La dieta Weight Watchers, tradotto letteralmente "i guardiani del peso", nasce nel lontano 1963 ad opera di Jean Nidetch. Questa dieta si basa sul rispetto di una sana alimentazione, sorretta dalla consulenza di un'equipe specializzata di esperti nutrizionisti (di qui l'accezione "guardiani del peso"). La dieta in questione è adatta a tutti, perché prevede diversi programmi differenziati sia per uomini, che per donne, ragazzi, vegetariani e donne in allattamento; è inoltre ritenuta efficace dal Ministero della Sanità Italiana.

Caratteristiche della dieta Weight Watchers

La dieta Weight Watchers include anche una riunione settimanale, dove si discute di:

  • problemi relativi ai chili di troppo
  • alimentazione e rapporto col cibo

Il tutto condividendo il problema con gli altri; il gruppo, lo ricordiamo è moderato da esperti di alimentazione e di psicologia.

Questo regime dietetico è sostanzialmente una dieta ipocalorica di circa 1200-1300 calorie giornaliere, che va seguita per un minimo di 3 settimane; richiede inoltre massima attenzione nel controllare il peso degli alimenti e nel seguire la lista dei cibi previsti. Una dieta che presuppone una discreta costanza a un buon controllo di sè. Chiaramente 3 settimane non rappresentano un limite invalicabile e certamente si attestano come un lasso temporale alla portata di chiunque.

Consigli utili per una corretta gestione

Come è stato già detto questo regime dietetico permette di perdere peso e ritornare in forma. Di seguito sono elencati alcuni consigli utili da seguire nel caso in cui si scelga di seguire questo tipo di alimentazione

  • non consumare pane fuori dai pasti;
  • eliminare il grasso della carne prima della cottura;
  • limitare il consumo di alcuni alimenti (non più di 4 uova o 120 g di formaggio la settimana);
  • evitare il burro e i grassi di origine animale;
  • cuocere gli alimenti con pentole speciali per la cucina dietetica;
  • bere molta acqua, lontana dai pasti per non favorire il gonfiore dello stomaco. E' risaputo che, bere molto durante i pasti, sfovorisce la digestione e comunque danneggia il corretto "funzionamento" dei succhi gastrici.

Da chiarire che si tratta di un regime dietetico ed alimentare da affrontare in gruppo; è dunque sconsigliabile a chi non sa collaborare né ascoltare; a chi preferisce "lavorare" con il proprio corpo in maniera specificatamente solitaria si sconsiglia di affrontare un percorso simile.

La dieta Weight Watchers, la cosiddetta dieta a punti. Al contrario di altri tipi di dieta, che in base alle calorie dei cibi che si consumano impostano il tipo di menu da consumare nell’arco della giornata, la dieta a punti, degli alimenti considera quanti carboidrati, grassi, proteine o fibre essi contengano e quanto apporto calorico sviluppano per il corpo umano.

Il Dott. Guido Razzoli dietologo molto affermato, negli anni 70, ideò una tabella numerica in cui penalizza con alti punteggi tutti i cibi che abbondano di carboidrati, mentre ai cibi proteici e ricchi di grassi, vengono assegnati bassi punteggi.

Tabella alimenti della dieta a punti

In questo modo, suddivide gli alimenti in diverse categorie a secondo del punteggio che hanno. Chi inizia la dieta si basa al punteggio e al peso del singolo alimento e opportunamente fa le sue scelte. L’importante è non superare il punteggio che gli è permesso in base ai seguenti parametri della tabella alimenti della dieta a punti.

Parametri della tabella giornaliera in base al peso per le donne la cui altezza è compresa tra 1,55 m - 1,70 m

Fino a 70 kg da 18 a 24 punti tra 71 e 80 kg da 20 25 punti tra 81 e 90 kg da 22 a 27 punti tra 91 a 100 kg da 24 a 29 punti sopra i 100 kg da 26 a 30 punti.

Parametri della tabella giornaliera in base al peso per per gli uomini cui altezza è compresa tra 1,70 m - 1,85 m

fino a 80 kg da 22 a 26 punti tra 81 e 90 kg da 24 a 29 punti tra 91 e 100 kg da 26 a 30 punti tra 100 e 110 kg da 28 a 32 punti sopra i 110 kg da 30 a 35 kg

Quindi è chiaro che alimenti con alti punteggi sono da limitare o da eliminare e preferire quelli con bassi punteggi. Indicativamente vi posso dire che i cibi assolutamente da consumare a Zero Punti sono quasi tutti i tipi di frutta più comune, fresca e di stagione. Quasi tutti i tipi di verdure fresche e di stagione. Sempre a Zero Punti sono bevande come: acqua, caffè, tè.

Weight Watchers è diventato un marchio commerciale, infatti si trovano in quasi tutti i supermercati una serie di prodotti alimentari, dalle bevande analcoliche ai piatti pronti, carne, di tutto insomma, con il nome della stessa dieta, e tutti quanti con il loro punteggio assegnato.

