L'agopuntura è un metodo di cura cinese che consiste nell'inserire dei sottili aghi non forati nei tessuti del corpo; si utilizzano solitamente 9 modelli diversi di aghi a seconda del tipo di problema da trattare. Nel 1999 l'agopuntura è stata ufficialmente riconosciuta dall'Unione Europea, dopo una sessione del Parlamento Europeo dedicata alle medicine non tradizionali; anche l'OMS continua a garantire la formazione e la professionalità degli agopuntori.

Dolori e infiammazioni

L’OMS ovvero l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha effettuato degli studi specifici al fine di valutare l’efficacia di questo tipo di trattamento, di seguito è presente un elenco contenente tutte le patologie e infiammazioni che sono curabili grazie all’agopuntura.

  • sciatiche;
  • nevralgie;
  • asma;
  • spasmi;
  • ulcera duodenale.
  • tosse,
  • bronchite acute e cronica,
  • bronco-polmonite,
  • singhiozzo, se si applica tra lo sterno e l'ombelico;
  • malattie della vescica e degli organi digestivi, se si pratica tra l'ombelico e il pube;
  • malattie e disturbi della bocca;
  • abitudine al fumo e al bere;
  • malattie di carattere psicologico quali depressione e insonnia.
  • rinite allergica;
  • dissenteria acuta bacillare;
  • colica renale e biliare;
  • epigastralgia acuta,
  • dolore ai denti e al viso;
  • ipertensione essenziale;
  • leucopenia;
  • artrite reumatoide;
  • nausea della gravidanza;
  • ipotensione primaria;
  • induzione al parto;
  • errata posizione del feto;
  • dolore postoperatorio;
  • infiammazioni al ginocchio;
  • nausea e vomito;
  • ictus;
  • distorsione;
  • periartrite alla spalla;
  • epicondilite.

E’importante sapere che in alcuni paesi del mondo non sono richiesti specifici requisiti legali legati all’istruzione e alla preparazione degli agopuntori, invece in Italia possono praticare questo genere di trattamento solamente le persone che hanno conseguito una laurea in medicina e in veterinaria e hanno poi frequentato corsi specifici in materia.

Miocardio

È anche dimostrato chequesto trattamento sia in grado di prevedere l'infarto del miocardio prima che si manifesti. In Europa questa tecnica viene impiegata principalmente per l'anestesia durante gli interventi chirurgici o per eliminare dolori causati da tumori o nevralgie.

L’agopuntura rassoda inoltre i tessuti e distende le rughe senza bisogno di sottoporsi a interventi chirurgici, agevolando un ringiovanimento dell'epidermide e un maggiore assorbimento di creme e sieri. Nella seduta di agopuntura lo specialista applica un detergente sul volto, al fine di eliminare eventuali residui di smog o trucco; procederà poi con la penetrazione dell'ago inserendolo prima superficialmente, poi guidandolo in profondità. Gli aghi vengono lasciati sulla paziente per 20-30 minuti e il risultato sarà visibile dopo circa dieci sedute, da effettuare un paio di volte alla settimana, in poco più di un mese.

Caratteristiche di una seduta

Generalmente durante questo trattamento, l’agopuntore può utilizzare un numero variabile di aghi, che è compreso però tra sei e dodici. La tecnica cinese insegna che l’agopuntore deve maneggiare l’ago fino a quando il paziente avverte una sensazione di tensione cutanea. Una seduta può durare da pochi secondi a 45 minuti, in linea di massima gli aghi devono essere tolti dopo 20-30 minuti. A volte l’agopuntore consiglia anche l’utilizzo di alcuni preparati speciali, preparati seguendo i precetti della farmacologia cinese.

Caratteristiche del trattamento

Generalmente quando ci si rivolge a un agopunture per alleviare un particolare disturbo, questo dopo un’accurata visita del paziente stabilisce quante sedute di agopuntura è necessario effettuare per trarne benefici. La maggior parte dei medici italiani, seguendo i precetti della medicina Cinese, inizia con un ciclo di dieci sedute, che possono essere poi ripetute se non si avvertono dei benefici. Nella maggior parte dei casi i primi effetti benefici si iniziano a sentire già dopo la quinta seduta del trattamento.

La durata dell’effetto di questo particolare trattamento varia in base alla patologia e al paziente, è importante sapere che le persone che soffrono di infiammazioni croniche, devono effettuare dei cicli di sedute di richiamo. La maggior parte delle persone che si sottopongono a un trattamento di agopuntura non avvertono dolore, in rari casi però è possibile avvertire degli effetti collaterali, come intensificazione del dolore, nausea, sanguinamento ecc

Moxa: un'alternativa all'agopuntura

La Moxa (dal giapponese moe kusa - erba che brucia) è una terapia orientale che viene usata insieme o come alternativa all'agopuntura e consiste nel bruciare artemisia, detta anche erba di San Giovanni. In questa terapia si lasciano essiccare le foglie di artemisia e si ricavano da esse palline, coni o bastoncini lunghi circa 20 cm.

