La dieta Montignac, che si avvale di un testimonial d'eccezione, l'attore Gerard Depardieu, si basa sull'indice glicemico degli alimenti e sul metabolismo insulinico. Questo tipo di dieta punta da un lato a far perdere peso, e dall'altro a tenere sotto controllo la fame eccessiva e il desiderio di cibo.

Caratteristiche della dieta Montignac

Secondo Montignac la vera causa dell'obesità risiede nell'iperinsulinismo: una disfunzione organica indirettamente provocata dalla natura di alcuni alimenti. Per questa ragione, due alimenti della stessa famiglia paragonabili tra loro, che per le altre diete sono solitamente considerati come intercambiabili, possono provocare o un aumento di peso o, al contrario, un dimagrimento.

La causa fondante dell'aumento di peso, dunque, non è di natura calorica ma ormonale; ecco perché il parametro che viene tenuto in considerazione è l'indice glicemico (la capacità di determinati cibi di indurre rapidamente un aumento dei livelli di insulina – più l'Indice Glicemico è basso, più il dimagrimento è significativo).

I grassi invece devono essere scelti in base al criterio cardio-vascolare e in funzione della natura dei loro acidi grassi; le proteine in funzione della loro origine (vegetale o animale), della loro complementarità e della loro neutralità sui processi metabolici dell'aumento di peso (iperinsulinismo). Il regime dietetico Montignac prevede due fasi: dimagrimento; stabilizzazione e prevenzione.

Nella prima fase si devono mangiare cibi al di sotto dell'indice glicemico di 35; raggiunto il peso ideale, si passa a un programma di mantenimento (seconda fase di stabilizzazione e prevenzione), dovesi introducono cibi che possono raggiungere il livello 50.

I concetti di base del metodo Montignac

Questo innovativo stile alimentare è nato da un lavoro iniziato nel lontano 1980, che si è basato anche sulla sperimentazione scientifica di tutta l’equipe dello specialista, composta da medici e ricercatori. Il metodo proposto da questo medico non deve assolutamente essere considerato una dieta, vale a dire un regime alimentare restrittivo, durante il quale alcuni cibi non sono concessi ed è necessario tenere sotto controllo la quantità e i condimenti degli alimenti.

Deve invece essere considerato uno stile alimentare bilanciato, non restrittivo a livello delle quantità dei cibi e che volendo può essere seguito da tutti. Il segreto di questo metodo è come abbinare tra di loro i cibi, in base a quale categoria alimentare appartengono, vale a dire glucidi, proteine e lipidi. E’importante anche tenere conto delle peculiarità chimico-fisiche delle sostanze e la loro capacità di sollecitare reazioni metaboliche che servono a contrastare l’aumento di peso, il diabete e i principali fattori di rischio del sistema cardio-vascolare.

Grazie alla sperimentazione di questo metodo, che è stato fatta anche su soggetti che già soffrivano di questi disturbi, è emerso che nella maggior parte dei casi questo stile alimentare migliorava le condizioni di salute della persona. Lo scopo principale dello stile alimentare creato da Montignac è quello di insegnare a tutti l’importanza di seguire una dieta alimentare varia e bilanciata, utile a raggiungere una serie di obiettivi, che sono riportati nell’elenco che segue.

  • Ottenere se necessario un dimagrimento equilibrato, che non metta in pericolo o arrechi danni al benessere fisico e psichico della persona.
  • Ridurre le possibilità di avere abitudini alimentari sbagliate ed evitare così un possibile aumento di peso.
  • Ridurre i rischi di contrarre il diabete di tipo II.
  • Ridurre le possibilità di contrarre patologie a carico del sistema cardio-vascolare, come ictus, infarti ecc.

Le fasi del regime Montignac

Com’è stati già detto in precedenza questo regime alimentare si basa su tre distinte fasi, la prima è quella del dimagrimento, la seconda è quella della stabilizzazione e la terza è quella della prevenzione.

Durante la prima fase è concesso solo il consumo dei cibi che hanno un indice glicemico inferiore o uguale a 50, quindi è importante scegliere con attenzione gli alimenti. Lo scopo di questa fase è quello di apportare al corpo, dopo ogni pasto, una quantità minima di insulina, che serve a sollecitare il processo di eliminazione dei grassi che l’organismo tiene come riserva.

Durante la seconda e la terza fase la scelta dei cibi concessi è più ampia ma tiene sempre conto del loro indice glicemico e della presenza di glucidi puri, ed ha lo scopo di aiutare l’organismo ad eliminare tutti i glucidi.



