La dieta Birmingham, conosciuta anche con il nome di “Birmingham Heart Hospital Diet” e "Cardiac Unit of UAB Hospital Diet", è un tipo di regime alimentare molto in voga in America e utilizzato principalmente nei pazienti obesi che soffrono di problemi cardiaci. Questo regime dietetico infatti, consente di perdere peso in tempi molto brevi (se affrontato con la dovuta concentrazione e serietà) e può ritenersi adatto per i malati affetti da patologie cardiovascolari.

I segreti della dieta Birmingham

La dieta Birmingham dura tre giorni (dunque non un eternità) e prevede uno schema alimentare ricco di proteine, perché incrementa i processi metabolici del 70% e dà un senso si sazietà che si protrae per molto tempo (anche dopo il termine di questo processo dietetico); è invece da evitare l'uso eccessivo di cibi contenenti grassi e carboidrati. Tra i condimenti previsti ci sono:

  • un cucchiaino di sale al giorno;
  • erbe aromatiche;
  • pepe;
  • dolcificanti ipocalorici;
  • margarina, se specificato;
  • senape;
  • mostarda.

Cosa eliminare dall'alimentazione 

Durante questo regime alimentare dietetico è importante e fortemente consigliato eliminare alcune sostanze, che sono riportate nell'elenco che segue.

  • zucchero;
  • salse come la maionese;
  • l'olio, escluso quello di arachidi da usare sul pane;
  • il burro.

Passati i primi tre giorni di dieta Birmingham il paziente potrà, nel periodo successivo, mangiare tutti gli alimenti che gradisce, senza limitazioni, se non quelle dovute dal gusto personale. Questa dieta è ovviamente consigliata solo per brevi periodi; tale regime alimentare consente inoltre di perdere sino a cinque chili e può essere ripetuto per quattro settimane.

Per eliminare tutte le sostanze tossiche dall'organismo, è necessario che si bevano almeno due litri di acqua al giorno (lontano dai pasti per evitare gonfiori di stomaco). Una regola della dieta Birmingham da seguire alla lettera è infine quella di non stravolgere e modificare assolutamente la successione dei pasti, senza apportare variazioni e mangiando tutto.

Dieta Birmingham

Ricordiamo come sempre che, prima di intraprendere qualunque tipo di regime dietetico, è comunque necessario consultare un medico specialista o un nutrizionista per avere ulteriori e validi consigli per perdere peso e per mantenersi in forma.

La dieta Birmingham in pratica

La dieta Birmingham risulta essere una dieta iperproteica, in quanto sono privilegiati l'assunzione di cibi che abbiamo molte proteine rispetto a quelli grassi e ricchi di carboidrati. Questo perché le proteine, di base, sono degli elementi molto complessi che possono arrivare anche a 12 ore prima di essere assimilate, in questo modo viene stimolata tantissimo l'attività del metabolismo aumentando anche il senso di sazietà.

In sostanza, la dieta Birmingham è molto efficacie grazie alla perfetta e precisa combinazione degli alimenti presi in considerazione infatti solo combinando proteine con cereali a colazione e a pranzo con le vitamine e i grassi a cena si ottiene l'effetto dovuto. A questo punto, il metabolismo, ossia tutti quei processi chimici che trasformano il cibo in energia, diveneterà molto più attivo rispetto alla norma e sarà in grado di bruciare molto meglio i grassi in eccesso.

Se vuoi puoi acquistare direttamente su Amazon queste Proteine

Dieta Birmingham

A quanto sembra, la dieta non è molto equilibrata e bilanciata in quanto la presenza di grassi saturi e la distribuzione di calorie prettamente concentrati a cena non lo rende uno stile di vita molto sano, proprio per questo motivo è consigliata eseguirla solo per urgenza o sotto un attento controllo da parte di un medico nutrizionista. Vediamo di seguito la dieta in pratica in un possibile menù tipico:

  • Primo giorno: colazione con un succo di pompelmo
  • Secondo giorno: la colazione potrebbe essere eseguita con un uobo sodo e del caffè; il pranzo con 250 gr di formaggio in fiocchi o 125 gr di tonno al naturale accompagnati da 5 cracker e caffè. La cena invece con 2 wrustell, 250 gr di broccoli, 125 gr di carote, una banana e del gelato.
  • Terzo Giorno: un uovo sodo e caffè per colazione; 

I vantaggi della dieta birmingham

Come accennato, i vantaggi sono molti: è una dieta molto breve, che può ripetersi al massimo per un mese con un intervallo di almeno 4 giorni, permette di dimagrire in un breve lassi di tempo, è una dieta che permette di essere sempre sazi ed è molto semplice da seguire considerando la seguenza indicata.

