La vita quotidiana frenetica e stressante tende, nel corso del tempo, ad avere ripercussioni sulla salute e benessere delle persone. Queste, per fronteggiare tali problematiche fisiche, cercano di incrementare le attività salutari per l'organismo, come lo sport ad esempio, o di porre maggiore attenzione all'alimentazione. Altre, invece, si rivolgono direttamente a terapie mediche, sia tradizionali che cosiddette alternative. Di queste ultime, alcuni ne diffidano, mentre altri si dichiarano estimatori dei benefici della riflessologia plantare ad esempio o di altre pratiche.

In effetti, la diffidenza di alcuni si basa sull'assenza di prove scientifiche valide, certe ed oggettive sull'efficacia di tali pratiche nel miglioramento del benessere e dello stato di salute delle persone, a fronte di problematiche fisiche o vere e proprie patologie, anche gravi. Prima di andare a scoprire gli eventuali benefici di questa pratica, cerchiamo di capire meglio e più approfonditamente di cosa si tratti.

Cos'è questo tipo di medicina alternativa

La riflessologia plantare non è altro che una pratica o tecnica di medicina alternativa che, attraverso dei massaggi o una pressione delle dita delle mani sui piedi di un soggetto, fornisce vari benefici e miglioramenti ad altre parti del corpo, che siano in qualche modo sofferenti. Alla base di tutto ciò vi è il presupposto che, a particolari zone o aree del piede (o anche delle mani), corrispondano organi, apparati, terminazioni nervose, ossa o ghiandole del corpo umano.

Di conseguenza, il massaggio o la stimolazione digitale da parte di un esperto di questa pratica (chiamato riflessologo) di tali zone plantari può apportare sollievo, miglioramenti, riequilibrio o, addirittura, guarigioni degli organi o apparati o parti sofferenti dell'organismo corrispondenti ed in relazione energetica con essi. Il tutto col solo utilizzo delle dita delle mani appunto, senza neanche avvalersi di olii o unguenti o lozioni particolari.

Tale pratica è fatta risalire ai cinesi o comunque alle popolazioni asiatiche di oltre 5.000 anni fa e poi ha trovato una nuova spinta e diffusione in tempi più recenti (nel corso del XX° secolo), grazie prima all'opera di un medico americano, William H. Fitzgerald, e poi di un suo connazionale, il fisioterapista Eunice D. Ingham, che rappresentò sul piede i diversi elementi del corpo umano. In Italia, tale tecnica ha avuto come punti di riferimento i dottori Giuseppe Calligaris e Nicola Gentile.

La riflessologia plantare ed i suoi benefici all'organismo

Secondo i suoi estimatori e praticanti, questa tecnica può apportare vari miglioramenti ad un organismo umano. Innanzitutto, favorisce il rilassamento generale di esso ed in particolare l'eliminazione o riduzione delle tensioni di origine nervosa o psicologica e quindi apporta un certo sollievo e relax psicofisico. Il tutto massaggiando zone del piede corrispondenti al cervello o all'apparato digerente.

Stimolando invece la parte del piede connessa all'intestino o ai reni, secondo le teorie dei riflessologi, si dovrebbero ridurre o limitare l'irritabilità o il cattivo umore. Per ottenere poi un sollievo dei disturbi connaturati allo stress, quali ad esempio mal di stomaco o mal di testa, si dovrebbero massaggiare quelle aree plantari corrispondenti al cervello, all'apparato digerente o alla colonna vertebrale.

Altri ulteriori benefici possono aversi per il colon irritabile, la costipazione e per favorire la depurazione in generale dell'organismo, grazie alla digitazione della zona plantare collegata a quegli organi deputati appunto all'eliminazione di elementi di scarto o delle tossine, quali ad esempio l'intestino o i reni. Medesimo discorso riguarda anche problemi connessi alla respirazione, quali asma o infezioni polmonari, che dovrebbero ottenere benefici, a seguito di un buon massaggio del piede e delle sue parti corrispondenti al torace in generale ed in particolare ai polmoni.

Infine, un certo sollievo è possibile fornirlo anche a chi soffre di problemi di gola (come ad esempio tonsilliti) o alla prostata, massaggiando con le dita delle mani quelle aree del piede connesse alla testa ed al collo o, ancora, ai genitali maschili. Tuttavia, stimolazioni e conseguenti miglioramenti possono riguardare, come detto, tutte le parti del corpo, secondo gli estimatori della riflessologia plantare.

Come si svolge una seduta

Coloro che desiderano effettuare una seduta sono invitati dal riflessologo a togliersi i calzini, a cui fa seguito un lavaggio dei piedi e poi lo sdraiarsi su un apposito lettino. In seguito, si procede con un'accurata osservazione di tali parti del corpo. In pratica, si analizzano il colore, la forma, la consistenza ed ulteriori caratteristiche particolari dei piedi. Dopo tale osservazione, che può essere anche abbinata ad eventuali domande al paziente, l'esperto potrebbe toccare alcuni punti degli stessi, al fine di individuarne di maggiormente deboli o forti.

Terminata questa fase e prima di passare al massaggio vero e proprio e alle pressioni sulle singole parti del piede, generalmente si effettua una sorta di riscaldamento dello stesso, attraverso degli esercizi praticati su indicazione del riflessologo ed anche, in alcuni casi, col suo supporto. Concluso tale riscaldamento, può iniziare il trattamento. Naturalmente, la scelta della tipologia di questo dipende dalle valutazioni ed osservazioni effettuate dall'esperto, dalle indicazioni fornite dal paziente circa le sue problematiche psico-fisiche ed eventuali sintomi di queste ultime.

