Per perdere peso, non è unicamente necessario controllare i cibi ingeriti, ma è fondamentale avere un metabolismo attivo. Un’alimentazione corretta aiuta a incrementare le calorie che l'organismo brucia.

Caratteristiche della dieta per il metabolismo

Se si desidera un metabolismo attivo e veloce bisogna evitare in primis le diete ipocaloriche; un'eccessiva riduzione dell’apporto calorico infatti tende a rallentarlo, diminuendo il dispendio energetico e aumentando la capacità dell’organismo di assorbire i nutrienti presenti negli alimenti. In questo specifico regime dietetico è necessario idratare l'organismo, bevendo almeno due litri di acqua al giorno e ridurre il consumo di alimenti proteici.

È possibile mantenere alto l'apporto proteico nella dieta, privilegiando le proteine contenute in pesce, carne e formaggi magri.È fondamentale infine seguire un'alimentazione varia, diminuendo le porzioni e aumentando il numero dei pasti quotidiani.

Alimenti da evitare per avere un metabolismo attivo

Durante la dieta è sconsigliato consumare cibo prima di andare a dormire; durante il riposo il nostro corpo tende ad abbassarsi e gran parte delle calorie ingerite, non essendo immediatamente necessarie, vengono immagazzinate.

Vanno inoltre totalmente eliminati i grassi dall’alimentazione; una dieta a basso apporto lipidico provoca una riduzione della produzione di ormoni anabolici, rallentando di conseguenza il metabolismo.

Non vanno impiegati alimenti ad alto indice glicemico, perché favoriscono l'accumulo di tessuto adiposo causando, nel tempo, insulino-resistenza.

Come renderlo più attivo?

Mangiare con gusto, usando qualche piccolo accorgimento, aiuta a mantenersi in forma. Questa teoria è confermata da alcuni studi recenti, il processo bio-chimico che trasforma il cibo in energia, che hanno scoperto che esso si mantiene più attivo se si mangia regolarmente, senza saltare i pasti o ridurre eccessivamente l’apporto calorico.

In aggiunta a ciò, anche il fare attività fisica e il provare piacere agevola l'attivazione del metabolismo. Il piacere provato attraverso uno qualsiasi dei cinque sensi attiva l’ipotalamo (ghiandola del cervello associata al piacere) che, se sollecitato, fa alzare la temperatura corporea e stimola l’organismo a bruciare più calorie. Ecco perché, se mangiamo poco e alimenti poco graditi, l’ipotalamo non si attiva e il peso aumenta.

Cosa lo influenza?

Sono diverse le cause che possono influenzare il funzionamento del sistema, di seguito ne sono illustrate alcune.

  • L'orologio biologico: dopo i trent'anni il metabolismo diminuisce gradualmente, raggiungendo il 30% dopo i settant'anni.
  • Le ore del giorno: La mattina, tra le 8 e le 9,30 circa, il metabolismo è più attivo, poi diminuisce gradualmente fino al 7% in meno durante le ore notturne.
  • La stagione: aumenta durante la stagione invernale perché, a causa del freddo, il corpo è costretto a subire uno sforzo per mantenere costante la temperatura corporea.

Fattori che lo rallentano

Ci sono diversi fattori che possono rallentare il normale funzionamento del sistema e sono in parte illustrati di seguito.

  • Il peso corporeo: se aumenta la superficie corporea il metabolismo viene rallentato, mentre viene velocizzato se è la massa muscolare a crescere.
  • Depressione e Ansia: gli stati depressivi lo rallentano, mentre quelli ansiosi possono aumentarlo o diminuirlo fino al 50%.
  • La temperatura corporea: Se è bassa, il metabolismo rallenta. Per ogni grado di aumento, partendo da 36°, il aumenta del 13%.

Il rapporto tra dieta e pasta

Molte persone credono che ci sia un rapporto difficile tra dieta e pasta, invece è importante sapere che per le sue proprietà nutrizionali, la pasta è un alimento insostituibile nella dieta di un individuo. La pasta è inoltre indicata per coloro che hanno un metabolismo lento e problemi di digestione, perché è un alimento facilmente digeribile. Un trucco per cuocere la pasta è scolarlasempre al dente, in modo che abbia un basso indice glicemico.

