La dieta Birmingham, conosciuta anche con il nome di “Birmingham Heart Hospital Diet” e "Cardiac Unit of UAB Hospital Diet", è un tipo di regime alimentare molto in voga in America e utilizzato principalmente nei pazienti obesi che soffrono di problemi cardiaci. Questo regime dietetico infatti, consente di perdere peso in tempi molto brevi (se affrontato con la dovuta concentrazione e serietà) e può ritenersi adatto per i malati affetti da patologie cardiovascolari.

I segreti della dieta Birmingham

La dieta Birmingham dura tre giorni (dunque non un eternità) e prevede uno schema alimentare ricco di proteine, perché incrementa i processi metabolici del 70% e dà un senso si sazietà che si protrae per molto tempo (anche dopo il termine di questo processo dietetico); è invece da evitare l'uso eccessivo di cibi contenenti grassi e carboidrati. Tra i condimenti previsti ci sono:

  • un cucchiaino di sale al giorno;
  • erbe aromatiche;
  • pepe;
  • dolcificanti ipocalorici;
  • margarina, se specificato;
  • senape;
  • mostarda.

Cosa eliminare dall'alimentazione

Durante questo regime alimentare dietetico è importante e fortemente consigliato eliminare alcune sostanze, che sono riportate nell'elenco che segue.

  • zucchero;
  • salse come la maionese;
  • l'olio, escluso quello di arachidi da usare sul pane;
  • il burro.

Passati i primi tre giorni di dieta Birmingham il paziente potrà, nel periodo successivo, mangiare tutti gli alimenti che gradisce, senza limitazioni, se non quelle dovute dal gusto personale. Questa dieta è ovviamente consigliata solo per brevi periodi; tale regime alimentare consente inoltre di perdere sino a cinque chili e può essere ripetuto per quattro settimane.

Per eliminare tutte le sostanze tossiche dall'organismo, è necessario che si bevano almeno due litri di acqua al giorno (lontano dai pasti per evitare gonfiori di stomaco). Una regola della dieta Birmingham da seguire alla lettera è infine quella di non stravolgere e modificare assolutamente la successione dei pasti, senza apportare variazioni e mangiando tutto.

Ricordiamo come sempre che, prima di intraprendere qualunque tipo di regime dietetico, è comunque necessario consultare un medico specialista o un nutrizionista per avere ulteriori e validi consigli per perdere peso e per mantenersi in forma.

La dieta Birmingham in pratica

La dieta Birmingham risulta essere una dieta iperproteica, in quanto sono privilegiati l'assunzione di cibi che abbiamo molte proteine rispetto a quelli grassi e ricchi di carboidrati. Questo perché le proteine, di base, sono degli elementi molto complessi che possono arrivare anche a 12 ore prima di essere assimilate, in questo modo viene stimolata tantissimo l'attività del metabolismo aumentando anche il senso di sazietà.

In sostanza, la dieta Birmingham è molto efficacie grazie alla perfetta e precisa combinazione degli alimenti presi in considerazione infatti solo combinando proteine con cereali a colazione e a pranzo con le vitamine e i grassi a cena si ottiene l'effetto dovuto. A questo punto, il metabolismo, ossia tutti quei processi chimici che trasformano il cibo in energia, diveneterà molto più attivo rispetto alla norma e sarà in grado di bruciare molto meglio i grassi in eccesso.

A quanto sembra, la dieta non è molto equilibrata e bilanciata in quanto la presenza di grassi saturi e la distribuzione di calorie prettamente concentrati a cena non lo rende uno stile di vita molto sano, proprio per questo motivo è consigliata eseguirla solo per urgenza o sotto un attento controllo da parte di un medico nutrizionista. Vediamo di seguito la dieta in pratica in un possibile menù tipico:

  • Primo giorno: colazione con un succo di pompelmo, una fetta di pane tostato con un cucchiaio di margarina o burro di arachidi e caffè o the. Il pranzo potrebbe andare benissimo del tonno al naturale, precisamente massimo 125 gr, affiancato ad una fetta di pane tostato e caffè. La cena invece potrebbe essere composta da 90 gr di qualsiasi tipo di carne affiancata a circa 250 gr di fagiolini e 250 gr di carote, una mela e del gelato alla vaniglia.
  • Secondo giorno: la colazione potrebbe essere eseguita con un uobo sodo, una fetta di pane tostato e del caffè; il pranzo con 250 gr di formaggio in fiocchi o 125 gr di tonno al naturale accompagnati da 5 cracker e caffè. La cena invece con 2 wrustell, 250 gr di broccoli, 125 gr di carote, una banana e del gelato.
  • Terzo Giorno: un uovo sodo, una fetta di pane tostato e caffè per colazione; 40 gr di formaggio tipo gruviera, 5 cracker salati, una mela e un caffè per pranzo e infine, per cena. 250 gr di tonno al naturale, 250 gr di carote, 250 gr di fagiolini, 250 gr di melone o 2 kiwi e del gelato.

I vantaggi della dieta birmingham

Come accennato, i vantaggi sono molti: è una dieta molto breve, che può ripetersi al massimo per un mese con un intervallo di almeno 4 giorni, permette di dimagrire in un breve lassi di tempo, è una dieta che permette di essere sempre sazi ed è molto semplice da seguire considerando la seguenza indicata.