Potrebbe interessarti

Maschera Osmotica: eliminare le tossine cutanee

Molto spesso il nostro viso può risultare spento e teso; questo è dovuto principalmente allo smog che la nostra pelle assorbe, agli agenti atmosferici e alle cellule morte che si trovano sull’epidermide. Tutto ciò rende il nostro aspetto poco attraente. Niente paura però! Infatti esiste un trattamento, detto maschera osmotica, che consente di donare nuovamente alla pella quella luminosità e quello splendore che con il tempo si è perso.

Leggi tutto...

Dieta localizzata: dimagrimento mirato

Dimagrire in zone come la pancia e i fianchi è uno degli obiettivo principali per molte donne; una dieta localizzata su tali punti critici potrebbe aiutare a snellire maggiormente queste zone.

Leggi tutto...

Trattamento viso detossinante: come eliminare le impurità cutanee

Il trattamento viso detossinante è l’ideale per depurare in profondità e per eliminare tutte quelle tossine che tendono ad accumularsi nell’epidermide. Ideale per eliminare le impurità da qualsiasi tipo di pelle, anche le più sensibili.

Leggi tutto...

Dieta ingrassante: aumentare la massa muscolare

E’molto strano sentir parlare di una dieta ingrassante eppure ci sono persone che vivono con preoccupazione la prova costume o che comunque non sono contente del proprio aspetto fisico, perché vorrebbero eliminare i chili di troppo. 

Leggi tutto...

Il the verde fa dimagrire: addio chili di troppo

Un ottimo alleato nelle diete dimagranti è il tè, dei recenti studi hanno infatti dimostrato l’efficacia del tè per dimagrire.

Leggi tutto...

I più condivisi

Dieta e ristorante: quante calorie ha una tagliata di manzo?

Molte persone che stanno seguendo un regime dietetico credono che ci sia un rapporto difficile tra dieta e ristorante. Quando si va al ristorante, magari per festeggiare un compleanno, un anniversario ecc. 

Leggi tutto...

Ecco in cosa consiste una dieta Lemme completa

L’avere un fisico sempre tonico e snello è il sogno di tante persone e per questo motivo si tende a cercare di mantenersi in forma svolgendo dell’attività sportiva oppure a seguire una dieta. In quest’ultimo caso, da decenni ormai sono presentati vari regimi alimentari che promettono di fare miracoli. L’ultima novità arriva da un farmacista italiano, il Dott.Lemme, che promette di far perdere 10 kg in un mese. Cerchiamo di scoprire in cosa consista una dieta Lemme completa.

Leggi tutto...

Dieta aminoacidi: mantenere il tono muscolare

Per dimagrire mantenendo il tono muscolare e la compattezza della pelle non è necessario ricorrere ad integratori chimici, ma basta aumentare in modo mirato, l’apporto degli aminoacidi e seguire quindi una dieta aminoacidi.

Leggi tutto...

Dieta della pizza: esiste davvero?

La dieta della pizza è dedicata a tutti gli amanti dell’alimento più famoso al mondo: grazie a qualche piccolo accorgimento su ingredienti e porzioni, chi non può fare a meno di questo piatto tipico della cucina italiana e non vuole eliminarlo definitivamente dal proprio regime alimentare, può integrarlo agevolmente nel menù della settimana.

Leggi tutto...

Dieta scarsdale vegetariana per tornare in forma

Semplice e veloce per perdere peso. La dieta scarsdale fa miracoli, ma non tutti sanno come funziona. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Dieta del pomodoro: i segreti per dimagrire

La dieta del pomodoro è un ottimo rimedio per perdere peso e ottenere di nuovo il proprio peso ideale, il pomodoro ha infatti un basso contenuto calorico (19 kcal ogni 100 g), è ricco di acqua, vitamina C e sali minerali, in particolare potassio (circa 297 mg ogni 100 g), indispensabile per mantenere l’equilibrio idrico all’interno dell’organismo, contrastando la ritenzione.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Rimedi naturali per ridurre la cellulite

La cellulite, oltre ad essere un mero problema estetico, è una disfunzione della microcircolazione sanguigna le cui cause possono essere diverse dalla sedentarietà alla ritenzione idrica, da fattori costituzionali, ormonali o vascolari, motivo per cui ne soffrono anche persone molto magre. L’inestetismo a livello epidermico si manifesta con la cellulite quando una cattiva microcircolazione sanguigna stressa il tessuto adiposo sottocutaneo. Esistono diversi tipi di cellulite, a seconda del grado di gravità del disturbo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Quali esercizi fare per ridurre i dolori della lombalgia

Il mal di schiena è uno dei malesseri più ricorrenti nelle popolazioni nord occidentali, ma le tipologie di dolori alla schiena sono molteplici e ognuna ha cause e sintomatologie diverse. La lombalgia, per esempio, è una condizione dolorosa della colonna vertebrale che non è una malattia di per sé, ma sintomo di altre patologie.

Leggi tutto...
Go to Top