In base a tutto ciò, si andranno a massaggiare, stimolare e premere quelle parti del piede corrispondenti agli organi o alle aree dell'organismo colpiti da tali problematiche. Una seduta di riflessologia plantare, generalmente, tende a durare in media tra i 30 ed i 45 minuti e se ne possono praticare anche diverse a settimana. Un trattamento completo, anche in alcuni casi fino a 10 sedute, può variare naturalmente in base alla situazione soggettiva di ciascun paziente ed alla tipologia di problematiche riscontrate.

Eventuali controindicazioni

Anche per un trattamento di questo genere vi possono essere delle controindicazioni o dei soggetti a cui è sconsigliato di sottoporvisi. Tra questi troviamo le persone che soffrono di diabete; di problemi circolatori a piedi e gambe; di vasculite o trombosi venose agli arti inferiori; di gotta; di ulcera o di funghi ai piedi; di problemi di tiroide e di epilessia; di malattie degenerative in generale. Comunque, è sempre consigliabile, se si soffre di vari disturbi, prima di sottoporsi ad una seduta di riflessologia plantare, avere un parere del proprio medico.





Potrebbe interessarti

Esempio di dieta per aumentare la massa muscolare

Una dieta che riguardi la massa muscolare rappresenta un regime alimentare nel quale sono assunti in prevalenza cibi che aiutano appunto lo sviluppo e la crescita della massa del nostro corpo. La dieta per la massa è dunque composta da un’alimentazione ricca di proteine e carboidrati: le proteine servono a far crescere i muscoli mentre i carboidrati forniscono energia al corpo.

Leggi tutto...

Il the verde fa dimagrire: addio chili di troppo

Un ottimo alleato nelle diete dimagranti è il tè, dei recenti studi hanno infatti dimostrato l’efficacia del tè per dimagrire.

Leggi tutto...

Trucco giorno e sera: scoprire il giusto make-up

L’arte del make-up, oggi, è uno dei gesti quotidiani più comune che le donne compiono, spesso, anche più volte al giorno in modo da poter differenziare il trucco da giorno da quello da sera per riuscire a valorizzare al meglio il proprio viso.

Leggi tutto...

Bevande energetiche naturali: facciamo chiarezza

Le bevande energetiche o Energy drink – come quelle di Vitelica – sono sempre più richieste sul mercato per le loro proprietà “energizzanti” appunto, per il senso di appagamento che infondono.

Leggi tutto...

Cibi sani: l'importanza di mangiare correttamente

Mangiare in modo sano ed equilibrato è la prerogativa fondamentale di un regime alimentare salutare e utile all'organismo di un individuo. La presenza di cibi sani anche all'interno di una dieta è infatti importantissimo.

Leggi tutto...

I più condivisi

Ridurre l'appetito naturalmente: 18 cibi per tenere a freno la fame

Io non sono una grande fan del prendere pillole per la dieta o di quegli inserimenti suppletivi chimici che servono per la perdita di peso o per sopprimere l'appetito.

Leggi tutto...

Dieta diabete mellito tipo 2: cosa mangiare

Il diabete è una patologia della quale soffrono molte persone e che si può manifestare in età giovanile o in età adulta. Le persone affette da diabete devono necessariamente seguire una dieta diabete particolare ma non faticosa e spesso hanno bisogno di assumere farmaci specifici.

Leggi tutto...

Dieta per i glutei: scopri come tonificare il lato B

La zona più critica per tutte le donne è sicuramente quella dei glutei; molte infatti non sono soddisfatte del proprio fondoschiena. Molto spesso la conformazione di questa zona ha dei connotati di natura ereditaria o legati alla costituzione della persona e ospitano la tanto odiate cellulite ma è comunque possibile migliorarne l'aspetto con una dieta specifica per glutei.

Leggi tutto...

Dieta di insalata: perdere peso in modo naturale

Un ottimo rimedio per perdere i chili di troppo potrebbe essere quello di affidarsi a una dieta a base di insalate varie. Oltre ad aiutare il dimagrimento consentendo di perdere anche quattro chili in un mese, con un apporto calorico di circa 1.300 calorie; fornisce inoltre al nostro organismo numerosi principi nutritivi.

Leggi tutto...

Dieta depurativa dei tre giorni: risanare l'organismo

Spesso può capitare che dopo una cena abbondante, una festa o una cerimonia ci si sente un po’ appesantiti e l’ago della bilancia ci mostra qualche chilo in più rispetto al nostro peso forma

Leggi tutto...

Leggi anche...

Diete alternative: sveliamone i segreti

Secondo gli esperti dell’alimentazione, nessuno stile alimentare alternativo coincide totalmente con quello ritenuto ideale per un soggetto adulto, perché la dieta, per essere sana, deve essere varia ed equilibrata.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Rimedi contro la cellulite: sconfiggere la ritenzione idrica

Il lungo inverno ci sta finalmente salutando e la primavera con l’estate sono alle porte. E’ proprio in questo periodo che la maggior parte delle persone si accorge di aver perso il proprio peso forma, a causa anche delle lunghe e fredde giornate trascorse in casa a sgranocchiare snack vari e di dover correre ai rimedi contro la cellulite.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Quali esercizi fare per ridurre i dolori della lombalgia

Il mal di schiena è uno dei malesseri più ricorrenti nelle popolazioni nord occidentali, ma le tipologie di dolori alla schiena sono molteplici e ognuna ha cause e sintomatologie diverse. La lombalgia, per esempio, è una condizione dolorosa della colonna vertebrale che non è una malattia di per sé, ma sintomo di altre patologie.

Leggi tutto...
Go to Top