E' necessario bere almeno 2 litri d'acqua al giorno per eliminare le tossine, nei quattro giorni di distanza da l'inizio della prossima dieta si può mangiare qualsiasi cosa purché sia sempre utilizzata moderazione ed equilibrio. 

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

I più condivisi

L'intimo contenitivo: essenziale per riuscire a far sentire una donna completa

intimo-contenitivo-black.jpg

Un numero sempre maggiore di donne decidono di orientarsi verso l'utilizzo di lingerie modellanti per definire meglio non soltanto la silhouette ma anche per migliorare totalmente il proprio benessere.

Afte: cosa mangiare? Ecco come curarle con l'alimentazione

Afte: cosa mangiare

Le afte in bocca sono tra i disturbi più frequenti e fastidiosi per il nostro organismo, possono presentarsi a qualsiasi età e possono interessare circa il 50% della popolazione. Fortunatamente esistono molti rimedi per curare il problema, che si basano sul consumo di alcuni alimenti ricchi di vitamine e sali minerali.

Le importanti proprietà della frutta secca, utile per adulti, bambini e sportivi

le importanti proprietà della frutta secca

La frutta secca rappresenta una di quelle tipologie di alimenti che, nel tempo, ha visto cambiare radicalmente la considerazione che gli esperti hanno nei suoi confronti. Se in passato veniva indicato come alimento saporito e gustoso ma ricco di grassi, oggi invece è ormai appurato scientificamente come abbia una notevole quantità di proprietà positive e contenga una serie di principi nutritivi fondamentali per il nostro benessere psicofisico, sia nella vita di tutti i giorni che come supporto per chi pratica attività sportiva.

Potrebbe interessarti

Dieta scarsdale vegetariana: segui la nostra guida per tornare in forma

Semplice e veloce per perdere peso. La dieta scarsdale fa miracoli, ma non tutti sanno come funziona. 

Ridurre l'appetito naturalmente: 18 cibi per tenere a freno la fame

Io non sono una grande fan del prendere pillole per la dieta o di quegli inserimenti suppletivi chimici che servono per la perdita di peso o per sopprimere l'appetito.

Reduslim: come dimagrire senza diete drastiche

reduslim

Quando l’inverno finisce spesso lascia in eredità qualche chilo di troppo. E se sotto maglioni o cappotti si può anche camuffare un po’, con l’arrivo della bella stagione e il cambio di vestiario non si è sempre contenti del proprio aspetto.

Leggi anche...

Dieta dimagrante vegetariana: caratteristiche, cosa mangiare

frutta e verdura

Anche tu sei alla ricerca di un metodo per perdere i chili di troppo, mantenendo allo stesso tempo uno stile di vita sano e salutare? Un’ottima soluzione per ottenere entrambi questi obiettivi è la dieta dimagrante vegetariana. Eliminare carne e pesce dalla propria dieta è una soluzione molto in voga negli ultimi anni, adottata da molti. Ma non tutti sanno che con la dieta vegetariana si può dimagrire, ed anche molto! 

Leggi anche...

Dimagrimento localizzato: perdere i cm su fianchi, pancia e glutei

Dimagrimento localizzato: perdere i cm su fianchi, pancia e glutei

Il dimagrimento localizzato ricorda che l'estate è vicina ed è proprio in questo momento che le persone percepiscono il bisogno di perdere il peso in eccesso accumulato durante l’inverno per superare la prova costume.

Leggi anche...

Quali esercizi fare per ridurre i dolori della lombalgia

Il mal di schiena è uno dei malesseri più ricorrenti nelle popolazioni nord occidentali, ma le tipologie di dolori alla schiena sono molteplici e ognuna ha cause e sintomatologie diverse. La lombalgia, per esempio, è una condizione dolorosa della colonna vertebrale che non è una malattia di per sé, ma sintomo di altre patologie.