Secondo gli esperti dell’alimentazione, nessuno stile alimentare alternativo coincide totalmente con quello ritenuto ideale per un soggetto adulto, perché la dieta, per essere sana, deve essere varia ed equilibrata.

Sarebbe quindi necessario: mangiare più fibre, frutta, verdura e cereali integrali; non esagerare con il consumo di grassi animali; introdurre nella dieta carni magre, pesce azzurro e legumi.

I rischi di una dieta drastica

Esistono un gran numero di diete che vengono attuate per perdere peso e per cercare di contrastare e prevenire patologie come obesità o il sovrappeso, è bene conoscere le differente diete alternative per comprendere sia i benefici che i potenziali rischi dovuti da un'alimentazione dietetica.

La maggiorparte dei rischi derivanti dalle diete sono legati in particolar modo alla mancanza di criteri o al modo in cui vengono eseguite, sono da evitare quelle diete drastiche e quelle che fanno perdere peso abbastanza in fretta perché potrebbero alterare in modo sbagliato il metabolismo con conseguenze a dir poco controproducenti sia per quanto riguarda il peso che l'organismo.

Diete veloci: da evitare

E' importante sapere che i tipi di dieta veloci, ossia quelle che portano a dei buoni risultati in pochissimi giorni, sono da evitare perché ritenute più pericolose e sconsigliate da parte di esperti nutrizionisti, tra le tante diete alternative veloci sono da evitare in particolar modo la dieta del minestrone, quella della pasta, dello yogurt e del pomodoro.

Tipologie di diete alternative

Esistono diverse tipologie di diete alternative che permettono di tornare in forma a chi le segue. Di seguito sono illustrate le caratteristiche di alcune delle diete alternative esistenti.

  • Dieta Macrobiotica: ricca di fibre, povera di grassi e con un elevato consumo di riso che, pur essendo un ottimo cereale, è costituito soprattutto da amido ma possiede pochissime proteine e acidi grassi. All'interno di questa dieta sono assenti anche alcuni elementi che l’organismo non può sintetizzare, come gli aminoacidi essenziali, con possibili carenza di calcio e di alcune vitamine. Inoltre, la dieta macrobiotica è ricca di sale, fattore che aumenta la pressione arteriosa.
  • Dieta vegetariana: prevede l’introduzione di pochi grassi saturi e un elevato apporto di fibre vegetali, con effetti positivi sull’apparato digerente e con un aumento del senso di sazietà. La sua versione più ampia, la dieta pesco-pollo vegetariana (esclude solo latticini, uova, carne rossa e salumi), si avvicina molto allo stile alimentare ideale per una persona, basandosi su una riduzione di grassi e su un aumento di cereali integrali, legumi, frutta e verdura.
  • Dieta Vegana: questo stile alimentare esclude il consumo di alcuni o tutti gli alimenti di origine animale. La sua forma più radicale prevede l’esclusione di carne, pesce, latte, latticini, uova ederivati compreso il miele. Tra le diete vegetariane, quella vegana è l’unica che, se non seguita con particolare attenzione, espone a seri rischi per la salute, come anemia, osteoporosi (soprattutto nella donna), problemi cardiovascolari e carenze di vitamine.
  • La dieta Pritikin risulta molto simile alla dieta vegetariana, questa ha lo scopo di prevenire qualsiasi tipo di malattia cardiaca. Per questo tipo di dieta bisogna mangiare molto pesce o pollo e poche quantità di latticini a basso contenuto di grassi, ovviamente è importante assumere cereali integrali, verdura e frutta.
  • Dieta Scarsdale: è un tipo di diete alternative adeguate in particolar modo alle persone che non presentano nè alcun tipo di particolare patologie, nè sovrappeso e nè obesità, in quanto è una dieta che serve per perdere pochi chili nel giro di due settimane. La dieta scarsdale consiste nella perdita massima di circa 2 - 3 chilogrammi attraverso l'astensione di qualsiasi tipo di condimento, di bevande alcoliche e di cibi fuori pasto.
  • Dieta dissociata: è una delle più semplici diete che ha il vantaggio di un alimentazione varia a base di cibi naturali, integrali, con prevalenza di cereali e verdure. Sostanzialmente, questo tipo di dieta, divide gli alimenti in tre categorie principali: carboidrati, proteine e cibi neutri; la regola principale della dieta dissociata è quella di non abbinare in uno stesso pasto alimenti di una stessa categoria, proprio per questo è una dieta semplice e varia.