Gli svantaggi della Moxa

Gli svantaggi della Moxa sono legati alla lentezza del procedimento, alla quantità eccessiva di fumo scaturito dall'accensione dell'artemisia e soprattutto all'eventuale piccola ustione provocata sulla cute.

La terapia consiste nel porre bastoncini di artemisia vicino agli aghi di agopuntura e nel lasciarli bruciare fino alla fine, accendendoli lontano dalla pelle, a circa 2-3 cm, nella parte superiore. Il bastoncino utilizzato viene fornito dall'agopuntore o acquistato nelle farmacie che vendono anche medicine alternative.

In questo caso si può insegnare direttamente al paziente la tecnica, indicandogli i punti da trattare, il procedimento e l'orario adatto ad eseguire tale pratica. Solitamente si inserisce, tra la pelle e l'artemisia, dell'aglio, dello zenzero o del sale grosso, in base al tipo di situazione da curare.

Il pezzo di Moxa viene usato anche sopra l'ago di agopuntura, ma solo dai medici agopuntori; in questo caso non ci saranno ustioni ma si sentirà unicamente un calore diffuso.

A chi è sconsigliata

Questa terapia è sconsigliata: nei casi di febbre con temperatura che superino i 38°; se si soffre di ipertensione arteriosa acuta; nei bambini con età inferiore ai sette anni; nei diabetici; in tutti coloro che hanno una cute delicata.


Potrebbe interessarti

Dieta per il Natale: mangiare con gusto senza ingrassare

 

Quando il natale è alle porte risulta difficilissimo evitare di ingrassare durante tutto l'arco delle feste e non riuscire poi a smaltire i chili di troppo; in questo caso è necessario cercare di seguire una dieta per il Natale equilibrata, che permetta di passare le feste in allegria senza doversi poi pentire di tutto il cibo mangiato in eccesso.

Cibi Yang: scopri come unire cibi freddi ai cibi caldi

 Cibi Yang: unire cibi freddi ai cibi caldi

La dieta yin e yang è d'aiuto per depurarsi e a riequilibrare il proprio organismo. Essa nasce da antiche tradizioni cinesi, che prevedono dei cibi freddi (detti yin) e dei cibi caldi (detti cibi yang). La dieta a base di cibi yang è ricca di tante fibre, e apporta un regime di circa 1300 calorie al giorno; il consumo dei cibi yang o yin va scelto sopratutto in base alla tipologia di benessere psicofisico che stiamo cercando.

Dieta mestruazioni: quali cibi mangiare

Uno dei periodi più critici per tutte le donne, è quello del ciclo; durante la fase mestruale infatti ci si sente gonfie e pesanti, si ha spesso fame e sale la voglia di dolci, pane, focacce e pasta.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Dieta e ristorante: quante calorie ha una tagliata di manzo?

Molte persone che stanno seguendo un regime dietetico credono che ci sia un rapporto difficile tra dieta e ristorante. Quando si va al ristorante, magari per festeggiare un compleanno, un anniversario ecc. 

La dieta last minute: perdere velocemente peso

La dieta last minute (o dieta dell'ultimo minuto) è una dieta ipocalorica che consente di perdere al massimo 2-3 chili ed è consigliabile seguirla al massimo per cinque giorni. Durante questo periodo bisogna evitare l’allenamento troppo duro, preferendo esercizi di stretching o pilates per rilassare e allungare la muscolatura.

Dieta Birmingham: i segreti per tornare in forma

La dieta Birmingham, conosciuta anche con il nome di “Birmingham Heart Hospital Diet” e "Cardiac Unit of UAB Hospital Diet", è un tipo di regime alimentare molto in voga in America e utilizzato principalmente nei pazienti obesi che soffrono di problemi cardiaci.

Leggi anche...

Dieta del gelato: dimagrire con gusto

L’estate freme ad arrivare e con essa anche la nostra voglia di una linea impeccabile che spesso però vorremmo raggiungere senza troppe rinunce.
Per raggiungere dei buoni risultati però le rinunce ci sono e come, e di conseguenza è bene mettersi l’anima in pace a fare i sacrifici richiesti.

Leggi anche...

Maschera Osmotica: eliminare le tossine cutanee

Molto spesso il nostro viso può risultare spento e teso; questo è dovuto principalmente allo smog che la nostra pelle assorbe, agli agenti atmosferici e alle cellule morte che si trovano sull’epidermide. Tutto ciò rende il nostro aspetto poco attraente. Niente paura però! Infatti esiste un trattamento, detto maschera osmotica, che consente di donare nuovamente alla pella quella luminosità e quello splendore che con il tempo si è perso.

Leggi anche...

Quali esercizi fare per ridurre i dolori della lombalgia

Il mal di schiena è uno dei malesseri più ricorrenti nelle popolazioni nord occidentali, ma le tipologie di dolori alla schiena sono molteplici e ognuna ha cause e sintomatologie diverse. La lombalgia, per esempio, è una condizione dolorosa della colonna vertebrale che non è una malattia di per sé, ma sintomo di altre patologie.