Massaggi per dimagrire: capiamo meglio come funzionano!

Spesso associamo la dieta solo con rinunce di tipo alimentare. In realtà, certi tipi di massaggi aiutano a stimolare il dimagrimento nel contesto di una vita attiva e di una dieta sana e l’utilizzo eventuale di creme apposite.
La premessa importante è che non esistono massaggi dimagranti in senso letterale, ma trattamenti che, grazie alla loro azione tonificante, rassodante, in grado di stimolare il metabolismo basale, aiutano l’azione di dimagrimento evitando contestualmente la formazione di rughe e inestetismi dovuti al calo di peso. Fame nervosa e stress sono le due principali cause dell’aumento di peso e dell’obesità e per tale motivo alcuni trattamenti, come per esempio il linfatico di cui parleremo nel paragrafo successivo, hanno proprio come scopo quello di eliminare i grassi riducendo il peso corporeo del paziente. Ma gli effetti di queste cure sono molteplici e riguardano anche l’aspetto fisico, il buon umore e il rilassamento di corpo e mente.

Il Massaggio Linfodrenante e Rassodante

Un primo tipo di massaggio che consente dimagrire stimolando il metabolismo la circolazione linfatica è quello linfodrenante: tra i benefici apportati ci sono l’eliminazione di fatica e stress e la riattivazione della circolazione. Dal punto di vista pratico, il linfodrenante impiega movimenti circolari che partono da punta dei piedi risalendo via via la gamba. Infatti, lavorando sui linfonodi, si riattiva il passaggio della linfa e questo trattamento può portare importanti benefici sia dal punto di vista medico che estetico. E’ particolarmente indicato, anche se si è sviluppato recentemente, per chi vuole perdere chili, visto che elimina i grassi in eccesso e diminuisce sensibilmente il desiderio di fame.

Non da trascurare è anche l’effetto modellante del massaggio rassodante, che agendo su cosce, glutei, consente di sciogliere gli accumuli di grasso localizzati in queste zone.

Uno dei trattamenti più richiesti è infine massaggiare la zona addominale, per arrivare a quella famosa pancia piatta che è un dogma sia per gli uomini che per le donne. Ma questo tipo di pratica ha anche altri vantaggi, come per esempio facilitare la digestione metabolizzando nel migliore dei modi i cibi che mangiamo, liberando allo stesso tempo il corpo dalle tossine. Una pratica molto consigliata soprattutto se si fa sport, per abbinare diversi obiettivi da perseguire allo stesso tempo.

Scegliere con cura il trattamento ideale

Ovviamente, la qualità dei due trattamenti dipenderà molto anche dalla scelta di chi lo effettua. Da questo punto di vista è importante dedicare del tempo a scegliere un centro estetico un centro benessere specializzato in questo tipo di trattamenti. In tutte le grandi città, Milano, Roma, Torino, Bologna, i massaggi di qualità vengono effettuati da personale specializzato nel contesto di centri seri.

Accertarsi della professionalità del centro in cui si sta per effettuare la terapia è importante non solo in vista di risultati che si vogliono ottenere, ma anche soprattutto per le eventuali conseguenze negative dal punto di vista della salute in cui si incorrerebbe scegliendo un centro benessere amministrato da persone non adeguatamente qualificate.
Informarsi su un centro benessere è semplice: dalle opinioni su Internet a una visita direttamente in loco, che potrà chiarire alla disponibilità e la professionalità del personale impiegato e l’eventuale presenza di casi di successo nell’ambito.

Molteplici scopi positivi

Gli effetti positivi di questi trattamenti sono molteplici e non sono da riassumere solamente nella perdita di peso e grassi in eccesso. Questi massaggi infatti permettono di risollevare l’umore rilassando al tempo stesso corpo e mente, in un momento storico, come quello attuale, dove c’è molto stress e frenesia in giro che può portare fuori giri le persone. Altri benefici, come appena ricordato, riguardano anche il lato estetico del paziente che migliora sensibilmente il proprio aspetto grazie a questi trattamenti. Un mix efficace che quindi non può essere sintetizzato solo nel dimagrire di peso. La scelta della cura, come per esempio il linfatico, riguarda una tecnica nuova dove liberando i linfonodi si hanno miglioramenti sotto tutti i punti di vista.
L’importante è mettersi nelle mani di persone esperte e non fidarsi invece di falsi medici o fisioterapisti che lavorano in questo campo ma che in realtà non avrebbero i titoli per farlo.