La pasta è stata indicata come alimento indispensabile anche per i più piccoli, soprattutto nella fase di crescita dei bambini ove questo alimento, abbinato alla dieta mediterranea, riscuote il consenso di tutti gli specialisti in materia.

Come abbiamo già detto è importante non mantenere vivo il rapporto tra dieta e pasta. Anche quando si ha la necessità di dimagrire, la pasta non va assolutamente eliminata dalla dieta, ma è sufficiente prepararla nel modo corretto per perdere peso senza rinunciare al suo gusto. Aggiungendo alimenti con molte fibre e basso indice glicemico, si riduce infatti la probabilità che le calorie vadano a depositarsi come grasso in eccesso.

Gli alimenti da consumare abbinati alla pasta sono: le verdure, gli ortaggi, alcuni legumi come i piselli, pomodoro cucinato senza condimenti.

Scegliere la qualità giusta di pasta

La pasta che non ingrassa è: integrale o semi-integrale, perché le fibre fanno assorbire meno grassi rispetto a quelli introdotti nello stesso pasto; condita in modo semplice (da evitare condimenti ricchi di grassi saturi come quelli a base di panna da cucina o besciamella); cotta al dente, perché contiene un indice glicemico inferiore ed è più facilmente digeribile.

Per gestire bene il rapporto tra dieta e pasta è necessario seguire dei piccoli e semplici trucchi, che sono illustarti di seguito.

  • mangiarne non più di 70 grammi e solo a pranzo (a metà giornata si ha più bisogno di energia da spendere rispetto alla cena);
  • usare un cucchiaio di olio extravergine di oliva al giorno per condire e cucinare;
  • consumare verdura e frutta di stagione;
  • bere un litro e mezzo di acqua naturale al giorno, per agevolare la depurazione dell’organismo;
  • usare aromi e spezie, per insaporire i cibi;
  • preferire l’aceto di mele e il limone all’acetodi vino;
  • dolcificare con fruttosio (zucchero ricavato dalla frutta)

I vantaggi del primo piatto

Anche ricerche recenti hanno approfondito i vantaggi di mangiare questo tipo di alimento: prima di tutto, questi carboidrati sono un potente anti-stress grazie alle qualità intrinseche della pasta, essendo energetica ma leggera. Mangiarla nella giusta quantità infatti libera l’ormone del buonumore chiamato serotonina e per un corretto stile di vita quindi non bisogna mai eliminare completamente questo piatto dalla propria dieta. Poi è chiaro che esistono casi particolari per cui chi vuole intraprendere un piano dietetico è bene che vada prima di tutto da uno specialista, come il nutrizionista, che saprà stilare una tabella adeguata in base alle nostre caratteristiche fisiche e di metabolismo. Proprio quest’ultimo aspetto infatti è molto importante nello stilare tabelle e diete. Tornando alla pasta, la Nutrition Fondation Italy ha condotto delle ricerche che hanno evidenziato altri importanti vantaggi di questo piatto, come la riduzione di malattie cardio-vascolari o diabetiche di tipo 2. Inoltre, secondo alcuni specialisti, mangiare pasta è consigliabile per chi ha la pressione alta perchè il piatto ha una basse dose di sodio e infine essa non contiene colesterolo.
A favore quindi del primo piatto sono nate anche dei piani dietetici su questo alimento, la quale sarebbe in grado di far dimagrire già due chili nei primi quindici giorni.

Per i bambini

Non cambia il discorso se prendiamo in considerazione i più piccoli. Uno stile di vita sano fin dall’infanzia permette infatti di far acquisire comportamenti che possano evitare l’obesità infantile, vero problema di quando si fanno crescere i più piccoli. Molti specialisti sono d’accordo che per i bambini la dieta mediterranea è perfetta per far crescere sani i proprio figli e in questo la pasta assume un’importanza indiscutibile. Infatti, questo primo piatto contiene all’interno tutte le qualità che servono ai bambini nella loro crescita e inoltre permette di far imparare lo stesso ad iniziare a mangiare con il cucchiaio. Le diete ipercaloriche e iperproteiche, al contrario, hanno il forte rischio di far crescere la percentuale di obesità.

