Il mal di schiena è uno dei malesseri più ricorrenti nelle popolazioni nord occidentali, ma le tipologie di dolori alla schiena sono molteplici e ognuna ha cause e sintomatologie diverse. La lombalgia, per esempio, è una condizione dolorosa della colonna vertebrale che non è una malattia di per sé, ma sintomo di altre patologie.

Cos’è la lombalgia: cause e sintomatologia

Il mal di schiena lombare è molto probabilmente la forma più diffusa di mal di schiena (tra cui si citano anche la scoliosi, l’ernia del disco, la sciatalgia, la lombo sciatalgia e molti altri tipi di mal di schiena) che colpisce almeno l’80% della popolazione che manifesta il disturbo almeno una volta nella vita.

La lombalgia tende ad affliggere più comunemente gli adulti di età compresa tra i 40 e i 50 anni di età, senza distinzione di sesso. La lombalgia può assumere varie forme (acuta, subacuta, cronica …) e comporta diversi gradi di disagio o disabilità. La lombalgia si distingue ulteriormente in lombalgia di origine vertebrale o extra-vertebrale a seconda che sia correlata a problemi vertebrali o no.

Le principali cause della lombalgia di origine vertebrale sono dovute a patologie congenite quali:

  • La sacralizzazione dell’ultima vertebra lombare, ovvero la quinta, che si fonde con la prima vertebra sacrale;
  • La spondilolisi che consiste nella mancata fusione di una parte dell’arco posteriore di una vertebra;
  • La spondilolistesi ovvero lo scivolamento o protrusione di una vertebra;
  • La sinostosi o deformità congenita provocata dalla fusione di due o più vertebre.

La maggior parte delle lombalgie, però, sono di origine extravertebrale e dovute a patologie quali processi degenerativi della colonna vertebrale come le discopatie, la stenosi del canale o  malattie reumatiche, infezioni, neoplasie, traumi, turbe del turnover osseo e metaboliche. Altre cause di lombalgie extravertebrali si citano anche quelle neuro-meningee, viscerali (ginecologiche, urologiche, gastrointestinali), vascolari. Vi sono, infine, lombalgie determinate da stati febbrili, influenzali o da raffreddamento. Lo stesso soggetto può registrare la coesistenza di più cause della lombalgia.

Quali sono gli esercizi di fisioterapia per ridurre i dolori della lombalgia

Gli esercizi fisioterapici, se ben svolti, aiutano a prevenire e spesso anche a curare la lombalgia. Alcuni di questi esercizi si possono fare da soli a casa dotandosi di un tappetino da palestra o di un lettino.

Esercizi a pancia in su

Tra gli esercizi più efficaci per la lombalgia ci sono quelli da svolgere sdraiati a pancia in su come la respirazione diaframmatica da eseguire 5 volte poggiando una mano sulla pancia e una sul torace, si inspira dal naso e si espira dalla bocca, le spalle rilassate e la schiena appoggiata. Altri esercizi utili sono:

  • Sollevamento del bacino: mobilizzare il tratto lombare aiuta molto. L’esercizio va ripetuto 10 volte, quando si inspira si solleva il bacino e quando si espira lo si riporta in posizione di partenza.
  • Stretching lombare: si esegue con 5 ripetizioni, quando si inspira si porta il ginocchio verso il petto e quando si espira si flette il capo verso il ginocchio mantenendo la posizione per 10 secondi. Si ritorna in posizione e si ripete con l’altra gamba.
  • Addominali: i primi giorni ripetizioni da 10, da aumentare progressivamente. Le mani dietro la nuca si solleva il capo, le spalle e la parte superiore del torace, si mantiene la posizione da 2 a 3 secondi e si ritorna in posizione di partenza.

Esercizi nella posizione a quadrupede

Alcuni esercizi si eseguono poggiando le mani e le ginocchia a terra:

  • Il gatto: inarcare la schiena a “sella” tirando su il viso lasciando andare il bacino verso il basso, in espirazione portare la schiena in posizione di gobba con il capo abbassato. Eseguire 5 volte e poi sedersi sui talloni mettendosi in posizione di allungamento.
  • Allungamenti: in ginocchio, con i glutei poggiati sui talloni e le braccia tese in avanti, allungare una mano fino a sentire una tensione lombare e tornare in posizione. Ripetere con l’altra mano. L’esercizio si svolge con tre ripetizioni per lato.
  • Rinforzo dei muscoli estensori: sembra nella posizione del gatto, guardare dritto dinanzi a se e con un braccio in avanti e la gamba opposta tesa all’indietro effettuare dei slanci all’indietro. Mantenere la posizione per 5 secondi e ripetere con l’altra mano. Cicli di 5 ripetizioni per lato.
  • Mobilizzazioni lombari: con la schiena ben poggiata al muro o alla spalliera di una sedia si inspira e si allontana la zona lombare dallo schienale facendo avanzare solo il bacino, in fase di espirazione si torna in posizione. Effettuare 10 ripetizioni.
  • Flessioni ed estensioni: con il busto ben eretto, flettere il busto fino a toccare con le mani la punta dei piedi, mantenere la posizione per 10 secondi e tornare in posizione. Fare 5 ripetizioni.