Dimagrire nei centri benessere: dieta, massaggi e fitness

“Mangia sano, bevi molta acqua e fai un po’ di movimento”: dimagrire potrebbe sembrare facile, ma le insidie della dieta sono molte e la fatica necessaria per mandare via gli odiosi chiletti accumulati durante l’inverno porta spesso ad abbandonare i buoni propositi.

E se invece ci fosse un modo per andare in vacanza, rilassarsi e contemporaneamente dimagrire?

Le terme sono i moderni templi del benessere in cui è possibile abbinare programmi relax a programmi di remise en forme che, di rilassante, in effetti, hanno forse poco, ma che si rivelano spesso efficaci: la giusta combinazione tra cibo light, fitness e trattamenti drenanti da, infatti, i suoi frutti.

Questa è la promessa fatta dai migliori centri benessere d’Italia, in cui è possibile usufruire dei tanti servizi offerti all’interno della struttura termale in cui sono ubicati.

Programmi dietetici

Detox, ipocalorici, proteici, l’importante è che questi programmi dietetici siano personalizzati e pensati per soddisfare le singole esigenze di benessere e remise en forme, con l’obiettivo di educare il “paziente” a una giusta alimentazione.

Non vi aspettate quindi piccole porzioni di verdure insapore, lesse e senza condimenti, ma, piuttosto, pasti frequenti serviti in maniera attenta con la giusta combinazione di alimenti e sapori.

Massaggi

L’importanza dei massaggi nei programmi dietetici proposti nei centri di benessere termali è legato al fatto che il massaggio aiuta il corpo a disintossicarsi e ad assorbire al meglio le sostanze nutritive.

I massaggi detox proposti nei centri benessere, per esempio, hanno il fine di sciogliere le tensioni, stimolare la circolazione, l’espulsione delle tossine e il fluire armonioso dell’energia.

Fitness

Che si tratti di yoga, cyclette e tapis roulant, hydrobike, shape gambe e glutei, si sa, l’esercizio fisico è alla base di tutti i programmi dietetici.

E’ risaputo infatti che non basta mangiare bene o, come si dice, mangiare meglio per perder peso.

Ritrovare la forma fisica perduta è già un esercizio di per sé e il fitness è la conditio sine qua non per poter raggiungere la perdita di peso che ci si è prefissati.

I centri benessere conoscono questa “regola” e, per questa ragione, propongono sempre programmi fitness che massimizzano l’efficacia della dieta e dei trattamenti benessere.

Articolo aggiornato il

Ultimi aggiornamenti

Contatti

Per contattare la redazione del sito Buonadieta scrivere all'indirizzo email enr.mainero@gmail.com

 

Dimagrimento e Cellulite




La dieta in vacanza: alcuni consigli su come osservarla!

Quando si trascorre un anno a fare la dieta per arrivare in vacanza in forma smagliante, risulta estremamente difficile mantenere i buoni propositi nel periodo di relax, con il conseguente pericolo di vanificare gli sforzi fatti in poche settimane.

Trucchi per mantenere il peso

Per quanto mantenere la dieta in vacanza possa sembrare un’impresa improba, specie in un periodo in cui, liberi dalle tensioni, si da libero sfogo alle proprie pulsioni, è sufficiente seguire alcuni piccoli consigli.

Non saltare il pranzo

Libere dagli impegni quotidiani, molte persone pensano di mettersi a dieta in vacanza saltando il pranzo; questo escamotage è controproducente perché:

  • il digiuno prolungato è debilitante per l’organismo;
  • la fame stimola a “darci dentro” alla prima occasione.

Attenzione ai farinacei

Il classico panino o trancio di pizza che si mangia in vacanza è un concentrato di farinacei non indifferente; è consigliabile abusare il meno possibile di questi “rimedi al pasto facile” e prepararsi un pranzo al sacco più salutare.

