Per comprendere come cervicale e pressione alta possano essere collegate occorre sapere che la vertebra atlante, la prima della colonna vertebrale, non è fissata come le altre ossa nella colonna, ma si trova sui tessuti molli ed è quindi vulnerabile o comunque soggetta a disallineamento.
Per avere una pressione sanguigna stabile occorre che la comunicazione tra il corpo e il cervello sia corretta e un eventuale disallineamento in questo punto non fa che determinare dolore alla cervicale e pressione alta.
Non si tratta ovviamente di qualcosa di irrisolvibile ma occorre riconoscere i sintomi, soprattutto se compaiono per la prima volta, in modo tale da agire per tempo.

Naturalmente le variazioni di pressione sono fisiologiche, chiunque misurando la pressione arteriosa più volte al giorno si ritroverà ad avere a che fare con valori sempre diversi, ma che non devono mai discostarsi eccessivamente, altrimenti in quel caso vuol dire che qualcosa non va e che quindi rivolgersi ad un medico è la cosa migliore da fare.

Cervicale e pressione alta: l’ipertensione

L’ipertensione è una patologia comune ma a volte ignorata per via dei sintomi piuttosto comuni e spesso sottovalutati.
Questa coinvolge cervicale e pressione alta ma vi sono dei segnali di allarme per cui si può riconoscere e procedere ad una cura in grado di tenerla sotto controllo.

Per convenzione la pressione arteriosa ideale è di 120 di “massima” e 80 di “minima”, entrambi valori che non vanno superati, ma nel caso in cui si abbia a che fare con l’ipertensione, spesso i valori sono 140 e 90.
Tali valori non bastano per allarmarsi, occorre sempre effettuare più misurazioni nell’arco di qualche giorno in modo tale da avere valori precisi su cui basare la cura, in genere composta da un paio di farmaci in grado di controllare la pressione nell’arco della giornata.
Naturalmente sintomi come cefalea improvvisa, vertigini, affanno sono tutti sintomi di cui tenere conto e che sicuramente hanno a che fare con cervicale e pressione alta e che per questo non vanno sottovalutati.

Pressione alta: ecco gli alimenti che contribuiscono ad abbassarla

Come per molteplici malattie e condizioni, anche nel caso di dolori alla cervicale e pressione alta l’alimentazione gioca un ruolo fondamentale nella prevenzione e nella regolazione.
Forse siete già a conoscenza del fatto che il sale è un “nemico” della pressione alta e che per questo, in caso di ipertensione, ridurre la quantità di sale utilizzato in cucina può essere un’ottima scelta da adottare a lungo termine che non può fare altro che bene.
Inoltre, vi consigliamo di indirizzare il vostro piano alimentare su alimenti come frutta e verdura, ma anche carboidrati integrali e alimenti con grassi insaturi contenuti nel pesce e nei legumi che aiutano a normalizzare la pressione.

Evitate, per quanto possibile, il consumo di snack confezionati perché ricchi di sale, necessario per conservarli a lungo, in caso di spuntino optate per un frutto e una fetta di pane integrale.
Sulla stessa scia evitate cibi processati come gli insaccati, anch’essi ricchi di sale per la stessa ragione.
Per chi non lo sapesse, l’olio extravergine d’oliva, grazie all’azione dei fenoli in esso contenuti appare un ottimo alleato per la pressione e riduce quindi i sintomi relativi a cervicale e pressione alta.
Regolamentate, infine, il consumo dei latticini e limitate il consumo delle carni rosse, meglio se consumate una volta ogni due settimane.
Optate dunque per una spesa intelligente e per abitudini sostenibili nel lungo periodo: acquistate cibi freschi e di stagione e assicuratevi di bere a sufficienza per contrastare l’azione del sodio, solo in questo modo potrete dire addio ai fastidi dati da cervicale e pressione alta.

Non solo il cibo è il migliore alleato per la vostra cervicale e pressione alta, anche lo sport lo è e per questo vi consigliamo di svolgere attività come la camminata veloce o il nuoto a cui affiancare, laddove possibile, qualche sessione di pesi in palestra, rivolgendovi sempre ad un personal trainer e ad un medico.