Obiettivi e vantaggi della dieta metabolica

L'obiettivo principale della dieta metabolica, come accennato poco fa, è quello di accellerare il metabolismo di ogni persona, ossia tutti quei processi chimici e biologici atti ad assorbire, elaborare, utilizzare ed eliminare tutte le sostanze ingerite con l'alimentazione; in sostanza, questa dieta trasformerà il proprio corpo in una "macchina" brucia grassi.

Il miglior metodo che aiuta ad accellerare il metabolismo è quello di modificare le abitudini alimentari, compresi i tempi e la qualità di alimenti. Questo tipo di dieta sfrutterà i grassi di riserva come fonte energetica grazie alla drastica riduzione dei carboidrati e l'assunzione principale di proteine e grassi.

Ovviamente, come ogni dieta, presenta dei pro e dei contro:

  • il principale vantaggio è quello di garantire una rapida perdita di peso, la stimolazione del metabolismo aiuta a non riprendere i chili che sono stati persi, visto che è una dieta che si basa su proteine e grassi tiene inalterata la massa magra e il tono muscolare.
  • Contro: visto l'alta assunzione di grassi e proteine potrebbero aumentare il colesterolo e con sè i rischi a livello cardiovascolare, a reni e al fegato. Il quasi nullo apporto di carboidrati invece, potrebbe portare una sensazione di malessere, mal di testa, stanchezza e nausea.

I segreti per modificare il metabolismo

La Dieta metabolica prevede l’assunzione di alimenti che facilitano lo svolgimento delle reazioni chimiche che stanno alla base del metabolismo ed elimina quelli che le ostacolano. Tra gli alimenti favoriti ci sono tutti quelli contenenti proteine, come uova, carni e pesce, capaci di migliorare il consumo di calorie da parte dell’organismo; quelli contenenti Sali minerali e vitamine, sostanze abili nell’accelerare il metabolismo, quindi frutta e verdura; inoltre è favorito anche il caffè, ottimo acceleratore dei consumi calorici, ma da tenere sotto controllo per chi soffre di ipertensione.

Gli alimenti vietati nell'alimentazione metabolica

Tra gli alimenti banditi dal regime dietetico invece ci sono grassi e zuccheri, sostanze che richiedo una digestione più lenta e complicata e che ostacolano quindi le attività metaboliche; alcune verdure come broccoli, cavoli, ravanelli e verze possono rallentare la funzionalità della tiroide, diminuendo l’intensità del metabolismo, stesso effetto che è causato anche dagli alcolici e dalle bibite dolcificate.

Questo regime alimentare è in grado di far perdere fino a 5 kg attraverso l’assunzione di circa 1200 calorie al giorno secondo gli alimenti prestabiliti. Per accelerare il metabolismo è preferibile consumare i pasti in orari regolari, condire con massimo 3 cucchiaini d’olio extravergine d’oliva al giorno ed insaporire con aromi e spezie. Bisogna prediligere inoltre la cottura dei cibi a vapore, alla griglia o al forno, il tutto accompagnato sempre dall’assunzione di almeno un litro e mezzo di acqua oligominerale al giorno per rimuovere tutte le scorie prodotte dal processo.

Quando la dieta metabolica non è indicata

In alcuni condizioni, risulta assolutamente non indicata:

  • Lo sbalzo insulinico potrebbe causare dei problemi anche gravi a tutti coloro che soffrono di diabete
  • Meglio evitarla se si è in gravidanza o in menopausa, in quanto è un tipo di dieta poco bilanciata. L'elevata assunzione di grassi, potrebbe aumentare il rischio di ipercolesterolemia per le donne che sono in menopausa
  • A volte, la causa del sovrappeso è legato ad un alterazione degli ormoni tiroidei, prodotti in modo insufficiente. A volte, il problema del metabolismo lento è scaturito da una causa patologica che và risolta farmacologicamente.


Potrebbe interessarti

Trattamenti seno: come evitare gli inestetismi

Il seno è tra le zone femminili del corpo che per primo, con il passare del tempo, manifesta sintomi di atonia e rilassamento. Per tutte le donne, che abbiano forme abbondanti o meno, il seno rappresenta il miglior elemento estetico che esprime la femminilità. Per tenere il seno sodo e in salute, è bene effettuare dei trattamenti appropriati e costanti.

