Molti di noi non si sentono a proprio agio con il proprio corpo perché magari sono ingrassati di qualche chilo e hanno perso così il proprio peso forma, ma eliminare i chili di troppo non è una sfida impossibile.

Esistono diversi regimi alimentari dietetici che possono aiutarvi a ritrovare il peso ideale e combattere il grasso localizzato, uno di questi è la dieta zona compilatore. Nella dieta zona compilatore la prima cosa della quale si tiene conto è il fabbisogno energetico personale di ogni individuo, che viene definito in blocchi.

Il fabbisogno energetico quotidiano

Il cibo che ogni giorno assumiamo, oltre a fermare la fame, ha il compito essenziale di fornire energia attraverso le calorie, che esprimono il valore energetico che il cibo potrebbe avere per il nostro organismo. L'energia fornita viene utilizzata dal corpo in differenti modi, sia per mantenere le funzioni vitali come il battito cardiato, la temperatura, la respirazione, e sia per svolgere tutte quelle altre attività volontarie in cui è necessaria energia per eseguirle, come lo sport, il lavoro, il movimento in genereale ecc.

E' importante sapere che il fabbisogno calorico è differente da individuo ad individuo in quanto alcuni fattori potrebbero incidere sulla dose giornaliera da assumere come per esempio l'età, il sesso, la massa corporea, l'attività fisica svolta ed eventuali condizioni come la gravidanza ecc.

Blocchi su cui si basa la dieta zona compilatore

La dieta zona compilatore è molto nota in quanto è un tipo di dieta che consente di assumere differenti tipi di cibo che contengano proteine, carboidrati e anche grassi. Questo tipo di dieta, infatti, si basa principalmente su tre blocchi, quello delle proteine, dei grassi e dei carboidrati, ad esempio un blocchetto di proteine è composto da 7 gr di proteine, mentre uno di grassi è formato da 3.04 di grassi. E’ utile sapere che un pasto completo ad esempio il pranzo è composto da quattro blocchi.

La dieta zona compilatore prevede almeno 5 o 6 pasti al giorno, ovviamente accompagnati da circa 2 litri d'acqua. Il vantaggio di questa dieta è quella di riuscire a ridurre la massa grassa assumendo una grande varietà di cibi; in ogni caso, risulta importante cambiare il proprio stile di vita, il tipo di alimentazione e soprattutto fare tanto movimento! Questo tipo di dieta porta a dei risultati davvero soddisfacenti nel tempo, non è un tipo di dieta veloce, bisogna quindi aver pazienza e costanza, considerando che la massa grassa è molto difficile da eliminare.

In ogni caso, questo tipo di dieta è particolarmente indicata per tutte quelle persone che vogliono o devono perdere più di 4 o 5 chilogrammi.

Consigli utili

Di seguito sono elencati alcuni consigli utili grazie ai quali è possibile ottenere senza grandi sforzi il desiderato dimagrimento della dieta zona compilatore.

  • Fare cinque pasti il giorno, composti di colazione, pranzo, cena e due spuntini. Grazie ai due spuntini è possibile arrivare al pasto successivo senza avere tanta fame.
  • Mangiare preferibilmente alimenti maturi e freschi.
  • Nel caso in cui durante una giornata o un pasto non riusciate a seguire la dieta zona compilatore, l’importante è continuare a seguirla.
  • I pasti devono essere composti dal giusto equilibrio di carboidrati, proteine e grassi.
  • Bere con moderazione i succhi di frutta perché contengono molti zuccheri.
  • Bere almeno due litri di acqua naturale il giorno, preferibilmente lontano dai pasti. In ogni caso, durante il pranzo ad esempio, è importante bere almeno due bicchieri di acqua.
  • Variare il più possibile i cibi e cercare di non mangiare ogni giorno durante lo stesso pasto gli stessi alimenti.

Quali ricette prediligere nella dieta a zona

La prima cosa di cui ci preoccupiamo, nel momento in cui intendiamo affrontare una dieta, è la mole di cibo di cui potremo godere. Dando uno sguardo alle ricette abbinate alla dieta in questione capiamo infatti se possiamo tuffarci o meno nel progetto. Non fanno eccezione le ricette per la dieta a zona.

