti più indicato per ottenere dei benefici immediati, quali carnagione più luminosa e più colorata, è il trattamento Hydradermie Guinot in grado di soddisfare qualsiasi tipo di pelle, che sia grassa o sensibile o secca.

Leggi anche...

Dieta colite: l'aiuto di una giusta alimentazione

La colite è molto spesso legata a cause di natura nervosa e una cattiva alimentazione potrebbe incidere negativamente su questa sindrome, aggravandone e scatenandone i suoi sintomi tipici. Per evitare problemi di questo tipo, è consigliabile seguire una vera e propria dieta contro la colite, ricca di fibre e acqua.

Leggi anche...

Agopuntura cervicale: ottimo rimedio contro le infiammazioni

L'agopuntura è un metodo di cura cinese che consiste nell'inserire dei sottili aghi non forati nei tessuti del corpo; si utilizzano solitamente 9 modelli diversi di aghi a seconda del tipo di problema da trattare. 

Leggi anche...

Benefici del pilates: scopriamo insieme quali sono i maggiori

Per chi non lo sapesse, il pilates è un sistema di allenamento di tipo rieducativo, preventivo ed anche, almeno in ipotesi, terapeutico e riabilitativo che focalizza tutte le attività sul controllo della postura che, si sa, ci serve per poter essere armonici e fluidi nei movimenti, caratteristica che viene meno soprattutto con l’avanzare dell’età.
Per queste ragioni vi sono molteplici benefici del pilates che cercheremo di descrivervi con l’intento di permettervi di valutare se e quanto questa disciplina possa fare al caso vostro.