 



Potrebbe interessarti

Scopriamo tutto sulle diete vegetariane

Le diete vegetariane rappresentano dei modelli alimentari che escludono gli alimenti di origine animale. Non tutti seguono gli stessi dettami: i granivori mangiano solo cereali, i frugivori o fruttariani soltanto frutta e i crudisti mangiano alimenti totalmente crudi.

Leggi tutto...

Esempio di dieta per aumentare la massa muscolare

Una dieta che riguardi la massa muscolare rappresenta un regime alimentare nel quale sono assunti in prevalenza cibi che aiutano appunto lo sviluppo e la crescita della massa del nostro corpo. La dieta per la massa è dunque composta da un’alimentazione ricca di proteine e carboidrati: le proteine servono a far crescere i muscoli mentre i carboidrati forniscono energia al corpo.

Leggi tutto...

Dieta scarsdale: dimagrire in 14 giorni di fuoco

La dieta Scarsdale è una dieta ipocalorica nata negli Stati Uniti nota anche come SMD (Scarsdale Medical Diet). Essa prevede un programma di due settimane dallo scarso apporto calorico, intorno alle 1000 kcal al giorno, costituito da un'alimentazione a base di carne, pesce magro e verdure poco caloriche.

Leggi tutto...

Dieta ricca di fibre: i segreti per dimagrire

La dieta fibre nasce nei primi anni '80 negli USA grazie all'omonimo libro scritto da Audrey Eyton ed è basata sul consumo di fibre (30-35 grammi al giorno circa) nell'alimentazione quotidiana.

Leggi tutto...

Tema sull'obesità infantile: un problema in crescente aumento

L'obesità infantile, soprattutto nei paesi sviluppati, è attualmente un problema da tenere in considerazione. Sono infatti molti i bambini a rischio di obesità; l'obesità infantile è inoltre affrontata e sottolineata da molti nutrizionisti.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Dieta Plank: scopri come perdere 9 kg in due settimane

Immagine d'esempio usata nell'articolo Dieta Plank: scopri come perdere 9 kg in due settimane

Le origini della dieta Plank non sono ancora conosciute, erroneamente la si associa alla Max Planck Society, il cui fondatore è Max Karl Ernst Ludwig Planck, un pilastro della fisica contemporanea, anche se il legame è privo di fondamenta.

Leggi tutto...

Ridurre l'appetito naturalmente: 18 cibi per tenere a freno la fame

Io non sono una grande fan del prendere pillole per la dieta o di quegli inserimenti suppletivi chimici che servono per la perdita di peso o per sopprimere l'appetito.

Leggi tutto...

Dieta studio: alimentare il cervello

Quando si studia o si svolge un’attività intellettuale è importante però seguire una dieta studio che si basi sul consumo di alimenti che possono aumentare la concentrazione ma che non siano una minaccia al peso ideale

Leggi tutto...

Scopriamo la dieta 1000 calorie

La società in cui viviamo in questi ultimi anni tende sempre più a far risaltare l’importanza dell’aspetto fisico e della sua bellezza e tonicità, di conseguenza la maggior parte delle persone è portata a badare al proprio corpo e a cercare di renderlo il più apprezzabile possibile a livello estetico. Da qui, lo svolgimento costante di attività sportiva oppure il seguire qualche dieta, che possa mantenere la tonicità del fisico. Tra queste ultime, una tra le più discusse è la cosiddetta dieta 1000 calorie.

Leggi tutto...

Dimagrimento localizzato: perdere i cm su fianchi, pancia e glutei

Immagine d'esempio utilizzata nell'articolo Dimagrimento localizzato: perdere i cm su fianchi, pancia e glutei

Il dimagrimento localizzato ricorda che l'estate è vicina ed è proprio in questo momento che le persone percepiscono il bisogno di perdere il peso in eccesso accumulato durante l’inverno per superare la prova costume.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Funghi: dieta di cui vi sveliamo il segreto

I funghi, vegetali privi di clorofilla spesso usati per realizzare contorni e primi piatti, sono un alimento dimagrante perché contengono sali minerali e fibre sgonfianti. Grazie a una dieta funghi sarà possibile ritrovare il proprio peso forma facilmente.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Adipe: eliminarlo nella sezione addominale e dire addio al tessuto grasso

Immagine usata per l'articolo Adipe: eliminarlo nella sezione addominale e dire addio al tessuto grasso

L'adipe, conosciuto anche con il nome di tessuto adiposo, è formato da particolari cellule, gli adipociti e sono divise in tessuto adiposo bruno e bianco.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Quali esercizi fare per ridurre i dolori della lombalgia

Il mal di schiena è uno dei malesseri più ricorrenti nelle popolazioni nord occidentali, ma le tipologie di dolori alla schiena sono molteplici e ognuna ha cause e sintomatologie diverse. La lombalgia, per esempio, è una condizione dolorosa della colonna vertebrale che non è una malattia di per sé, ma sintomo di altre patologie.

Leggi tutto...
Go to Top