Ogni individuo ha un fabbisogno differente che si calcola considerando in primo luogo le proteine di cui abbiamo bisogno ogni giorno. Per decretare il fabbisogno proteico occorre calcolare la propria massa magra e moltiplicare il numero dei chilogrammi per un indice di attività fisica. La quantità ottenuta si divide per 7 e si ottiene così il numero di blocchi necessario al giorno.

Per quel che concerne le ricette della dieta a zona, la prima cosa da prendere in considerazione sono gli alimenti favorevoli e quelli sfavorevoli a questo tipo di regime dietetico. Sono ritenuti alimenti favorevoli per la zona tutte le verdure e gli ortaggi, eccetto le patate, la zucca e la carota cotta, tutta la frutta eccetto le banane, il melone, uva secca, i datteri secchi e i fichi secchi.

Sono da limitare i cereali e i derivati, i succhi di frutta mentre risultano da evitare i dolci industriali, le bevande alcoliche e le bevande zuccherate. Altri cereali, come l'orzo o il farro sono tollerati. Riportiamo di seguito alcuni esempi di ricette per la dieta a zona.

Ricetta della Zuppa di avena

  • Fiocchi d’avena 15 gr 1C
  • 200 gr. latte parzialmente scremato 1P 1C 1G
  • Grana 20 gr. 1P 1G
  • mezza cipolla
  • zafferano
  • erba cipollina

Occorre soffriggere una cipolla e aggiungere tutti gli ingredienti (a fuoco lento per 5 minuti). Mescolare con cura e aggiungere lo zafferano.

Potrebbe essere considerata una colazione piuttosto calorica. In verità gli ingredienti e la loro composizione dimostrano che si tratta di un pasto fresco e leggero. Si parla di mozzarella e bresaola affiancata a frutta e pane integrale tostato (con l’aggiunta di un filo di olio di oliva).

I segreti della dieta a zona

La Dieta a Zona è stata ideata in U.S.A. dal Dr Barry Sears. Rappresenta un metodo per mantenere la produzione di insulina in una zona media. Tutto ciò grazie ad uno stile di vita basato su equilibrio e moderazione degli alimenti e su una adeguata attività fisica. Obiettivo principale è la salute psico-fisica, il controllo attraverso il cibo degli ormoni e dei valori di colesterolo e indice glicemico. La dieta a zona ritiene che il cibo sia il farmaco più potente (va ingerito in quantità e con tempi che consentano di ottimizzare la sua efficacia).

Zona e stile di vita

Anche il cibo può avere la sua zona: si tratta di utilizzare il cibo per manipolare l'equilibrio degli eicosanoidi, sfruttandolo come passaporto per la Zona. Si presenta come uno stile di vita basato su quattro pilastri fondamentali:

  • metodo alimentare
  • moderato esercizio fisico
  • tecniche di gestione dello stress
  • integrazione di Omega 3

E’ possibile ottenere un'ottimizzazione del metabolismo umano conseguendo un determinato equilibrio di una particolare classe di ormoni. Secondo Barry Sears è fondamentale mantenere ad ogni pasto lo stesso rapporto in calorie tra proteine e carboidrati. Nel momento in cui la fase di dimagrimento è terminata si passa ad un regime di grassi liberi che consentono un ancoraggio calorico che impedisce un ulteriore dimagrimento.

Le regole essenziali

  • preparare i pasti tenendo nelle descritte proporzioni i tre macronutrienti
  • non digiunare per più di 5 ore
  • scegliere alimenti favorevoli, riducendo grassi saturi
  • fare mezz'ora di moderato esercizio fisico al giorno
  • eseguire forme di gestione dello stress per il controllo del cortisolo


Potrebbe interessarti

Balneoterapia: l'acqua come strumento terapeutico

La balneoterapia (immersione parziale o totale in acqua di parti del corpo alla temperatura di 36-38 gradi), comprende tutti i tipi di trattamenti che usano l'acqua come strumento terapeutico.

Leggi tutto...

Dieta della pizza: esiste davvero?

La dieta della pizza è dedicata a tutti gli amanti dell’alimento più famoso al mondo: grazie a qualche piccolo accorgimento su ingredienti e porzioni, chi non può fare a meno di questo piatto tipico della cucina italiana e non vuole eliminarlo definitivamente dal proprio regime alimentare, può integrarlo agevolmente nel menù della settimana.