Esercizi a pancia in giù

Tra gli esercizi da eseguire poggiando la pancia per terra si consigliano le estensioni della colonna vertebrale – un esercizio valido per ridurre il dolore in fase acuta. Si portano le mani all’altezza del torace come per effettuare delle flessioni, stendere le braccia spingendo all’indietro la parte superiore del corpo, mantenendo il bacino a terra, dolore permettendo. Il bacino deve essere completamente rilassato, come le gambe. Tenere la posizione per 5 secondi e tornare lentamente in posizione di partenza. Ripetere l’esercizio per 10 volte.

Nella maggior parte dei casi questi esercizi sono sufficienti per ridurre il dolore o farlo sparire. Se il dolore persiste, rivolgersi a uno specialista.

Massaggio schiena: come alleviare il mal di schiena

Negli ultimi anni, inoltre, nel nostro Paese, sono sorti centri specializzati che forniscono diversi tipi di massaggi per il corpo, da quelli per mani e piedi fino a quelli per il collo. Il tutto effettuato da professionisti che, grazie ad anni di esperienza e preparazione specifica, riescono a individuare i rimedi ottimali ed i trattamenti efficaci per diverse tipologie di dolori o problematiche delle singole parti del corpo, tra cui naturalmente anche la schiena.

I benefici

Oltre a tali massaggi, naturalmente, è consigliabile, per chi soffre più frequentemente di questo genere di problema, cercare eliminare o almeno limitare le sue cause scatenanti. Agli eventuali consueti trattamenti, un soggetto potrebbe abbinare anche un'attività fisica giornaliera o comunque periodica, soprattutto per quelle persone che svolgono lavori sedentari. In particolare, sono necessari esercizi di tonificazione muscolare e allungamento.

A tale attività fisica costante si può associare poi anche una dieta alimentare equilibrata e sana, in modo da ridurre il sovrappeso o l'obesità  eventuale, avere un peso idoneo al proprio organismo ed eliminare o comunque diminuire lo stress muscolo-articolare gravante sulla schiena. Se all'attività fisica e alla dieta aggiungiamo poi una maggiore accortezza nel mantenere una postura corretta e, ove possibile, minori carichi di lavoro per la colonna vertebrale e la schiena stessa, allora si potranno ridimensionare le cause scatenanti i problemi per questa delicata parte del corpo umano.

Alcune volte, il benessere psico-fisico si può ottenere attraverso un semplice cambiamento delle proprie abitudini alimentari o una costante attività sportiva, che potranno fornire ad un individuo anche l'occasione di ridurre lo stress ed avere maggiore cura del proprio corpo.

Il mal di schiena e il cibo

Il mal di schiena e i dolori lombari non sono solo legati a vizi posturali, traumi o fattori ambientali e di conseguenza non basta porvi rimedio con un’adeguata attività fisica ed esercizi posturali idonei. Tra le cause del mal di schiena si annovera anche l’alimentazione. Un corretto regime alimentare contribuisce realmente ad alleviare la lombalgia.

Mangiare troppo salato o troppo dolce, avere preferenze per i cibi freddi e crudi oppure troppo caldi e speziati, registrare carenze vitaminiche croniche oppure non avere l’abitudine di consumare almeno due litri di acqua al giorno possono comportare problemi e fastidi alla schiena. Si tratta di abitudini alimentari scorrette che risultano peggiorative per chi soffre o ha la tendenza ad avere mal di schiena. Infatti, i cibi “infiammanti” come insaccati, formaggi e alimenti a base di farine raffinate favoriscono le alterazioni infiammatorie dei muscoli e delle giunture.

Esistono, dunque, dei cibi anti-infiammatori e che alleviano i disturbi lombari? Sì e si tratta prevalentemente di frutta e verdura di stagione. Allo stesso tempo, però, sono da evitare ortaggi e verdure ad alto contenuto di solanina che può diventare tossica. La solanina si trova nei pomodori, nelle melanzane, patate e peperoni.

La fonte migliore di carboidrati e proteine allo stesso tempo è rappresentata dai legumi e dalle carni bianche, dal pesce e dalle uova. Quindi, oltre ai colpi di freddo, agli sforzi eccessivi o alle posture scorrette, molto dipende anche dal cibo, dalla quantità, qualità e tipologia di cibo e soprattutto da come si mangia.