Caratteristiche della dieta del pesce

Affidarsi a una dieta a base di pesce, per rimanere in linea è un'ottima terapia; il pesce infatti oltre ad aiutarvi a dimagrire è un alimento dai valori nutrizionali molto alti. Questo percorso alimentare contribuisce ad apportare proteine (15-23%), sali minerali, vitamine e grassi acidi (0,5-20 %), gli Omega 3, utili ad abbassare i valori del colesterolo cattivo, a rendere la pelle più morbida e vitale e a regolare il metabolismo.

Il pesce è un alimento che si digerisce con più semplicità rispetto alla carne e va mangiato fresco minimo tre volte a settimana, evitando di condirlo eccessivamente. Contiene anche sostanze quali: il ferro, importante perprevenire e curare gli stati di anemia; il fluoro, fondamentale per i denti e l'apparato muscolare; il calcio, per le ossa; lo iodio, utile per la tiroide; una buona dose di acqua (60-80 %).

Quale tipo di pesce prediligere nella dieta

Da sottolineare anche che esistono quattro tipi diversi prodotto ittico: d'allevamento; d'acqua dolce; d'acqua salata; selvaggi; si suddividono inoltre in grassi (quantità di lipidi che supera l' 8% - salmone, anguilla, tonno, sgombro) semigrassi (quantità lipidica tra il 3 e l'8% - sardina, carpa, cefalo, triglia, dentice, trota) e magri (quantità lipidica inferiore al 3% - rombo, sogliola, spigola, acciuga, luccio, orata, palombo, merluzzo).

Questo percorso dietetico è di natura ipocalorica ed è in grado di far perdere circa cinque chili in poco tempo.

Calorie in una dieta a base di pesce

Questo regime alimentare può essere un ottimo aiuto per eliminare i chili di troppo. Diamo un'occhiata alle calorie presenti nelle diverse qualità di prodotto pescato.

  • Pescatrice 65 Kcal
  • Orata 100 kcal
  • Seppia/calamaro 73 Kcal
  • Merluzzo congelato/Merlano nero 74 Kcal
  • Filetto di merluzzo fresco 76 Kcal
  • Sogliola 83 Kcal
  • Nasello 80 kcal
  • Trota 108 kcal
  • Acciuga 100 Kcal
  • Pesce spada 111 Kcal
  • Sardina 118 Kcal
  • Persico 100 kcal
  • Pesci grassi
  • Tonno 149 Kcal
  • Salmone 201 kcal
  • Sgombro 180 Kcal
  • Aringa 233 Kcal
  • Anguilla 281 Kcal
  • Salmone affumicato 150 Kcal
  • Aringa 160 Kcal
  • Trota affumicata 170 Kcal
  • Granchio 65 Kcal
  • Scampi 90 kcal
  • Astice 81 Kcal
  • Aragosta 89 Kcal
  • Gamberetti 86 Kcal
  • Cozze 51 kcal
  • Ostriche 47 Kcal
  • Vongole 47 Kcal
  • Capesante 74 Kcal
  • Conserve
  • Surimi 110 Kcal
  • Tonno al naturale 115 Kcal
  • Tonno all’olio 200 kcal
  • Acciughe sott’olio 145 Kcal
  • Sardine al pomodoro 150 Kcal
  • Sardine all’olio 200 Kcal

Ricette light con il pesce

Le ricette light di pesce sono ideali per perdere peso mangiando piatti gustosi e poco calorici, il pesce è ricco di vitamine, fosforo, Omega 3 ecc. Di seguito sono illustrate alcune ricette facili e veloci per preparare ottime ricette dietetiche, ideali quando si segue la dieta del pesce.

Filetti al cartoccio

Ingredienti

  • filetti di merluzzo 600 g
  • 1 bicchiere di vino bianco secco
  • 1 ciuffetto di prezzemolo
  • pepe
  • 1 ciuffetto di maggiorana
  • erba cipollina
  • un pizzico di sale
  • 1/2 spicchio di aglio
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva

Preparazione

Lavare e pulire i filetti di merluzzo, farli insaporire in un recipiente con del vino. Tritare la maggiorana, il prezzemolo, l’aglio e l’erba cipollina e mettere il composto sul pesce. Riscaldare il forno a 200 C°, mettere i filetti sulla i carta da forno, condire con l’olio e chiudete il cartoccio, cuocere per 15 minuti.

Spada al basilico

Ingredienti

  • 100 g. di pesce spada a fette
  • un pizzico di sale
  • 10 g. farina integrale
  • 1 ciuffo di basilico tritato
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • mezzo bicchiere di latte parzialmente scremato

Preparazione

Scaldare dell’olio in una padella e rosolare il pesce spada, toglierle dalla padella, versare il latte nella stessa padella, con la farina integrale, il basilico tritato e versare poi il composto sul pesce.