Leggi tutto...

La dieta e gli alimenti senza lieviti: i segreti

La dieta senza lieviti è ideale per tutti coloro che avvertono dei disturbi quando mangiano dei cibi, ad esempio la pizza, che al loro interno contengono lieviti. Il consumo di alimenti contenenti lieviti, può spesso provocare senso di pesantezza, mancanza di energie e gonfiore alla pancia. 

Leggi tutto...

Dimagrimento localizzato: perdere i cm su fianchi, pancia e glutei

L’estate è ormai alle porte ed è proprio in questo periodo che molte persone sentono il bisogno di perdere i chili di troppo accumulati durante l’inverno per riuscire a superare la prova costume.

Leggi tutto...

Dieta diabetici: mantenere sotto controllo la glicemia

Il primo passo da fare per mantenere sotto controllo il diabete è eliminare le abitudini alimentari sbagliate, magari seguendo una dieta per diabetici. E’ consigliabile ridurre il più possibile i cibi dolci e salati. I cereali e le fibre sono degli ottimi alleati. E’ utile sapere che le melanzane aiutano a ridurre il bisogno di mangiare cibi dolci e ricchi di carboidrati.

Leggi tutto...

I più condivisi

Dieta Hollywood: la dieta delle celebrità

La Dieta Hollywood è un metodo dimagrante conosciuto anche come Dieta di Beverly Hills (la famosa località americana); la sua fama è esplosa negli anni ’90 e gode di grande popolarità ancora oggi. 

Leggi tutto...

Dieta diabete tipo 1: i cibi concessi

Il diabete è una malattia che non permette all’organismo di metabolizzare lo zucchero che si trova nel sangue. Le persone che soffrono di diabete devono seguire una dieta diabete che non però non è molto restrittiva.

Leggi tutto...

Scopriamo la dieta 1000 calorie

La società in cui viviamo in questi ultimi anni tende sempre più a far risaltare l’importanza dell’aspetto fisico e della sua bellezza e tonicità, di conseguenza la maggior parte delle persone è portata a badare al proprio corpo e a cercare di renderlo il più apprezzabile possibile a livello estetico. Da qui, lo svolgimento costante di attività sportiva oppure il seguire qualche dieta, che possa mantenere la tonicità del fisico. Tra queste ultime, una tra le più discusse è la cosiddetta dieta 1000 calorie.

Leggi tutto...

Dieta e stitichezza: cosa mangiare per regolare l'intestino?

La stitichezza è un disturbo intestinale molto diffuso che si manifesta con sintomi vari tra cui dolori all’addome, meteorismo e difficoltà durante l’evacuazione. Come aiutare il nostro organismo a prevenire questa fastidiosa alterazione dell’equilibrio intestinale?

Leggi tutto...

Balneoterapia: l'acqua come strumento terapeutico

La balneoterapia (immersione parziale o totale in acqua di parti del corpo alla temperatura di 36-38 gradi), comprende tutti i tipi di trattamenti che usano l'acqua come strumento terapeutico.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Usare i centrifugati per dimagrire: scopriamo come!

Tutti abbiamo acquistato almeno una volta succhi di frutta e frullati al supermercato perché sono pronti da bere e si possono conservare a lungo però, proprio per mantenere il loro stato inalterato durante la conservazione, essi, sono pieni di zuccheri.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Centro dimagrimento Roma: semplici mosse per dimagrire

Purtroppo non sempre le diete e lo sport aiutano a perdere i chili di troppo, spesso è necessario affidarsi nelle mani di esperti per riuscire a raggiungere di nuovo il proprio peso ideale.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Quali esercizi fare per ridurre i dolori della lombalgia

Il mal di schiena è uno dei malesseri più ricorrenti nelle popolazioni nord occidentali, ma le tipologie di dolori alla schiena sono molteplici e ognuna ha cause e sintomatologie diverse. La lombalgia, per esempio, è una condizione dolorosa della colonna vertebrale che non è una malattia di per sé, ma sintomo di altre patologie.

Leggi tutto...
Go to Top