Evitare troppi condimenti

Anche piatti salutari come le insalate celano delle insidie: un eccesso di condimento, adottato magari per sopperire alla mancanza di cibi più gustosi, può rendere la pietanza assai più calorica di quanto si pensi, vanificando lo sforzo; non eccedete pertanto con tonno e maionese!

Piatti sani per una dieta in vacanza

Come anticipato, un piatto preparato da sé è certamente più sano di pizza e piadine: che sia un’insalata fatta in casa o un panino, è bene scegliere i giusti ingredienti e non esagerare con le dosi.

Bresaola, prosciutto crudo sgrassato, olio extravergine sono tutti alimenti con poche calorie, particolarmente adatti per mantenere una dieta in vacanza, e sono facilmente inseribili in panini o insalate di riso.

Bere molta acqua

In vacanza, specie nei periodi estivi, è opportuno bere molta più acqua del solito, anche più di due litri al giorno; abbinando questa pratica all’assunzione di molta frutta si contrasterà la dispersione di Sali minerali e si ridimensionerà di molto la fame.

Il valore di una buona attività fisica

E’ quasi scontato, ma una dieta in vacanza serve a poco se non è abbinata ad un certo esercizio fisico: attività come camminare, nuotare, o (per i più motivati) correre, accelerano il metabolismo e rimettono in moto un corpo che è stato per troppi mesi dietro una scrivania.

La dieta durante le vacanze natalizie

Uno dei periodi più temuti da chi fa quotidianamente attività sportiva è durante le feste di Natale: dalla vigilia fino al cenone di Capodanno, è un susseguirsi di pranzi e cene molto abbondanti, il che può provocare quei chili in più che si erano persi nei mesi precedenti. Certo, seguire una dieta durante questo periodo sarebbe azzardato sia perchè sono sempre necessari un po’ di giorni dove si riposa corpo e mente sia perchè si può scegliere comunque di mangiare equilibrato senza togliersi lo sfizio di panettoni e pandori che capitano una volta l’anno.

La cosa importante è riprendere con costanza i ritmi sia dell’alimentazione che dell’attività sportiva appena concluse le Feste: non è un caso che le palestre hanno un boom di presenze proprio in questi giorni o che si incontrino tante persone che fanno jogging per smaltire tutti i pranzi di questo periodo.

C’è però un alimento, soprattutto durante le Feste, che ha tantissime qualità per il corpo umano: la frutta secca, come noci, mandorle o fichi secchi. La cosiddetta frase “mangiare tre noci al giorno” ha una sua validità perchè tantissimi sono i benefici di questa frutta secca: diminuisce il rischio di malattie cardio-vascolari e abbassa allo stesso tempo il valore del colesterolo, regolando la pressione sanguigna. Inoltre, le noci sono piene di Omega 3, “acidi grassi essenziali”, che sono contenuti soprattutto nei pesci. Un frutto quindi essenziale da abbinare accanto ai più celebri torroni, panettoni e pandori, tipici di Natale e Capodanno.

I piani dietetici

Tuttavia, su Internet si trovano diversi piani dietetici da seguire durante questo periodo, come quello di mangiare liberamente nei giorni di Festa (Natale, Santo Stefano e Capodanno) ma di controllare beni gli altri giorni, soprattutto quelli appena post feste (il 27 dicembre e il 2 gennaio) chiamati di compenso. Nei giorni di “compenso” la dieta è a basso contenuto calorico, con lo scopo principale di disintossicare il corpo da tutte le “mangiate” e abbuffate. Il consiglio, se si sta seguendo un determinato programma dietetico, è quello di recarsi dal nutrizionista di fiducia che stilerà una tabella apposita in questi giorni “caldi”, in modo da tornare dopo le Feste con un intatto peso forma e senza chili in più da smaltire.


 
ElaMedia Group SRLS Partita IVA: 12238581008 - Tel.06/99922584
www.buonadieta.it di Enrico Mainero - email enr.mainero@gmail.com - Roma -