E' necessario bere almeno 2 litri d'acqua al giorno per eliminare le tossine, nei quattro giorni di distanza da l'inizio della prossima dieta si può mangiare qualsiasi cosa purché sia sempre utilizzata moderazione ed equilibrio.

 

 

 





Potrebbe interessarti

Dieta depurativa dei tre giorni: risanare l'organismo

Spesso può capitare che dopo una cena abbondante, una festa o una cerimonia ci si sente un po’ appesantiti e l’ago della bilancia ci mostra qualche chilo in più rispetto al nostro peso forma

Leggi tutto...

Dieta funghi: sveliamone i segreti

I funghi, vegetali privi di clorofilla spesso usati per realizzare contorni e primi piatti, sono un alimento dimagrante perché contengono sali minerali e fibre sgonfianti. Grazie a una dieta funghi sarà possibile ritrovare il proprio peso forma facilmente.

Leggi tutto...

Dieta fibre: i segreti per dimagrire

La dieta fibre nasce nei primi anni '80 negli USA grazie all'omonimo libro scritto da Audrey Eyton ed è basata sul consumo di fibre (30-35 grammi al giorno circa) nell'alimentazione quotidiana.

Leggi tutto...

Ansia e alimentazione: tenere sotto controllo lo stress

Oggi, per curare ansia, insonnia e depressione, ci affidiamo spesso a terapie farmacologiche che ci rendono dipendenti; secondo uno studio australiano invece, una specifica dieta per combattere l'ansia, che si basa sul seguire una sana alimentazione può aiutare a combatterle.

Leggi tutto...

Cibi sani: l'importanza di mangiare correttamente

Mangiare in modo sano ed equilibrato è la prerogativa fondamentale di un regime alimentare salutare e utile all'organismo di un individuo. La presenza di cibi sani anche all'interno di una dieta è infatti importantissimo.

Leggi tutto...

I più condivisi

Dieta studio: alimentare il cervello

Quando si studia o si svolge un’attività intellettuale è importante però seguire una dieta studio che si basi sul consumo di alimenti che possono aumentare la concentrazione ma che non siano una minaccia al peso ideale

Leggi tutto...

La fase d'attacco della dieta Dukan: imparare a mangiare le giuste porzioni

Pierre Dukan è il nutrizionista (esperto in comportamento alimentare) più conosciuto in Francia (ma anche in Italia non scherza). Il punto di forza della dieta che ha messo a punto questo studioso è quello di seguire un’alimentazione il più possibile naturale, che combatta la tendenza che quasi tutte le persone hanno, a mangiare porzioni di cibo molto più abbondanti di quelle che sono in realtà necessarie. Il metodo che analizzeremo di seguito permette dunque di ottenere il proprio peso forma senza grandi sforzi.

Leggi tutto...

Dieta scarsdale: dimagrire in 14 giorni di fuoco

La dieta Scarsdale è una dieta ipocalorica nata negli Stati Uniti nota anche come SMD (Scarsdale Medical Diet). Essa prevede un programma di due settimane dallo scarso apporto calorico, intorno alle 1000 kcal al giorno, costituito da un'alimentazione a base di carne, pesce magro e verdure poco caloriche.

Leggi tutto...

Trattamento acido glicolico corpo: il peeling più usato

L’acido glicolico è un estratto dalla canna di zucchero che grazie alle sue qualità chimiche, viene utilizzato per trattamenti dermatologici. Aiuta ad eliminare e rimuovere tutte quelle cellule morte che con il passare del tempo si accumulano sotto l’epidermide.

Leggi tutto...

Come attivare il metabolismo? Ecco una dieta adatta!

Per perdere peso, non è unicamente necessario controllare i cibi ingeriti, ma è fondamentale avere un metabolismo attivo. Un’alimentazione corretta aiuta a incrementare le calorie che l'organismo brucia.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Dieta Mayo: dimagrire dai 5 ai 7 kg in due settimane

La dieta Mayo prende il nome da una clinica americana molto famosa negli anni ’80, anni in cui questa dieta andò particolarmente di moda. È basata su un principio di una semplicità impressionante: si mangia talmente poco che per forza di cose si dimagrisce.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Epilazione donna: come diminuire la ricrescita del pelo

Uno dei problemi più comuni delle donne (e negli ultimi anni anche degli uomini) è quello inerenti ai peli che crescono in varie parti del corpo. 
Un tempo c’era l’idea dell’uomo virile che senza peli e senza pancia non era poi considerato ‘tanto uomo’ mentre oggi l'ideale mascolino si è parzialmente ribaltato: sempre più spesso in televisione, nelle riviste e sul web vediamo uomini dal fisico scolpito che non presentano pelo alcuno su tutto il corpo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Quali esercizi fare per ridurre i dolori della lombalgia

Il mal di schiena è uno dei malesseri più ricorrenti nelle popolazioni nord occidentali, ma le tipologie di dolori alla schiena sono molteplici e ognuna ha cause e sintomatologie diverse. La lombalgia, per esempio, è una condizione dolorosa della colonna vertebrale che non è una malattia di per sé, ma sintomo di altre patologie.

Leggi tutto...
Go to Top