La masticazione dei cibi è un aspetto incredibilmente efficace per evitare molti disturbi lievi o anche più gravi. Bisogna porre attenzione se si mastica il cibo a sufficienza, se si riesce a mangiare seduti e se si dedica il tempo sufficiente per consumare i pasti senza farlo di fretta. La masticazione è la prima digestione e non si tratta di un falso mito. Grazie alla saliva e alla masticazione il cibo arriva nello stomaco senza che questo si affatichi troppo nelle sue funzioni.

Se il cibo arriva frettolosamente e poco masticato nello stomaco, l’organo sarà sottoposto a uno sforzo maggiore per produrre più succhi gastrici per decomporre e ridurre a poltiglia il cibo. L’aumento dei succhi gastrici provoca inevitabili problemi di acidità e, inoltre, uno stomaco affaticato incide sul benessere della schiena andando ad “appesantire” proprio all’altezza della zona scapolare sinistra. Il sovraccarico di lavoro dello stomaco, in ultima analisi, oltre a comportare danni all’organo stesso o provocare disturbi di natura gastrica, provoca anche disturbi collaterali alla schiena.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

I più condivisi

Usare i centrifugati per dimagrire: scopriamo come!

Tutti abbiamo acquistato almeno una volta succhi di frutta e frullati al supermercato perché sono pronti da bere e si possono conservare a lungo però, proprio per mantenere il loro stato inalterato durante la conservazione, essi, sono pieni di zuccheri.

Dieta per un ventre piatto: ecco i segreti per snellire l'addome

Immagine per l'articolo Dieta ventre piatto: ecco i segreti per snellire l'addome

La dieta per un ventre piatto è molto ambita da chi ha il grasso localizzato nella zona dell’addome e vorrebbero avere una pancia piatta. Grazie alla dieta pancia piatta questo desiderio può diventare realtà.

Dieta di insalata: perdere peso in modo naturale

Un ottimo rimedio per perdere i chili di troppo potrebbe essere quello di affidarsi a una dieta a base di insalate varie. Oltre ad aiutare il dimagrimento consentendo di perdere anche quattro chili in un mese, con un apporto calorico di circa 1.300 calorie; fornisce inoltre al nostro organismo numerosi principi nutritivi.

Potrebbe interessarti

Massaggio mani e piedi: come prendersi cura dei propri arti

Le mani sono la parte del nostro corpo che ci consentono di entrare in contatto con tutto ciò che ci circonda, i piedi invece, sono il nostro sostegno quotidiano e rappresentano il nostro mezzo di trasporto, ed è per questo che è importante dargli le adeguate attenzioni tramite un massaggio rilassante mani e piedi.

Dieta per diabetici: mantenere sotto controllo la glicemia con l'alimentazione

Diabete mellito tipo 2

Il primo passo da fare per mantenere sotto controllo il diabete è eliminare le abitudini alimentari sbagliate, magari seguendo una dieta per diabetici. E’ consigliabile ridurre il più possibile i cibi dolci e salati. I cereali e le fibre sono degli ottimi alleati. E’ utile sapere che le melanzane aiutano a ridurre il bisogno di mangiare cibi dolci e ricchi di carboidrati.

Vitamina B7: scopriamo le sue caratteristiche principali

Vitamina B7: le caratteristiche principali

Se si desidera dimagrire potrebbe essere utile una dieta a base di Vitamina B7 (Inositolo); questa sostanza può essere una ottima alleata soprattutto nei casi di gonfiore addominale. Una dieta che si basa sul consumo di questa sostanza permette di ottenere in poco tempo il proprio peso ideale.

Leggi anche...

Dieta in menopausa: scopriamo qual è l'alimentazione giusta

Immagine esemplificativa utilizzata nell'articolo Dieta menopausa: scopriamo qual è l'alimentazione giusta

Una delle fasi più importanti di una donna è sicuramente quella della menopausa; essa provoca l'interruzione del lavoro delle ovaie e una ridotta diminuzione della produzione di estrogeni. Per riuscire ad alleviare gli effetti negativi della menopausa, sarebbe utile seguire una dieta per la menopausa, prima che il fenomeno si verifichi.

Leggi anche...

Depilazione con filo orientale: ecco il segreto del filo di cotone

Depilazione con filo

La depilazione con filo di cotone è una pratica che, in Italia, si è diffusa solo da pochi anni. Questo miracoloso filo però non fa magie: il segreto è semplicemente l’uso di un filo di cotone di buona qualità tessuto molto finemente.

Leggi anche...

Quali esercizi fare per ridurre i dolori della lombalgia

Il mal di schiena è uno dei malesseri più ricorrenti nelle popolazioni nord occidentali, ma le tipologie di dolori alla schiena sono molteplici e ognuna ha cause e sintomatologie diverse. La lombalgia, per esempio, è una condizione dolorosa della colonna vertebrale che non è una malattia di per sé, ma sintomo di altre patologie.