Come gestirle in gravidanza

cervicale e pressione alta

In caso di problemi alla cervicale e pressionealta già riconosciuti e gestiti tramite una cura farmacologica, in caso di gravidanza può risultare essenziale evitare gli sbalzi di pressione.
In questo caso vi consigliamo come prevenirli ed il primo passo è quello di continuare ad assumere i farmaci antiipertensivi prescritti dal medico, la gravidanza non è infatti motivo di sospensione di una cura che dura per tutta la vita, ma prestate attenzione ai cambi di stagione: d’estate la pressione è fisiologicamente più bassa, quindi chiedete al vostro medico se è necessario per voi ridurre le dosi.
Evitate, naturalmente, qualsiasi fonte di stress che non fa altro che aumentare la pressione arteriosa e quindi fastidi alla cervicale e pressione alta.
Cercate, a prescindere dall’ipertensione, di mantenere un peso quanto più costante possibile e di rimanere attivi ed effettuare periodicamente un massaggio alla cervicale: muoversi non fa che regolamentare la pressione.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Smagliature uomo: quali sono rimedi e soluzioni migliori?

Smagliature uomo

Smagliature uomo? La bellezza fisica delle donne ha diversi nemici contro di cui combattere e tra i più antipatici ci sono  la cellulite e le smagliature

Massaggio Ayurveda: l'antico trattamento indiano

Ayurveda è un termine di origine indiana che sta a significare “scienza della vita”, Ayus “vita”, Veda “conoscenza”. In generale L’Ayurveda è un sistema di medicina nato in India più di 5000 anni fa, con lo scopo di controllare la nostra via senza l’ostacolo della vecchiaia o della malattia.

Massaggio mani e piedi: come prendersi cura dei propri arti

Le mani sono la parte del nostro corpo che ci consentono di entrare in contatto con tutto ciò che ci circonda, i piedi invece, sono il nostro sostegno quotidiano e rappresentano il nostro mezzo di trasporto, ed è per questo che è importante dargli le adeguate attenzioni tramite un massaggio rilassante mani e piedi.

I più condivisi

L'endermologia nel trattamento contro la cellulite

L'Endermologia (nota anche come LPG Endermologie) è una tecnica non invasiva, molto efficace come terapia contro la cellulite, che evidenzia a livello del tessuto cutaneo un miglioramento del flusso linfatico e vascolare oltre che del metabolismo delle cellule adipose e dei fibroblasti.

La dieta last minute: perdere velocemente peso

alimenti a base di semi di soia perche evitarli 1200x704 min

La dieta last minute (o dieta dell'ultimo minuto) è una dieta ipocalorica che consente di perdere al massimo 2-3 chili ed è consigliabile seguirla al massimo per cinque giorni. Durante questo periodo bisogna evitare l’allenamento troppo duro, preferendo esercizi di stretching o pilates per rilassare e allungare la muscolatura.

Dieta diabetici: mantenere sotto controllo la glicemia

Il primo passo da fare per mantenere sotto controllo il diabete è eliminare le abitudini alimentari sbagliate, magari seguendo una dieta per diabetici. E’ consigliabile ridurre il più possibile i cibi dolci e salati. I cereali e le fibre sono degli ottimi alleati. E’ utile sapere che le melanzane aiutano a ridurre il bisogno di mangiare cibi dolci e ricchi di carboidrati.

Leggi anche...

Dieta 5 giorni: per riequilibrare le funzionalità dell' intestino

L'intestino viene considerato il nostro "secondo cervello" e ha un ruolo nell'organismo di notevole importanza. Cervello e intestino infatti si allenano per svolgere delle importanti funzioni che hanno ripercussioni sull'intero organismo: per questo è importante garantire il benessere intestinale e mentale.

Leggi anche...

Impacchi anticellulite: i migliori rimedi naturali per eliminarla

Impacchi anticellulite

Tutte le donne alla parola “cellulite” assumono un’espressione mista tra disgusto e tristezza, iniziando a visualizzare immagini chiare di gambe e glutei caratterizzati da quest’inestetismo.

Leggi anche...

Elettrostimolatore Cervicale: Tutto ciò che devi sapere

Il dolore cervicale, detto anche cervicalgia, è un’infiammazione della zona vicina al collo, molto frequente nelle persone adulte. 

In Italia colpisce circa il 60% della popolazione over 30, con maggior frequenza nelle donne.