Leggi tutto...

Trattamento acido glicolico viso: prendersi cura del proprio viso

I più efficaci trattamenti per il viso, sono quelli con acido glicolico, questa particolare sostanza infatti è ideale per contrastare gli inestetismi dell’epidermide del viso.

Leggi tutto...

Dieta localizzata: dimagrimento mirato

Dimagrire in zone come la pancia e i fianchi è uno degli obiettivo principali per molte donne; una dieta localizzata su tali punti critici potrebbe aiutare a snellire maggiormente queste zone.

Leggi tutto...

Pressoterapia: funziona? Risveglia la circolazione?

La pressoterapia è un efficace trattamento di compressione, che aiuta a ripristinare la funzionalità circolatoria venosa e linfatica, riducendo il gonfiore, la tensione muscolare, lo stress e il dolore.
 Questa tecnica può infatti divenire una risposta ai principali inestetismi del corpo, in particolare di addome, gambe e fianchi.

Leggi tutto...

Scopriamo la dieta 1000 calorie

La società in cui viviamo in questi ultimi anni tende sempre più a far risaltare l’importanza dell’aspetto fisico e della sua bellezza e tonicità, di conseguenza la maggior parte delle persone è portata a badare al proprio corpo e a cercare di renderlo il più apprezzabile possibile a livello estetico. Da qui, lo svolgimento costante di attività sportiva oppure il seguire qualche dieta, che possa mantenere la tonicità del fisico. Tra queste ultime, una tra le più discusse è la cosiddetta dieta 1000 calorie.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Ridurre l'appetito naturalmente: 18 cibi per tenere a freno la fame

Io non sono una grande fan del prendere pillole per la dieta o di quegli inserimenti suppletivi chimici che servono per la perdita di peso o per sopprimere l'appetito.

Leggi tutto...

La dieta per rinforzare le ossa: prendiamocene cura

In presenza di un clima freddo e umido, è bene seguire un'alimentazione corretta ed equilibrata in modo da tenere lontani i mali di stagione e seguire una vera e propria dieta per rinforzare le ossa, rendere i muscoli più flessibili, prevenire l’osteoporosi e l’indebolimento tipico da influenza stagionale e mantenere il proprio peso ideale.

Leggi tutto...

Depilazione con filo orientale: il segreto del filo di cotone

La tecnica della depilazione mediate l’utilizzo di un particolare filo di cotone è una pratica che, in Italia, si è diffusa solo da pochi anni. Questo miracoloso filo però non fa magie: il segreto è semplicemente l’uso di un filo di cotone di buona qualità tessuto molto finemente.

Leggi tutto...

Dieta Glicemia: l'alimentazione consigliata

L'innalzamento del tasso di glicemia (livelli poco al di sopra di 90 mg/dl sono già un campanello di allarme) può provocare danni alla salute, anche in casi di assenza di diabete

Leggi tutto...

Frutta disidratata: scopriamone le qualità e le caratteristiche

Molte diete prevedono l'esclusione totale di frutta secca, a causa del suo alto contenuto di grassi (circa 5000 calorie ogni 100 g); non tutti sanno però che i grassi che si trovano all'intero della frutta secca sono di natura insatura, dunque non nocivi per la linea e benefici per la salute.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Dieta Plank: perdere 9 kg in due settimane

Le origini della dieta Plank non sono ancora conosciute, erroneamente la si associa alla Max Planck Society, l’istituto dedicato al progresso delle scienze che prende il nome dal fondatore Max Karl Ernst Ludwig Planck, pilastro della fisica contemporanea, ma è solo un legame privo di fondamenta.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Quali esercizi fare per ridurre i dolori della lombalgia

Il mal di schiena è uno dei malesseri più ricorrenti nelle popolazioni nord occidentali, ma le tipologie di dolori alla schiena sono molteplici e ognuna ha cause e sintomatologie diverse. La lombalgia, per esempio, è una condizione dolorosa della colonna vertebrale che non è una malattia di per sé, ma sintomo di altre patologie.

Leggi tutto...
Go to Top