Potrebbe interessarti

Dieta mestruazioni: quali cibi mangiare

Uno dei periodi più critici per tutte le donne, è quello del ciclo; durante la fase mestruale infatti ci si sente gonfie e pesanti, si ha spesso fame e sale la voglia di dolci, pane, focacce e pasta.

Leggi tutto...

Dieta south beach: i trucchi per dimagrire

La dieta south beach è un piano dietetico messo a punto dal medico cardiologo Arthur Agatston (luminare Statunitense) e si basa sulla restrizione dei carboidrati, sull'indice glicemico degli alimenti e sulla scelta di grassi ritenuti salutari per l'organismo.

Leggi tutto...

Dieta della pizza: esiste davvero?

La dieta della pizza è dedicata a tutti gli amanti dell’alimento più famoso al mondo: grazie a qualche piccolo accorgimento su ingredienti e porzioni, chi non può fare a meno di questo piatto tipico della cucina italiana e non vuole eliminarlo definitivamente dal proprio regime alimentare, può integrarlo agevolmente nel menù della settimana.

Leggi tutto...

Agopuntura cervicale: ottimo rimedio contro le infiammazioni

L'agopuntura è un metodo di cura cinese che consiste nell'inserire dei sottili aghi non forati nei tessuti del corpo; si utilizzano solitamente 9 modelli diversi di aghi a seconda del tipo di problema da trattare. 

Leggi tutto...

Dieta diabetici: mantenere sotto controllo la glicemia

Il primo passo da fare per mantenere sotto controllo il diabete è eliminare le abitudini alimentari sbagliate, magari seguendo una dieta per diabetici. E’ consigliabile ridurre il più possibile i cibi dolci e salati. I cereali e le fibre sono degli ottimi alleati. E’ utile sapere che le melanzane aiutano a ridurre il bisogno di mangiare cibi dolci e ricchi di carboidrati.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

LA REDAZIONE CONSIGLIA

I più condivisi

Dieta del pollo: sveliamone i segreti

La dieta del pollo è un ottimo e facile rimedio per perdere i chili di troppo e tornare al proprio peso forma. Il pollo è un alimento ottimo da consumare in estate, quando il nostro organismo richiede alimenti più leggeri e digeribili.

Leggi tutto...

Dieta scarsdale: dimagrire in 14 giorni di fuoco

La dieta Scarsdale è una dieta ipocalorica nata negli Stati Uniti nota anche come SMD (Scarsdale Medical Diet). Essa prevede un programma di due settimane dallo scarso apporto calorico, intorno alle 1000 kcal al giorno, costituito da un'alimentazione a base di carne, pesce magro e verdure poco caloriche.

Leggi tutto...

Trattamento Wellness: il benessere legato alla cura del corpo

La vita di ognuno di noi, molto spesso frenetica a causa dei molti impegni, ci porta ad accumulare uno stato di stress generale sia mentale che fisico. L’ideale in questo caso, per riuscire a trovare un momento di benessere, serenità e relax è un trattamento wellness.

Leggi tutto...

Dieta studio: alimentare il cervello

Quando si studia o si svolge un’attività intellettuale è importante però seguire una dieta studio che si basi sul consumo di alimenti che possono aumentare la concentrazione ma che non siano una minaccia al peso ideale

Leggi tutto...

Afte in bocca: curarle con l'alimentazione

Le afte in bocca sono tra i disturbi più frequenti e fastidiosi per il nostro organismo, possono presentarsi a qualsiasi età e possono interessare circa il 50% della popolazione. Fortunatamente esistono molti rimedi per curare il problema, che si basano sul consumo di alcuni alimenti ricchi di vitamine e sali minerali.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Dieta Plank: perdere 9 kg in due settimane

Le origini della dieta Plank non sono ancora conosciute, erroneamente la si associa alla Max Planck Society, l’istituto dedicato al progresso delle scienze che prende il nome dal fondatore Max Karl Ernst Ludwig Planck, pilastro della fisica contemporanea, ma è solo un legame privo di fondamenta.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Quali esercizi fare per ridurre i dolori della lombalgia

Il mal di schiena è uno dei malesseri più ricorrenti nelle popolazioni nord occidentali, ma le tipologie di dolori alla schiena sono molteplici e ognuna ha cause e sintomatologie diverse. La lombalgia, per esempio, è una condizione dolorosa della colonna vertebrale che non è una malattia di per sé, ma sintomo di altre patologie.

Leggi tutto...
Go to Top